fascismo-nazismo-roma

E ci definiamo “Paese civile”. Come possiamo essere un Paese civile se non riusciamo nemmeno a far rispettare le nostre leggi? E’ così ed è sotto gli occhi di tutti. Ieri a Roma è andata in onda una vera apologia del fascismo nel più totale disinteresse delle forze dell’ordine che, anzi, hanno protetto come si deve la manifestazione.

Teatro del reato in diretta che ha sancito di fatto il ritorno alla legalità del nazi-fascismo è stata la manifestazione organizzata da Forza Nuova presso l’Hotel Pineta di Roma dove si sono dati appuntamento il peggio dei partiti dell’ultra-destra europea. Oltre a Forza Nuova c’erano i greci di Alba Dorata,  gli inglesi del British National Party, gli spagnoli del Democracia National e non potevano mancare i tedeschi del Partito Nazionaldemocratico. Insomma, la creme della creme del nazi-fascismo europeo.

Naturalmente gli slogan contro l’Europa e, naturalmente, contro le banche ebraiche che controllano l’economia mondiale, si sono sprecati. Si è andati da affermazione del tipo «l’attacco alle nostre nazioni è deciso da sionisti e capitalisti» ad assurdità del tipo «quando in Spagna c’era Franco la Spagna era una potenza mondiale». Naturalmente saluti nazisti e fascisti a go go.

Ma non mi interessa francamente fare la cronaca di questa squallida messa in scena nazi-fascista (mancavano Leghisti e Grillini e il quadro sarebbe stato veramente completo), mi interessa invece sapere come sia possibile autorizzare una manifestazione del genere in uno Stato dove esiste il reato di apologia del fascismo. Oppure è stato cancellato senza dire nulla?

Dobbiamo dedurre che il nazismo e il fascismo siano tornati legali in Italia? Dobbiamo aspettarci bandiere  con il fascio o con la svastica in Parlamento? Già abbiamo Lega e M5S che si avvicinano moltissimo a questa ideologia ma almeno stanno attenti a non fare apologia del fascismo. Ora cosa facciamo? Autorizziamo pure l’apologia?

Non lo so, ma a me sembra che questo Paese stia veramente andando verso la deriva totalitaria. Possibile che la destra e la sinistra progressiste se ne stiano completamente zitte? Possibile che nessuno (e dico nessuno) si chieda se una manifestazione del genere (che immagino sarà stata autorizzata da qualcuno) sia legale o meno?  Insomma, una destra e una sinistra normale hanno un futuro oppure no? Forse è il caso di iniziare a chiedercelo.