Ecco chi ha veramente ucciso i civili palestinesi a Gaza

Un video e un comunicato diffusi dall’IDF smascherano i veri responsabili della maggior parte delle vittime civili rimaste uccise durante l’operazione Breaking Dawn

L’IDF ha pubblicato martedì i nomi dei civili palestinesi che hanno contribuito a facilitare gli attacchi terroristici con razzi dalla Striscia di Gaza verso Israele durante l’ultimo round di violenza nell’enclave palestinese all’inizio del mese.

Secondo l’Unità portavoce dell’IDF, almeno due di questi razzi, lanciati da proprietà private di civili che hanno collaborato con il gruppo terroristico della Jihad islamica, sono caduti all’interno di Gaza.

Uno dei missili della Jihad islamica è caduto nella città di Jabaliya alle 9:03 del 7 agosto, uccidendo due civili. Il luogo da cui è stato lanciato il missile è di proprietà della municipalità di Gaza City, guidata dal dottor Yahya al-Sarraj.

«Sarraj ha scelto di occuparsi dell’organizzazione terroristica Jihad islamica più che dei residenti della città che dirige, e ha abusato dello spazio pubblico che appartiene ai residenti della città per favorire il terrore. In questo modo ha danneggiato direttamente i suoi cittadini», ha dichiarato l’unità portavoce dell’IDF.

Un altro razzo caduto nella Striscia di Gaza è stato sparato da una proprietà di Bakr Hamadan Imran Shamalh, il cui fratello è un addestratore della forza navale della Jihad islamica.

«Ha facilitato il lancio di un razzo dalla sua proprietà, che ha poi colpito un edificio civile a Gaza City ed è stato trasmesso in diretta sul canale [libanese] Al Mayadeen alle 15:13», ha dichiarato l’esercito.

«La famiglia di Hamadan Imran Shamalh ha partecipato attivamente alle attività terroristiche permettendo il lancio di razzi da aree di loro proprietà, causando danni ai civili di Gaza. I gruppi terroristici di Gaza abusano cinicamente dei suoi civili e lanciano razzi dalle aree urbane, e questa ne è un’altra prova» ha detto ancora l’esercito israeliano.

Secondo i dati dell’IDF, oltre 200 dei 1.100 missili lanciati dalla Jihad islamica durante le 55 ore del conflitto sono caduti all’interno di Gaza, quasi uno ogni cinque.

Alcuni razzi sono caduti in aree popolate, uccidendo almeno 14 civili, tra cui bambini, e ferendone più di 100.

L’IDF sostiene che la maggior parte delle vittime civili palestinesi durante l’Operazione Breaking Dawn sono state causate dai razzi lanciati da Gaza. Ufficiali militari che hanno familiarità con i dettagli attribuiscono questa statistica alle inferiori capacità di produzione di razzi della Jihad islamica rispetto ad Hamas, che è rimasto rimasti fuori da questa ultima campagna.

«Una parte dei razzi della Jihad islamica sono semplicemente cartelli stradali abbattuti dai suoi agenti, imbottiti di esplosivi improvvisati e trasformati in razzi di fortuna, spesso basati su video tutorial su YouTube», hanno dichiarato i funzionari.

«Così come noi miglioriamo da un round all’altro, lo fa anche il nemico e non possiamo sottovalutarlo, ma in questo caso i razzi sono facili da costruire, senza standard, spesso realizzati in modo amatoriale e pericoloso».

I filmati di Gaza dei lanci che sono circolati di recente, alcuni ripresi da civili, mostrano razzi che deviano dalla loro traiettoria e si schiantano al suolo poco dopo.

A Gaza non ci sono sirene di raid aerei per avvisare i civili dei razzi in arrivo.

Le fazioni terroristiche di Gaza, a differenza dell’IDF, non utilizzano quello che Israele definisce “roof knocking”, ovvero la pratica di lanciare ordigni non esplosivi o a basso potenziale sui tetti delle case civili prese di mira, come preavviso di imminenti bombardamenti per dare agli abitanti il tempo di fuggire.

Inoltre, la maggior parte dei razzi viene immagazzinata e lanciata dal cuore di aree densamente popolate, il che spesso danneggia i civili vicini. (articolo in inglese)

Afghanistan: campagna per salvare ragazzina stuprata e maltratta da leader talebano

Costretta a sposarsi, violentata e maltrattata da leader talebano, ora rischia la lapidazione perché ha tentato di fuggire e ha denunciato quello che le accadeva

You May Also Like