Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Quanto successo negli Emirati Arabi Uniti dove un judoka israeliano, Tal Flicker, dopo aver vinto la medaglia d’oro nel torneo Grand Slam ad Abu Dhabi si è visto negare l’inno nazionale dopo che gli arabi avevano impedito persino di indossare le divise con il nome di Israele, è qualcosa che non può passare in sordina nel comitato olimpico e negli organismi sportivi mondiali.

Negare l’inno nazionale a un atleta di una nazione democratica è un fatto di una gravità inaudita, un fatto che se non adeguatamente affrontato si potrebbe ripetere in altre manifestazioni sportive organizzate dai paesi arabi. Cosa succederebbe per esempio se Israele dovesse qualificarsi per i mondiali di calcio che si terranno in Qatar nel 2022? Cosa fanno, non li fanno giocare? Li fanno giocare con la maglietta anonima? Non suonano l’inno israeliano all’inizio delle partite?

Non si può lasciar correre su questo gravissimo episodio perché se lo si accetta oggi, domani i paesi arabi nei quali si svolgono manifestazioni sportive si sentiranno liberi di rifarlo. L’odio anti-israeliano è già sufficientemente presente nelle manifestazioni sportive per essere tollerato ulteriormente per di più con un atto gravissimo qual’è stato quello commesso dalle autorità sportive degli Emirati Arabi Uniti.

E francamente c’è da rimanere basiti del fatto che nessuno tra le “grandi democrazie” occidentali non abbia trovato nulla da ridire, come se fosse una cosa normale, come se trasformare una manifestazione sportiva in un attacco politico a una intera nazione fosse del tutto normale.

Stando così le cose l’unica azione sensata che rimane da fare è vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi, ripagare la loro discriminazione con la stessa moneta. Di trasformare lo sport in una corsa all’odio antisemita ne abbiamo abbastanza.

Recently Published Stories

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

kurdistan trump

Trump tradisce vergognosamente il Kurdistan. Tutto chiacchiere e distintivo

Se il tradimento di Trump nei confronti dei curdi lo avesse fatto Obama a quest’ora sarebbe stato seppellito dalle critiche. Invece con Trump tutti vergognosamente zitti

nazisti cappuccetto rosso

I nazisti e Cappuccetto Rosso

Onestamente non mi spiego come gli amici di Israele possano gioire per l’avanzata della ultradestra nazista, non mi spiego come possano sminuire il pericolo cercando di farli passare come un normale partito di destra. E se poi a farlo sono addirittura degli ebrei allora…

Vietare le manifestazioni sportive nei p…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
1