Blog

Home Blog

E se Netanyahu fosse inadeguato?

Ho sempre sostenuto con convinzione il Premier israeliano, Benjamin Netanyahu, tanto che qualche imbelle ha pure sostento che il sottoscritto fosse pagato per farlo. Tuttavia ultimamente mi sono più volte chiesto se Netanyahu fosse veramente l’uomo giusto per gestire una situazione difficile come quella che sta vivendo Israele negli ultimi mesi.

Per ricapitolare:

  • due anni fa aveva posto una linea rossa invalicabile al programma nucleare iraniano oltrepassata la quale Israele sarebbe intervenuto anche senza il consenso del mondo. Ebbene, non solo quella linea è stata superata ma l’Iran ha trovato il modo (grazie a Obama) di uscire dalle sanzioni e nello stesso tempo di ampliare il suo programma nucleare.
  • Aveva promesso ai cittadini del sud di Israele, sotto una pioggia di missili, che avrebbe garantito la loro sicurezza. Dopo circa un anno di lanci ripetuti di missili, dopo addirittura aver tagliato il budget della difesa nel sud, finalmente si decide a reagire e da il via alla operazione “Margine Protettivo” , solo che sul più bello si ferma e non chiude la partita con Hamas. Il risultato è stato che Hamas ha già iniziato a riarmarsi, a costruire nuovi tunnel e in più si è beccato la solidarietà internazionale dimostrata con ben 5,3 miliardi di dollari.
  • Con la ANP non ha saputo sfruttare la fantastica occasione che gli arrivava dall’allontanamento di alcuni paesi arabi dalle posizioni di Abu Mazen, primi tra tutti Egitto, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, più preoccupati del ISIS che delle lagnanze palestinesi e obbiettivamente stanchi di gettare soldi in quel pozzo senza fondo che si chiama Palestina. Per mesi e mesi ha ceduto alle pressioni americane ed europee evitando accuratamente di imporre LUI le condizioni di Israele lasciando che fosse Abu Mazen ad andare in giro per il mondo a cercare di imporre le proprie. Ha permesso ad Abu Mazen di cavalcare l’onda della Intifada, di chiamare alla lotta per Gerusalemme, di soffiare sul fuoco della rivolta. Invece di applicare sanzioni alla ANP (come per esempio il blocco di tutti i trasferimenti di denaro) si è limitato a qualche cauta lagnanza. Sta dando l’impressione che Israele sia ostaggio delle pressioni internazionali, impressione confermata anche dalla visita del nuovo alto rappresentante europeo per la politica estera, Federica Mogherini. Certo, ha dato il via alla costruzione di qualche centinaio di appartamenti a Gerusalemme, quel tanto che bastava a ribadire il concetto che Gerusalemme è la capitale di Israele e non una colonia. Ma oltre non è andato. Anche recentemente, con gli attentati rivendicati apertamente da Hamas e sui quali aleggia chiaramente anche lo spettro dell’incitamento all’odio di Abu Mazen, non mi sembra di aver visto da parte di Netanyahu un atteggiamento duro come invece la situazione meriterebbe.

Non lo so, francamente a me sembra che Netanyahu non abbia le idee chiare su quello che deve fare, mi sembra un po’ troppo succube delle pressioni internazionali e dei desiderata palestinesi o della lady PESC di turno. Mi da l’impressione di essere un uomo messo all’angolo che non sa come uscirne.

Non discuto sul fatto che le crisi aperte siano tante e che certamente non è facile gestire una situazione come quella di Israele, circondata da nemici che lo vogliono distruggere. Ma proprio per questo sarebbe forse il caso di iniziare a mandare qualche messaggio chiaro e preciso. Una buona occasione era quella di chiudere i conti con Hamas, oltretutto con l’Egitto ampiamente favorevole a questa opportunità. Ma, come detto, Netanyahu ha deciso diversamente cedendo alle fortissime pressioni internazionali, dando a tutti quella indelebile impressione di debolezza i cui frutti purtroppo iniziano a palesarsi in questi giorni e che probabilmente diverranno sempre più evidenti.

Spero francamente in un vero colpo di coda da parte di Netanyahu, qualcosa che riporti Israele al suo ruolo. Spero che per una volta venga accantonato il polically correct e che si inizi a fare sul serio, a passare dalle parole ai fatti, a partire dalla questione iraniana.

