Vivere con un serial killer come vicino di casa

Vivreste con un serial killer come vicino di casa? Provate a immaginare che il vostro vicino di casa sia un serial killer e che per di più abbia minacciato più volte pubblicamente di volervi ammazzare. Cosa fareste? Cosa fareste se nonostante le denunce e che le minacce a voi rivolte sia state fatte in maniera pubblica, nessuno intervenisse in vostro aiuto e che addirittura ci sia gente che sostiene il serial killer invitandolo ad ammazzarvi?

Ecco, ragionateci un attimo sopra. E’ esattamente così che si sentono i cittadini israeliani. Hanno un serial killer vicino di casa, i cosiddetti “palestinesi”, che ha più volte e pubblicamente minacciato di volerli uccidere. Gli israeliani hanno denunciato queste minacce, effettivamente il serial killer ha colpito anche diverse volte, ma nessuno sembra ascoltarli, anzi, c’è una gara a chi sostiene di più e meglio il serial killer.

Provate per un attimo a immedesimarvi in questa situazione e ditemi cosa fareste voi. Immagino che vorreste difendervi dato che nessuno lo fa per vostro conto. Quindi rinforzereste la porta di casa in modo che il serial killer non possa entrare. Gli israeliani infatti hanno costruito un muro difensivo. Immagino che vi procurereste delle armi per potervi difendere. E infatti gli israeliani sono costretti a dedicare una cifra enorme del loro Prodotto Interno Lordo alle spese per la difesa. Ora immaginate un attimo che qualcuno venga a casa vostra e che vi dica che queste misure di difesa sono eccessive, che non si può impedire al serial killer di entrare in casa vostra e ammazzarvi perché questo viola il Diritto Internazionale, che chiudere fuori dalla porta il serial killer è un atto di apartheid e che vi potete difendere solo dopo che il serial killer vi ha colpito e che lo potete fare solo con calma e senza ferire nessuno perché altrimenti sarebbe una “reazione sproporzionata”.

Sareste d’accordo? Immagino di no. Eppure è esattamente quello che avviene con Israele. Hanno costruito un muro per difendersi dopo che con la seconda intifada i palestinesi avevano fatto saltare in aria decine di pulman, fatto attentati in ogni dove e ucciso centinaia di israeliani. Con quel muro difensivo hanno praticamente azzerato gli attentai, ma per il mondo quel muro provoca apartheid. E che dire del fatto che quando vengono attaccati gli israeliani si difendano? E’ una cosa più che normale. Ma per il mondo non lo possono fare e quando lo fanno uccidendo il terrorista serial killer che li vuole uccidere (o che li ha già uccisi), la loro è una reazione sproporzionata.

Insomma, per il mondo Israele si dovrebbe semplicemente arrendere al serial killer palestinese (ma ce ne sono tanti altri di serial killer) e farsi ammazzare senza difendersi. Voi lo fareste?

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Vivere con un serial killer come vicino …

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
1