Tag

monte del tempio

Browsing

Che Netanyahu sulla vicenda del Monte del Tempio a Gerusalemme abbia ceduto alle pressioni arabe credo che non possa essere messo in discussione. Ieri i media arabi erano invasi da vignette che celebravano la “vittoria araba” su Israele, un fatto più unico che raro e che andava celebrato. Ma è stata veramente una vittoria araba oppure quella che sembra essere una sconfitta di Netanyahu e di Israele altro non è che un esempio di saggezza politica?

Su Gerusalemme i musulmani hanno un piano, ma fino a pochi giorni fa veniva esposto con molta cautela anche perché non c’erano le condizioni per attuarlo. Rompe gli indugi l’Indonesia, cioè il più grande Paese a maggiorana musulmana del mondo, che attraverso il portavoce del Ministro degli Esteri, Arrmanatha Nasir, annuncia di voler chiedere per Gerusalemme la protezione internazionale.

Al di la delle opinioni personali sulla scelta di rimuovere i metal detector dall’ingresso del Monte del Tempio a Gerusalemme, dai recenti fatti accaduti a seguito della decisione israeliana di aumentare i controlli dobbiamo trarre una importante lezione: i musulmani non sono uguali agli altri.

Non siamo noi a dirlo, solo loro a certificarlo con una sorta di autodenuncia che oggi l’editorialista di Yedioth Ahronoth, Ben-Dror Yemini, definisce “sindrome delle basse pretese”, una sorta di sindrome di inferiorità che spinge i musulmani a isolarsi rispetto al resto del mondo, rispetto al progresso, rispetto alla civiltà, una sindrome che quando evidenzia la loro arretratezza rispetto al mondo civile e ne sancisce l’impossibilità alla coesistenza sfocia nella violenza più bieca nei confronti di chi non è arretrato come loro.