Gli Stati Uniti reintroducono le sanzioni al Venezuela

Gli Stati Uniti hanno dichiarato che ripristineranno le sanzioni al Venezuela a seguito della decisione della Corte Suprema di Giustizia venezuelana di squalificare Maria Corina Machado, la principale candidata dell’opposizione alle elezioni presidenziali del 2024.

“In assenza di progressi tra il presidente Nicolas Maduro e i suoi rappresentanti e la Piattaforma Unitaria dell’opposizione, in particolare per consentire a tutti i candidati presidenziali di competere nelle elezioni di quest’anno, gli Stati Uniti non rinnoveranno la licenza alla sua scadenza il 18 aprile 2024”, ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller, riferendosi alla licenza del Tesoro, che consentiva un’ampia ripresa delle transazioni con l’industria petrolifera venezuelana.

“Inoltre, gli Stati Uniti revocano la Licenza Generale 43, che autorizzava le transazioni con la Minerven, la società mineraria d’oro di proprietà dello Stato venezuelano”, ha dichiarato Miller in un comunicato. “Le persone statunitensi avranno quattordici giorni di tempo per concludere qualsiasi transazione precedentemente autorizzata da tale licenza”.

Il capo della delegazione del governo venezuelano che sta conducendo colloqui di conciliazione con l’opposizione ha avvertito che ci sarà una risposta severa da parte del suo Paese se gli Stati Uniti ripristineranno le sanzioni contro il settore energetico, sospese a ottobre per sei mesi.

“Siamo molto attenti alle azioni che gli Stati Uniti intraprenderanno nei prossimi giorni e che potrebbero essere considerate aggressive nei confronti del diritto di questo Paese di vivere in pace, di progredire e di veder revocate tutte le misure coercitive unilaterali”, ha dichiarato Jorge Rodriguez in una conferenza stampa.