Medio Oriente

C’eravamo tanto illusi che su Israele gli arabi fossero cambiati

Ieri uno dei più importanti principi sauditi accusa Israele di rinchiudere i palestinesi in campi di concentramento, questa mattina oltre 300 cittadini israeliani arrivati a Dubai si sono visti negare il visto di ingresso. Forse ci siamo illusi troppo presto

Si chiama Turki al-Faisal il principe saudita che ieri al vertice sulla sicurezza che si teneva in Bahrain ha definito Israele “una potenza colonizzatrice occidentale che ha rinchiuso i palestinesi in campi di concentramento”.

Il principe Turki al-Faisal non è uno qualsiasi. È stato a capo della intelligence saudita per più di venti anni, poi è stato nominato ambasciatore in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.

Parlando della situazione dei palestinesi il principe ha detto che “Israele ha incarcerato i palestinesi in campi di concentramento. Giovani e vecchi, donne e uomini, che stanno marcendo lì senza poter ricorrere alla giustizia. Stanno demolendo le case come desiderano e assassinano chi vogliono”.

Accuse pesantissime arrivate come lame taglienti e alle quali ha subito risposto il ministro degli esteri israeliano, Gabi Ashkenazi, che intervenendo subito dopo il principe saudita ha detto: “vorrei esprimere il mio rammarico per i commenti del rappresentante saudita. Non credo che riflettano lo spirito e i cambiamenti in atto in Medio Oriente”.

Gli Emirati Arabi Uniti negano il visto a centinaia di israeliani

Centinaia di cittadini israeliani sbarcati questa mattina negli Emirati Arabi Uniti si sono visti negare il visto di ingresso, apparentemente per un disguido legato a non si sa bene quale norma cambiata nel regolamento dei visti.

L’incidente, tutto ancora da chiarire, è avvenuto questa mattina all’aeroporto di Dubai pochi giorni dopo che gli Emirati avevano annunciato che avrebbero rilasciato visti turistici per gli israeliani “senza alcuna limitazione di numero”.

Secondo Channel 12, a circa 200 viaggiatori che sono arrivati con un volo FlyDubai nelle ore precedenti l’alba di lunedì è stato detto che erano state apportate modifiche ai regolamenti sui visti e che solo coloro che avevano passaporti non israeliani potevano entrare.

Non c’è che dire, la tanto declamata normalizzazione dei rapporti tra Israele e paesi arabi comincia a incontrare i primi intoppi, soprattutto quella con l’Arabia Saudita per via della questione palestinese. Forse ci siamo illusi troppo in fretta.

368 Condivisioni
Posted by
Franco Londei

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia

368 Condivisioni
Tweet
Share
WhatsApp