Nucleare iraniano: Biden abbandoni l’idea di qualsiasi accordo con l’Iran

nucleare iraniano opinioni
Biden sembra credere di avere a che fare con un gruppo di persone razionali e pragmatiche con cui poter fare affari, ma gli iraniani non sono certo questo tipo di persone

Opinione del Dr. Iman Foroutan, presidente di The New Iran – Quando il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden è arrivato in Israele mercoledì scorso per una visita di tre giorni, il programma nucleare iraniano era in cima all’agenda dei funzionari israeliani.

Dal suo arrivo alla Casa Bianca nel gennaio 2021, il presidente ha lavorato per rientrare nel fallimentare accordo nucleare, il Piano d’azione congiunto globale del 2015 (JCPOA), dal quale l’allora presidente Donald Trump si è ritirato nel 2018.

In un articolo del Washington Post, Biden ha attaccato la precedente amministrazione statunitense per aver abbandonato l’accordo nucleare, scrivendo: «La mia amministrazione continuerà ad aumentare la pressione diplomatica ed economica fino a quando l’Iran non sarà pronto a tornare a rispettare l’accordo nucleare del 2015».

Biden è impegnato a tornare all’accordo nucleare con l’Iran – un accordo che ha visto l’amministrazione Obama inviare 100 miliardi di dollari all’Iran, compreso un C-130 Hercules che trasportava 400 milioni di dollari in contanti il 16 gennaio 2016, come ha riportato la CNN. Il regime islamico ha poi usato quel denaro per scatenare guerre massicciamente destabilizzanti nella Striscia di Gaza, in Iraq, in Libano, nello Yemen e altrove.

L’accordo nucleare del 2015 ha chiaramente favorito la Repubblica islamica e ha lasciato la porta aperta all’Iran per continuare segretamente con le sue ambizioni nucleari. In altre parole, è stato un accordo terribile. Il Presidente Biden deve capire che nessun nuovo accordo cambierà mai il comportamento dei mullah.

Le nazioni occidentali devono tutte fare i conti con la realtà e la natura del regime islamico in Iran. Una definizione di follia, talvolta erroneamente attribuita ad Albert Einstein, consiste nel fare ripetutamente la stessa cosa aspettandosi risultati diversi. Quando gli individui commettono errori, le conseguenze sono limitate. Ma quando sono le nazioni a sbagliare, i risultati possono essere catastrofici. È scoraggiante vedere la migliore speranza di libertà e democrazia del mondo, gli Stati Uniti d’America, commettere ripetutamente gli stessi errori nei confronti del regime iraniano.

Biden, proprio come l’ex Presidente Barack Obama, sembra credere di avere a che fare con un gruppo di persone razionali e pragmatiche con cui poter fare affari. Una sorta di persone che possono trovare una via di mezzo in qualsiasi accordo. I mullah non sono certo il tipo. Sono fanatici religiosi fino al midollo che sono spinti – ora che sono al potere e siedono su un mare di oro nero – dal loro sogno messianico mortale di governare il mondo con qualsiasi mezzo per indirizzare il mondo secondo la visione idealizzata dell’Islam sciita.

Nel trattare con i mullah, sempre imbroglioni e subdoli, l’amministrazione Biden deve rendersi conto che i mullah sono super esperti nell’arte dell’imbroglio. Sanno che i deboli occidentali si sentono produttivi quando “parlano” e si impegnano in “negoziati”. Queste attività non servono a nulla; ma d’altronde, ottenere qualcosa che non sia l’avanzamento della propria carriera e la generazione di un immeritato senso di autostima non è mai l’obiettivo di diplomatici sprovveduti.

La situazione dell’Iran è davvero terribile. Il “problema Iran” è ora un problema mondiale. La domanda è: cosa fare con l’Iran? Negoziare un “accordo” con i teocrati iraniani è peggio di un’acquiescenza, perché qualsiasi accordo concluso con questi mullah è solo un altro espediente per portare avanti i loro piani.

Le sanzioni devono essere quindi istituite immediatamente con grande selettività e attenzione per ottenere un rapido cambiamento di regime. Di seguito sono elencate alcune possibili azioni da prendere in considerazione:

  • Applicare le sanzioni delle Nazioni Unite ispezionando tutte le navi dirette ai porti iraniani per assicurarsi che non stiano trasportando materiale proibito. A parte le navi di cui si sa che trasportano prodotti alimentari e medicinali, ogni nave dovrebbe essere sottoposta a un’accurata ispezione.
  • Bloccare o rallentare l’importazione di prodotti petroliferi raffinati da parte dell’Iran. Adottare tutte le misure necessarie per bloccare gli investimenti stranieri in Iran. Fare pressione sui governi affinché smettano di fare affari con il regime terroristico della Repubblica Islamica in Iran.
  • Bloccare o congelare tutti i beni dei funzionari passati e presenti della Repubblica islamica dell’Iran all’estero, sulla base del fatto che si tratta di fondi rubati alla nazione iraniana, e subordinare il loro rilascio alla revisione di tribunali internazionali imparziali.
  • Proiettare una massiccia campagna di informazione in Iran, attraverso la radio, la televisione, la stampa e Internet, per informare la popolazione che le sanzioni sono rese necessarie dall’intransigenza della Repubblica islamica dell’Iran, che si rifiuta di abbandonare la sua volontà di dotarsi di un arsenale nucleare.
  • Dichiarare inequivocabilmente l’impegno a rispettare l’integrità territoriale dell’Iran e il diritto degli iraniani di decidere, attraverso un processo democratico, tutte le questioni relative alla loro vita e al loro Paese.
  • Avviare, senza ritardi o equivoci, un programma completo di assistenza a tutti i gruppi di opposizione democratica iraniani, sia all’interno che all’esterno dell’Iran, nella loro lotta per realizzare il cambiamento di regime. Dichiarare e trattare il regime clericale come illegittimo.

In breve, non si deve mai permettere ai mullah iraniani di acquisire un sistema di lancio per trasportare la loro bomba nucleare. Il popolo iraniano non desidera altro che un completo cambio di regime attraverso il processo veramente democratico. Credono che sia il modo più sicuro e rapido per ottenere un Iran democratico e porre fine all’incubo mondiale dell’olocausto nucleare, che attualmente tutti noi stiamo affrontando.

attacco russo a odessa

L’attacco russo a Odessa è uno «sputo in faccia a ONU e Turchia»

Ci sono volute meno di 24 ore perché la Russia lanciasse un attacco missilistico contro il porto di Odessa, infrangendo le sue promesse e minando i suoi impegni di fronte alle Nazioni Unite e alla Turchia nell'ambito dell'accordo di Istanbul

You May Also Like