Medio Oriente

Home Blog Medio Oriente

Israele – Palestina: è l’approccio al problema che va cambiato e non il problema

israele palestina

E’ idea comune che il conflitto israelo-palestinese possa finire con la costituzione di due Stati separati e con il loro reciproco riconoscimento. Per questo motivo ultimamente Israele è stato da più parti criticato perché con la sua decisione di costruire nuove unità abitative a Gerusalemme Est e in Cisgiordania metterebbe in pericolo la soluzione dei due Stati.

Israele sotto pesante attacco terroristico, ma il mondo tace

E’ davvero incredibile come il mondo taccia in merito al pesantissimo attacco terroristico di cui è vittima Israele e in particolare i suoi cittadini. Di seguito riportiamo la cronologia degli attentati avvenuti ieri in Israele contro cittadini inermi (grazie a Tali per il suo puntuale e prezioso resoconto)

Iran: la diplomazia “intelligente e razionale” del prossimo Ahmadinejad

iran-Mohammad-Bagher-Ghalibaf

Chi sarà il successore di Mahmoud Ahmadinejad? Non lo sappiamo visto anche che il regime iraniano è facilmente suscettibile e non fatica a eliminare (non solo politicamente) quelli che considera lontani dalla linea politica degli Ayatollah. Tra tutti però c’è un nome che spicca, quello di Mohammad Bagher Ghalibaf, attuale sindaco di Teheran.

ISIL: antipasto islamico in salsa irachena

ISILGuardate bene quello che sta avvenendo in Iraq perché è solo l’antipasto di quello che ci aspetta. L’ISIL non è un qualsiasi gruppo terrorista, l’ISIL è un esercito ben armato e finanziato che sta combattendo su tre fronti e sta vincendo con facilità su tutti e tre.

Dieci domande da rivolgere a Netanyahu

netanyahu

Il sottoscritto è certamente uno dei più accesi critici di Barack Obama, persona che reputo vigliacco e allo stesso tempo cinico, un Presidente che negli ultimi anni ha fatto una marea di danni. Allo stesso tempo rimango un estimatore di Netanyahu anche se di recente ho qualche riserva pure sul suo operato che in alcuni casi ho visto come troppo succube proprio della politica di Obama. Le mie riserve le voglio esprimere sottoforma di domande che farei al Premier israeliano se lo avessi davanti.

Il codardo bluff degli Stati Uniti sulla Siria

sira-John-Kerry-Serghiei-Lavrov

Adesso la vogliono far passare come una “vittoria della diplomazia” quando in realtà altro non è che la certificazione universale della codardia degli Stati Uniti, una codardia che vuol dire debolezza, un insulto alla sola idea di democrazia che rappresentano gli Stati Uniti.

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Il Medio Oriente sta lentamente scivolando verso il baratro di una guerra ben più devastante di quelle viste fino ad ora, un conflitto che vede contrapposti Iran e Arabia Saudita e che rischia di coinvolgere tutta la regione e forse anche Paesi esterni al Medio Oriente.

Impossibile un accordo di pace tra Israele e palestinesi. Ecco perché

Ieri il capo negoziatore palestinese, Saeb Erekat, si è detto disponibile ad estendere i colloqui con Israele oltre la scadenza del mese di aprile a patto però che si raggiunga prima un “accordo quadro” che definisca i confini, la questione della sicurezza e la questione dei cosiddetti profughi.

Il vergognoso attacco di Obama a Israele e a Netanyahu

Prima o poi ci dovremo decidere a fare una petizione per inserire il palestinesimo nella lista delle malattie incurabili. Perché di una malattia si tratta, e pure grave, della quale sembra affetto il presidente americano, Barack Hussein Obama.

Quell’insopportabile alone rosso-bruno intorno ad Assad

Scrive una signora in un commento a un articolo che accusa Assad di aver usato armi chimiche: «non ci credo sia stato Assad… perché contro il suo popolo quando sta vincendo???? Duma quasi liberata , perché il gas? È il solito gioco sporco dell’America…».

1,596FansLike
629FollowersFollow
113FollowersFollow

Ultimi articoli

Sclerosi Multipla: attenti ai ciarlatani e ai venditori di sogni impossibili

Purtroppo mio malgrado sono costretto a tornare su un argomento che ogni volta che lo tratto mi fa salire la pressione a mille: quello...