Palestinesi e antisemitismo: quando l’odio è scritto nei libri di scuola

Nonostante abbia ritrattato le sue controverse affermazioni sull’Olocausto, il leader palestinese continua a nutrire l’odio verso gli ebrei avviando in Cisgiordania riforme scolastiche che includono l’elogio del terrore, la demonizzazione dell’ebraismo e l’incitamento alla violenza

Scritto da Itamar Eichner – Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha infine ritrattato le sue controverse affermazioni sull’Olocausto pronunciate martedì in Germania, dopo aver suscitato indignazione in Israele e all’estero.

In una dichiarazione scritta di mercoledì, ha affermato che non intendeva negare “la singolarità dell’Olocausto – il crimine più efferato della storia umana moderna”.

Ma lo stesso Mahmoud Abbas, in passato, ha sostenuto nel suo dottorato che l’Olocausto non era altro che una “fantastica bugia”. E sembra che continui a nutrire questa convinzione nel suo ruolo di leader dell’Autorità Palestinese.

I libri di testo distribuiti a oltre un milione di studenti in Cisgiordania, comprese le scuole dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione dei Rifugiati Palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), sembrano essere pieni di antisemitismo, compresa la negazione dell’Olocausto.

Sotto la direttiva di Abbas, il Ministero dell’Istruzione palestinese ha attuato una riforma completa dei programmi scolastici, in seguito alla quale i contenuti dei libri di testo sono diventati significativamente più radicali rispetto agli anni precedenti.

Il materiale didattico rielaborato include ora appelli alla Jihad, alla violenza e all’incitamento contro Israele e gli ebrei. Inoltre, i precedenti tentativi di raggiungere la pace con Israele, come gli accordi di Oslo, sono stati deliberatamente omessi dai nuovi libri di testo.

Nonostante Abbas abbia chiarito che non intendeva negare l’Olocausto, i nuovi libri di testo palestinesi non menzionano affatto il genocidio degli ebrei. L’Olocausto è stato completamente omesso dai libri di storia che insegnano la Seconda Guerra Mondiale e la sua influenza sul corso della storia.

Sorprendentemente, anche le Nazioni Unite, che spesso favoriscono i palestinesi nei confronti di Israele, sono criticate nei libri di testo. Agli studenti viene ordinato di fare un processo simulato in cui perseguono le Nazioni Unite per non aver protetto i palestinesi durante la Nakba, nota anche come catastrofe palestinese.

Inoltre, il massacro degli atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco del 1972 da parte di terroristi palestinesi viene descritto in una luce positiva e presentato come un esempio di lotta palestinese legittima.

I libri di testo includono anche la demonizzazione dell’ebraismo, piuttosto che solo di Israele, come avveniva prima della riforma scolastica di Abbas.

Gli insegnanti hanno anche l’ordine di abbassare i voti degli studenti che non fanno un collegamento tra “i massacri sionisti e la religione ebraica”. Un libro di storia insegnato in undicesima elementare suggerisce che gli ebrei governano il mondo, utilizzando la classica immagine antisemita di un braccio decorato con la Stella di Davide che regge il globo.

Gli studenti palestinesi imparano anche che gli ebrei sono razzisti e controllano tutto il denaro, i media e la politica del mondo, sfruttandolo per il proprio tornaconto. Gli ebrei sono anche caratterizzati come bugiardi e corrotti e come “nemici dell’Islam”.

Alcuni libri di testo parlano apertamente del genocidio che attende gli ebrei alla fine dei giorni, in modo simile al contenuto del Patto di Hamas.

Il contenuto glorifica anche l’omicidio di civili in attacchi terroristici. Terroristi come Dalal Mughrabi, che nel 1978 guidò l’attacco a un autobus israeliano che si concluse con l’uccisione di 38 israeliani, tra cui 13 bambini, sono idolatrati come modello in un libro di testo destinato alla quinta elementare.

La lingua araba viene insegnata attraverso una storia scioccante, che raffigura l’uso di cinture esplosive e suicide. La storia descrive palestinesi che “tagliano la gola ai soldati nemici” e “indossano cinture esplosive, trasformando così i loro corpi in un fuoco che brucia il carro armato sionista”.

Una nuova ricerca di IMPACT-se, un’organizzazione israeliana senza scopo di lucro che monitora il contenuto dei libri di testo, ha analizzato centinaia di pagine dei nuovi libri scolastici dell’UNRWA, scoprendo che l’agenzia continua a incitare alla violenza e a cancellare Israele dalle mappe geografiche. (Articolo in inglese)

omicidio Darya Dugina

Tentato omicidio di Alexander Dugin: il comico teorema russo non regge

Ma davvero vogliono farci credere che una super spia ucraina andrebbe in giro per la Russia a mettere bombe sotto le macchine degli amici di Putin accompagnata dalla figlia dodicenne?

You May Also Like