Blog

Home Blog

Immigrazione: non è una questione di numeri ma di metodo

Puntuale come un orologio svizzero con il ritorno della bella stagione in Italia torna l’emergenza immigrazione e con essa tutte le polemiche politiche abbinate a questo fenomeno. Gli sbarchi a ripetizione favoriti dal bel tempo e dalla chiusura della “via dei Balcani” a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni, abbinati all’imminenza di elezioni politiche amministrative, hanno rinfocolato le polemiche da un lato e dall’altro.

Erdogan verso l’asse Russia – Iran. Ancora un regalo a Teheran

Non bastava aver regalato all’Iran quasi tutto l’Iraq, un buona fetta di Afghanistan, la Siria e il Libano, ora gli vogliamo regalare anche la Turchia.

Cosa comporta per i palestinesi la nascita della Palestina

OK, facciamo nascere questa Palestina, anche se il popolo palestinese non è mai esistito (e non tirate fuori la storia dei filistei), anche se la Cisgiordania dovrebbe essere parte della Giordania e Gaza parte dell’Egitto, anche se ci sarebbero popoli che ne hanno molto più Diritto (penso ai curdi), facciamo nascere questa benedetta Palestina e non pensiamoci più.

Mandela: l’imperfezione della coerenza

mandelaNon si può mai affermare che un uomo sia perfetto. Non lo era nemmeno Mandela, anzi, lui stesso ammetteva le sue molte imperfezioni.

Terrorismo islamico intelligente. Perché in Europa non colpisce?

terrorismo-islamico-vedove-nere

Nei giorni scorsi ho parlato di cosa sia veramente il terrorismo islamico. Ne abbiamo un esempio perfetto in questi giorni in Russia dove i l terrorismo ceceno è tornato a colpire due volte in due giorni aprendo quello che probabilmente è un ciclo di attentati mirati a destabilizzare i prossimi eventi che si svolgeranno proprio in Russia, cioè le olimpiadi invernali.

Incredibile John Kerry: anche in Africa ossessionato dalla Palestina

john-kerry

John Kerry, Segretario di Stato americano è letteralmente ossessionato dalla Palestina e dal conflitto israelo-palestinese. Ne ha dato una ulteriore prova ieri quando si è recato ad Addis Abeba, in Etiopia, per partecipare alla cerimonia per il 50esimo anniversario della nascita dell’Unione Africana.

Per colpa di Salvini sto diventando radical chic

Sotto certi aspetti Salvini mi ricorda Erdogan. Furbissimo a creare sempre un nemico mortale da dare in pasto al popolo affamato di sangue. Oggi, a seconda del momento e dell’evenienza, sono gli immigrati, i Rom, Macron, Saviano, le ONG, Soros, l’Europa, domani chissà a chi toccherà.

Quell’ingannevole amore dei nazi-fascisti per Israele

Onestamente mi sfugge la logica secondo la quale amici di Israele e persino ebrei idolatrino le destre estreme, quelle che per intenderci professano il ritorno del fascismo e del nazismo (ci sono altre formazioni di destra liberale che non si sognerebbero mai di augurarsi una cosa simile).

Avranno bisogno di un governo tecnico da incolpare

Mettetevi il cuore in pace, a prescindere dalle elezioni in Sardegna e prima ancora di quelle in Abruzzo, questo Governo è destinato a durare ancora un po’, almeno fino a quando i disastri economici che sta causando non necessiteranno di un Governo tecnico.

Non ci sono più scuse: attaccare l’ISIS e farla finita, costi quel che costi

Siamo passati dagli sgozzamenti in diretta alla incredibile crudeltà di veder bruciare vivo un uomo senza battere ciglio. I media vogliono di più e l’ISIS glielo da. Il video del pilota giordano bruciato vivo ha fatto il giro del mondo suscitando indignazione e incredulità (e per chi non lo ha visto sconsiglio veramente di farlo). Ma incredulità per cosa? Questi mostri non si fermeranno con lo sdegno e con l’incredulità e ormai ci hanno abituato all’impensabile.

1,596FansLike
629FollowersFollow
113FollowersFollow

Ultimi articoli

Sclerosi Multipla: attenti ai ciarlatani e ai venditori di sogni impossibili

Purtroppo mio malgrado sono costretto a tornare su un argomento che ogni volta che lo tratto mi fa salire la pressione a mille: quello...