Cuba: il governo cerca di placare i manifestanti con concessioni

Il governo cubano mercoledì ha mostrato segni di concessione alle proteste senza precedenti dei giorni scorsi.

I cubani erano scesi in piazza per manifestare contro le difficoltà economiche segnate dalla carenza di cibo, elettricità e altri beni di prima necessità.

Il governo aveva accusato i social media e gli Stati Uniti di aver incitato alle proteste. Ma mercoledì il presidente Miguel Diaz-Canel ha ammesso che i fallimenti del suo governo hanno avuto un ruolo nei disordini.

Poco prima che il presidente parlasse in televisione, il primo ministro cubano Manuel Marrero ha annunciato l’allentamento di alcune misure doganali e ha fatto nuove promesse ai manifestanti.

Cosa ha detto Diaz-Canel?

Il Presidente cubano Miguel Diaz-Canel parla alla nazione

Mentre il presidente cubano ha ribadito le sue accuse contro gli Stati Uniti, per la prima volta ha fatto un po’ di autocritica.

Dobbiamo acquisire esperienza dalle rivolte“, ha detto. “Dobbiamo anche fare un’analisi critica dei nostri problemi per agire superare, ed evitare che si ripetano”.

La nostra società non è una società che genera odio e quelle persone hanno agito con odio“, ha detto Diaz-Canel con riferimento a quelli che lui ritiene gli organizzatori delle proteste. Poi ha chiesto “pace, armonia e rispetto tra i cubani“.

Diaz-Canel ha aggiunto che “i cubani devono superare i disaccordi. Quello che dobbiamo promuovere è il dialogo, anche se abbiamo punti di vista diversi su alcune questioni. Così, dialogando tra tutti noi dobbiamo cercare di trovare soluzioni“.

Quali misure ha annunciato Cuba?

I cittadini cubani che fanno viaggi all’estero possono portare a casa articoli da toeletta, cibo e medicine – alcuni dei prodotti più difficili da trovare a Cuba – senza pagare la dogana, ha detto Marrero.

Secondo la legge cubana, i viaggiatori che arrivano qui possono portare fino a 10 chilogrammi (22 libbre) di medicine esentasse. Possono anche portare quantità limitate di cibo e attrezzi per l’igiene personale ma devono pagare i dazi doganali.

Ma a partire da lunedì e fino alla fine del 2021, i limiti e i doveri vengono revocati, ha detto Marrero.

Il primo ministro ha anche affermato che il governo sta lavorando per migliorare il sistema elettrico nazionale.

I funzionari cercheranno anche di migliorare la fornitura di medicinali, ha affermato Marrero.

Nel frattempo, il ministro dell’Economia Alejandro Gil ha annunciato che il governo istituirà regole promesse da tempo per gli imprenditori per creare piccole e medie imprese.

Qual è la situazione a Cuba?

Domenica sono scoppiate proteste anti-governative per la carenza di cibo e medicine e per le interruzioni dell’elettricità.

Alcuni manifestanti hanno chiesto un ritmo più rapido per l’introduzione della vaccinazione contro il COVID e altri hanno chiesto un cambiamento politico a Cuba, dove il Partito Comunista ha governato per sei decenni.

Le forze di sicurezza hanno arrestato decine di manifestanti mentre i funzionari accusavano i manifestanti di saccheggi e atti di vandalismo.

I gruppi per i diritti locali hanno affermato che più di 5.000 persone, tra cui 120 attivisti e giornalisti, sono state arrestate, secondo i rapporti compilati dal sito di notizie online 14ymedio.

Sono state segnalate anche interruzioni di Internet, restrizioni sui social media e piattaforme di messaggistica.

La pandemia di COVID-19, le inefficienze nell’economia statale e l’inasprimento delle sanzioni statunitensi sull’isola hanno spinto Cuba nella peggiore crisi degli ultimi anni.

Franco Londei
Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia