Sarà Kelly Craft a sostituire Nikki Haley come ambasciatore USA all’Onu

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato ieri sera di aver scelto Kelly Craft, attuale ambasciatore degli Stati Uniti in Canada, come successore di Nikki Haley per rappresentare gli USA alle Nazioni Unite.

Il Presidente Trump aveva preso in considerazione altri due nomi oltre a quello di Kelly Craft, quello di Richard Grenell, attualmente ambasciatore americano in Germania, e quello di John James, ex candidato al Senato per lo Stato del Michigan.

In realtà la prima scelta di Trump per sostituire Nikki Haley all’ONU sarebbe stata quella di Heather Nauert, attuale portavoce del Dipartimento di Stato, ma la Nauert aveva fatto subito sapere di non essere disponibile a lasciare il suo posto nonostante le forti pressioni del Presidente.

La decisione di scegliere Kelly Craft è stata presa anche grazie al fatto che l’attuale ambasciatore in Canada ha un curriculum di tutto rispetto che l’ha vista, tra le altre cose, membro della delegazione statunitense all’Assemblea generale dell’ONU sotto l’amministrazione del presidente George W. Bush, oltre al ruolo svolto durante il perfezionamento dell’accordo commerciale USA-Messico-Canada. Poi ci sarebbe stato l’aperto sostegno datole da Mike Pompeo.

I maligni a Washington sostengono che Trump abbia scelto Kelly Craft, moglie del miliardario Joe Craft, per il fortissimo sostegno economico fornito dalla coppia alla campagna elettorale del Presidente Trump, ma in realtà sembra essere effettivamente la più adatta a sostituire Nikki Haley in un momento nel quale sul tavolo ci sono dossier molto pesanti come il ritiro dall’Afghanistan e la questione venezuelana.

Non è ancora chiaro cosa farà invece Nikki Haley che non solo ha rappresentato al meglio gli Stati Uniti ma che ha condotto in seno alle Nazioni Unite una fortissima battaglia a favore di Israele e contro lo smaccato sentimento anti-israeliano presente all’interno dell’ONU.

In una dichiarazione rilasciata pochi giorni fa Nikki Haley ha rivendicato il buon lavoro svolto in seno alle Nazioni Unite, ha elogiato la politica di Trump in Medio Oriente ma soprattutto ha rimarcato l’eccellente lavoro svolto insieme a Jared Kushner, giudicato “un genio nascosto”.

Non sarà facile per Kelly Craft sostituire Nikki Haley alla quale vanno i ringraziamenti di Israele e di tutto il mondo libero mentre a chi le succede vanno gli auguri di buon lavoro.

Franco Londei
Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia