Blog

Home Blog

La preoccupante megalomania senza confini di Erdogan

Nella politica ci dovrebbe essere un limite anche alla autocelebrazione e alla megalomania, specialmente se deriva da sondaggi chiaramente taroccati e pubblicati solo per magnificare meriti e ruoli che non ci sono.

La Russia incontra i curdi siriani. La collera di Erdogan

BISHKEK, KYRGYZSTAN – NOVEMBER 27, 2019: Russia's Foreign Minister Sergei Lavrov makes remarks during a meeting with students and professors of the Diplomatic Academy of the Kyrgyz Ministry of Foreign Affairs. Vitaly Belousov/POOL/TASS Êèðãèçèÿ. Áèøêåê. Ìèíèñòð èíîñòðàííûõ äåë ÐÔ Ñåðãåé Ëàâðîâ âî âðåìÿ âûñòóïëåíèÿ ïåðåä ñëóøàòåëÿìè è ïðîôåññîðñêî-ïðåïîäàâàòåëüñêèì ñîñòàâîì â Äèïëîìàòè÷åñêîé àêàäåìèè ÌÈÄ Êèðãèçèè. Âèòàëèé Áåëîóñîâ/POOL/ÒÀÑÑ

Questa mattina il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato che si è svolto a Mosca un incontro tra una delegazione del Consiglio democratico siriano (DSC) a guida curda e un partito siriano filo-Mosca, il “Partito della volontà popolare” ( PWP).

Importante religioso musulmano: “ci sarà sempre una jihad contro Israele”

Un importante imam kuwaitiano, lo sceicco Naji Al-Kharas, nel suo sermone di venerdì scorso ha duramente criticato l’accordo tra Israele ed Emirati Arabi Uniti.

Erdogan con un video rievoca l’impero ottomano e prepara il califfato

Lunedì la Direzione delle comunicazioni presidenziali di Erdogan ha pubblicato un video su YouTube chiamato “Kızıl Elma” (Mela rossa) che mostra la potenza militare della Turchia insieme a rievocazioni di soldati in azione nel corso della storia dell’Impero Ottomano.

Il palestinesimo è una malattia che acceca, è peggio del COVID-19

Di palestinesimo ebbi modo di parlare in un’altra occasione e da allora mi ripromisi di non parlare più di questa strana malattia che, come il COVID-19, colpisce indistintamente persone colte e illetterati.

Ma davvero il problema con Erdogan è Santa Sofia?

Fa quasi sorridere il mondo che si indigna per la decisione di Erdogan di (ri)trasformare Santa Sofia in una moschea.