E se avesse ragione Trump? Restituire la Cisgiordania alla Giordania

La controversa proposta dell’ex presidente degli Stati Uniti è quel tipo di innovazione politica che potrebbe un giorno portare Israele fuori dal circolo vizioso e senza fine della questione palestinese

Articolo scritto da Sever Plocker – Si dice che l’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe offerto alla Giordania la Cisgiordania e in quella occasione la risposta dei politici di tutto il mondo rasentò il ridicolo. Un’altra prova della follia e del distacco dalla realtà dell’ex presidente americano. Come ha potuto pensare di fare un’offerta del genere in una conversazione privata con il re giordano? Deve essere pazzo!

Secondo il Washington Post, l’increscioso “incidente” sarebbe avvenuto durante un incontro tra i due in Giordania nel 2018, che è stato recentemente rivelato in un libro sull’ex presidente degli Stati Uniti. Trump aveva proposto al re Abdullah II di riconsiderare la possibilità di riprendere il controllo della Cisgiordania dopo che questa era stata conquistata da Israele nella Guerra dei Sei Giorni del 1967.

“Pensavo di avere un infarto”, ha detto il monarca giordano a un amico americano, secondo il libro intitolato: The Divider: Trump in the White House 2017-2021, scritto dal corrispondente del New York Times alla Casa Bianca Peter Baker e da Susan Glasser del New Yorker.

Trump ha ipotizzato che l’opzione giordana, o meglio l’opzione giordano-palestinese, potesse essere una potenziale soluzione al sanguinoso conflitto israelo-palestinese.

L’opzione giordana è stata proposta per la prima volta dal Partito Laburista dopo la Guerra dei Sei Giorni. Secondo la proposta, i territori della Cisgiordania sono stati catturati dalla Giordania durante la guerra e saranno quindi restituiti alla Giordania, in modo pacifico. La proposta fu adottata all’unanimità durante la risoluzione 242 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite – territori in cambio della pace.

Nel 1972 era emerso un piano rivoluzionario per la creazione di una federazione giordano-palestinese. Secondo questo piano, i territori della Cisgiordania sarebbero stati chiamati “Distretto della Palestina” e avrebbero ottenuto ampi diritti di autogoverno.

Per realizzare l’opzione, l’allora Ministro degli Esteri Shimon Peres si incontrò con Re Hussein a Londra nel 1987, raggiungendo un accordo, ma l’allora Primo Ministro Yitzhak Shamir lo silurò.

Alcuni anni dopo il fallimento dell’accordo tra Peres e Hussein, scoppiò la Prima Intifada e Hussein ordinò di rompere tutti i legami tra la Giordania e i palestinesi in Cisgiordania. La divisione fu approvata dalla Lega Araba e trasformò de facto Israele nella levatrice destinata a far nascere la sovranità dello Stato palestinese. Un ruolo che Israele non poteva svolgere.

Ho pubblicato un articolo sull’argomento, intitolato: “Il ritorno dell’opzione giordana”, nell’aprile 2016, sei mesi prima delle elezioni presidenziali statunitensi, vinte da Trump.

Il fatto che l’opzione giordana sia stata tirata fuori dopo tutti questi anni proprio da Trump la rende non valida? Assolutamente no!

Trump è effettivamente un egocentrico, gonfio di presunzione. Tuttavia, ha sorprendentemente avuto alcune idee creative sul Medio Oriente. Ha spostato l’ambasciata statunitense a Gerusalemme, ha presentato un nuovo piano di pace americano ed è riuscito a stabilire gli accordi di Abramo.

Anche i suoi più accaniti detrattori, me compreso, hanno dovuto riconoscere l’importanza degli accordi da lui negoziati per l’integrazione di Israele nella regione.

Dobbiamo guardare in faccia la realtà: le relazioni tra Israele e i palestinesi sono arrivate a un punto morto. Solo coloro che desiderano mettere la testa sotto la sabbia – e sono parecchi in tutta la sfera politica – credono ancora che la soluzione dei due Stati sia viva.

Il nazionalismo palestinese, secondo Yohanan Tzoreff, ricercatore senior presso l’Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale, “affronta la crisi più grave della sua storia”.

Sebbene la situazione economica dei palestinesi sia migliorata notevolmente, essi mancano di una leadership legittima e affidabile. “Il loro problema non è più in cima all’agenda internazionale e regionale” e l’ambizione di uno Stato indipendente è stata messa da parte.

In Israele, nel frattempo, gli accordi di Oslo sono diventati una bestemmia, le posizioni politiche di Menachem Begin e Ariel Sharon, considerate all’epoca di destra radicale, sono ora considerate di centro moderato e l’Autorità Palestinese in Cisgiordania è diventata oggetto di scherno.

La nostra occupazione de facto non ha oggi alcuno scopo politico, se non quello di contrastare le attività terroristiche.

In questa situazione ingarbugliata, l’opzione giordano-palestinese può fornire una ventata di pensiero nuovo e creativo, al di fuori di affermazioni ormai logore. Le potenziali difficoltà di attuazione, o anche solo di definizione operativa, sono enormi. Nelle attuali circostanze politiche e di sicurezza, la cosa rasenta l’impossibilità.

Ma, senza un’innovazione politica innovativa, resteremo intrappolati in questo ciclo sanguinoso per generazioni, che alla fine porterà a uno Stato binazionale. (articolo in inglese)