L’attacco russo a Odessa è uno «sputo in faccia a ONU e Turchia»

attacco russo a odessa
Ci sono volute meno di 24 ore perché la Russia lanciasse un attacco missilistico contro il porto di Odessa, infrangendo le sue promesse e minando i suoi impegni di fronte alle Nazioni Unite e alla Turchia nell’ambito dell’accordo di Istanbul

Missili russi hanno colpito il porto ucraino di Odessa, sul Mar Nero, poche ore dopo che Mosca e Kiev avevano firmato un accordo per consentire la ripresa delle esportazioni di grano proprio da quel porto.

Il Ministero degli Esteri ucraino ha definito gli attacchi di oggi come «sputi in faccia» alla Turchia e alle Nazioni Unite, che hanno mediato gli accordi.

Due missili da crociera russi Kalibr hanno colpito le infrastrutture del porto e le difese aeree ucraine ne hanno abbattuti altri due, ha dichiarato il Comando meridionale dell’esercito ucraino. Non ha specificato i danni e non ha detto se l’attacco ha causato vittime.

«Ci sono volute meno di 24 ore perché la Russia lanciasse un attacco missilistico contro il porto di Odessa, infrangendo le sue promesse e minando i suoi impegni di fronte alle Nazioni Unite e alla Turchia nell’ambito dell’accordo di Istanbul», ha dichiarato il portavoce del Ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko. «In caso di mancato adempimento, la Russia si assumerà la piena responsabilità di una crisi alimentare globale».

Nikolenko ha descritto l’attacco missilistico nel 150° giorno della guerra della Russia in Ucraina come uno «sputo in faccia al Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres e al Presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che hanno fatto grandi sforzi per raggiungere un accordo».

L’ufficio di Guterres ha dichiarato che il capo delle Nazioni Unite «condanna inequivocabilmente» gli attacchi.

«Ieri, tutte le parti hanno assunto impegni chiari sulla scena globale per garantire la circolazione sicura del grano ucraino e dei prodotti correlati verso i mercati globali», si legge nella dichiarazione di Guterres. «Questi prodotti sono disperatamente necessari per affrontare la crisi alimentare globale e alleviare le sofferenze di milioni di persone bisognose in tutto il mondo. La piena attuazione da parte della Federazione Russa, dell’Ucraina e della Turchia è quindi imperativa».

Durante la cerimonia di firma di venerdì a Istanbul, Guterres ha salutato gli accordi per l’apertura dei porti ucraini di Odesa, Chernomorsk e Yuzhny alle esportazioni commerciali di prodotti alimentari come «un faro di speranza, un faro di possibilità, un faro di sollievo in un mondo che ne ha bisogno più che mai».

Gli accordi hanno cercato di spianare la strada alla spedizione di milioni di tonnellate di grano ucraino e ad alcune esportazioni russe di grano e fertilizzanti che sono state bloccate dalla guerra. L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole, ma l’invasione del Paese da parte della Russia e il blocco navale dei suoi porti hanno bloccato le spedizioni.

I documenti visionati dalle agenzie mostrano che gli accordi prevedevano la creazione di un centro di coordinamento congiunto guidato dalle Nazioni Unite a Istanbul, dove i funzionari di Ucraina, Russia e Turchia avrebbero supervisionato la programmazione e le ricerche delle navi da carico.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato nel suo discorso video notturno che gli accordi offrono «la possibilità di prevenire una catastrofe globale – una carestia che potrebbe portare al caos politico in molti Paesi del mondo, in particolare nei Paesi che ci aiutano».

Il capo dell’ufficio di Zelenskyy, Andriy Yermak, ha dichiarato su Twitter che l’attacco al porto di Odessa, che arriva immediatamente dopo l’approvazione dell’accordo sui porti del Mar Nero, illustra “la dicotomia diplomatica russa”.

L’ambasciatore statunitense in Ucraina, Bridget Brink, ha definito l’attacco russo al porto di Odessa come “oltraggioso”. «Il Cremlino continua ad usare il cibo come arma», ha scritto su Twitter. «La Russia deve essere chiamata a risponderne».

Oltre all’attacco a Odessa, oggi l’esercito russo ha lanciato una raffica di missili contro un campo d’aviazione e un impianto ferroviario nell’Ucraina centrale, uccidendo almeno tre persone, mentre le forze ucraine hanno lanciato razzi contro i valichi fluviali in una regione meridionale occupata dai russi. (Redazione RR + Agenzie)

Leviathan

Sarà Israele a fornire gas al Libano, ma non si deve sapere

Per aggiungere un ulteriore livello di assurdità, tutto ciò avverrà mentre la leadership di Hezbollah minaccia Israele di guerra se estrarrà gas dal vicino giacimento di Karish

You May Also Like