La guerra per delegittimare Israele

Ormai la guerra per delegittimare Israele non conosce più soste. Prima le azioni del gruppo BDS, per altro nocive solo ai palestinesi che in migliaia hanno perso il lavoro, poi l’iniziativa alla FIFA affinché Israele venisse espulsa dall’organismo che controlla il calcio mondiale, iniziativa poi ritirata di fronte all’evidenza che non sarebbe riuscita. Adesso il prossimo terreno di scontro saranno presumibilmente le olimpiadi, almeno stando a quanto dice Jibril Rajoub, cioè il capo del calcio palestinese nonché Ministro dello sport e presidente del Comitato Olimpico Palestinese.

Sclerosi Multipla: come la ricerca israeliana può aiutare anche i malati italiani

La Sclerosi Multipla non si cura, almeno per il momento. Non credete ai venditori di fumo, per la Sclerosi Multipla una cura non c’è, tuttavia esistono medicinali che ne possono rallentare lo sviluppo degenerativo, ridurre gli episodi di ricaduta (le cosiddette recidive), aiutare il malato a vivere meglio. Nei casi più fortunati possono persino bloccare l’espansione delle placche infiammate.

Israele: un giardino nel deserto circondato da nemici

Un grande scrittore che io adoro, Paulo Coelho, ha scritto che: “ogni essere umano, nel corso della propria esistenza, può adottare due atteggiamenti: costruire o piantare. I costruttori possono passare anni impegnati nel loro compito, ma presto o tardi concludono quello che stavano facendo. Allora si fermano, e restano lì, limitati dalle loro stesse pareti. Quando la costruzione è finita, la vita perde di significato. Quelli che piantano soffrono con le tempeste e le stagioni, raramente riposano. Ma, al contrario di un edificio, il giardino non cessa mai di crescere. Esso richiede l’attenzione del giardiniere, ma, nello stesso tempo, gli permette di vivere come in una grande avventura”.

I servizi segreti iraniani a caccia dei sostenitori di Israele in Europa

I servizi segreti iraniani (SAVAK) avrebbero dato il via a una vera e propria caccia all’uomo in Europa, nello specifico avrebbero ordinato ai loro agenti di individuare i sostenitori più importanti di Israele per ucciderli o quantomeno per tenerli sotto controllo.

Elezioni Iran: miraggi moderati

iran-Hassan-Rohani-1

Fa quasi tenerezza vedere tanti “bravi giornalisti” scrivere questa mattina che in Iran c’è stata una svolta moderata, addirittura che l’onda verde massacrata da Ahmadinejad e dai suoi sgherri è stata vendicata. Secondo questi eminenti personaggi l’elezione di Hassan Rohani sarebbe quasi una rivoluzione riformista.

Iran: quella democrazia che vede solo Lucia Goracci

iran-anniversario-rivoluzione

Morte a Israele, morte al Grande Satana (gli Stati Uniti). Così oggi decine di migliaia di iraniani hanno festeggiato il 35esimo anniversario della Rivoluzione Islamica in Iran.

Migranti: la politica dell’accoglienza responsabile delle stragi

Questa mattina l’ennesima stage di migranti nel Canale di Sicilia. Oltre 50 morti a Lampedusa e nel momento in cui scrivo non è finita. Sembra che a bordo del gommone ce ne fossero 500 (notizia ANSA) tra i quali tantissimi bambini, donne incinta ecc. ecc. Una tragedia quasi senza precedenti, una strage di innocenti che non può lasciarci impassibili e che deve farci riflettere su chi abbia la responsabilità di tutto questo.

Migranti: l’Europa non può lasciare da sola l’Italia

migranti

Quanto accaduto ieri a Malta, quando le autorità dell’isola hanno rifiutato di soccorrere e accogliere 102 migranti nordafricani presi poi in carico dall’Italia, è un fatto gravissimo e criminale che deve far riflettere attentamente l’Unione Europea sia sulla permanenza di Malta nella UE che sul problema dei migranti che l’Italia è costretta ad affrontare da sola.

La Grecia insegna, politica e populismo sono due cose diverse

Se c’è una cosa che la questione della Grecia ci dovrebbe aver insegnato è che una politica fatta solo di populismo è matematicamente fallimentare. Tsipras ha vinto le elezioni facendo del populismo una vera e propria arma salvo poi trovarsi in difficoltà quando ha dovuto “fare politica” seriamente.

1,587FansLike
629FollowersFollow
112FollowersFollow

Ultimi articoli

I conti in tasca a Salvini. Perché non è il “padrone...

Davvero il popolo è con Salvini? Davvero «60 milioni di italiani» pendono dalle sue labbra e gli chiedono di «fare le cose» come ama...