Donna e Diritti: riflessioni di Daniela Zini



« Per quanto riguarda il problema della libertà, per me si riduce a una questione di parole. Non acconsentirò mai a identificare la libertà con un certo numero di libertà politiche. In ciò che voi chiamate libertà io vedo solamente « delle » libertà. E quella che io chiamo lotta per la libertà non è che la continua e concreta conquista dell’idea di libertà. Colui che non vede la libertà come un bene ardentemente desiderato e crede di possederla, in verità possiede una cosa senza vita, senza anima ; perché la nozione di libertà ha questo di particolare, che si allarga costantemente. Se, dunque, ci si ferma e si proclama di averla conquistata, nello stesso atto avrà dimostrato esattamente di averla perduta… » Henrik Ibsen

Iran: servono altre prove?





Quante prove servono ancora per capire il piano criminale di Ahmadinejad? L’ultima è arrivata ieri dall’Argentina, al momento l’unica che ha avuto la decenza di chiamare il nuovo Ministro della Difesa iraniano, Ahmad Vahidi, con il suo vero nome: terrorista.

Afghanistan: Diritti delle donne in saldo elettorale

 



Tiene banco in queste ore il vertiginoso aumento della violenza in Afghanistan. I talebani stanno mantenendo la loro promessa di trasformare il voto che si terrà domani in un bagno di sangue. In questa escalation vengono purtroppo dimenticate le ragioni per cui si vota, le persone che si votano e le prospettive future di questo Paese simbolo del fallimento delle cosiddette “guerre per i Diritti” o delle “guerre umanitarie”.