Importante rapporto prova l’incitamento russo al genocidio degli ucraini

incitamento genocio ucraini
Un rapporto indipendente prova, carte, fatti e leggi internazionali alla mano, che la Russia ha deliberatamente organizzato un genocidio degli ucraini

Opera importantissima di due altrettanto importanti organizzazioni indipendenti che inchioda la Russia e Putin alle loro responsabilità, lunga da leggere e dalla quale abbiamo estratto i punti più importanti per aiutarvi a capire meglio

Sono passati più di tre mesi dall’inizio dell’aggressione su larga scala della Russia in Ucraina. L’Ucraina sta combattendo su tutti i fronti: militare, diplomatico, economico, umanitario. E ciò che lo spietato nemico sta facendo sul territorio ucraino – molto spesso la crudeltà e l’insidia non conoscono limiti – è difficile da descrivere con parole comuni.

Ma in questo caso esistono definizioni giuridiche chiare e inequivocabili. Il rapporto, intitolato “An Independent Legal Analysis of the Russian Federations Breaches of the Genocide Convention in Ukraine and the Duty to Prevent” (un’analisi legale indipendente delle violazioni della Convenzione sul genocidio in Ucraina e del dovere di prevenzione), è stato redatto da due note istituzioni degli Stati Uniti e del Canada. Il team comprende noti specialisti di diritto umanitario, tra cui coloro che hanno lavorato nei tribunali internazionali sui crimini di genocidio.

Con tutta la sua completezza scientifica, il linguaggio con cui viene presentata l’opera è sorprendentemente chiaro e trasparente. Tesi dopo tesi, argomentazione dopo argomentazione: tutto si unisce, intrecciandosi in un’unica catena con una conclusione spietata: La Russia in questa guerra è artefice di un genocidio studiato meticolosamente a tavolino. Ciò significa che tutti gli Stati che hanno firmato la Convenzione sul genocidio del 1948 devono difendere la popolazione ucraina.

Preambolo

Il presente rapporto è il primo ad affrontare una delle questioni più controverse e consequenziali dell’invasione russa dell’Ucraina: se la guerra abbia o meno carattere di genocidio. Con i combattimenti ancora in corso, gli strumenti moderni hanno reso vitale l’esame di questa questione e la divulgazione della sua verità.

Con la parola genocidio così comunemente usata – e altrettanto contestata – consentire una definizione poco rigorosa non è utile. È essenziale fare un chiaro bilancio dei fatti, utilizzando le opportunità offerte dai moderni metodi di indagine, insieme all’analisi giuridica in base alla legge applicabile.

Questo è un progetto del New Lines Institute e del Centro Raoul Wallenberg per i diritti umani, che ha riunito tre gruppi di esperti per valutare l’argomento. Si tratta di un gruppo di studiosi di diritto ed esperti di genocidio, un secondo gruppo di investigatori di intelligence open-source e linguisti che hanno potuto utilizzare l’ampia documentazione di fonti primarie che questa guerra ha già creato: intercettazioni di comunicazioni e testimonianze.

Il New Lines Institute e il Raoul Wallenberg Centre hanno svolto un lavoro approfondito sui genocidi dei Rohingya e degli Uiguri, producendo anche il primo rapporto per determinare il genocidio nello Xinjiang applicando la Convenzione sul genocidio del 1948.

Questo rapporto conclude ragionevolmente che la Russia è responsabile di violazioni dell’articolo II e dell’articolo III (c) della Convenzione sul genocidio a cui è vincolata. Il rapporto conclude inoltre che esiste indubbiamente un rischio molto serio di genocidio, che fa scattare il dovere di prevenzione degli Stati ai sensi dell’articolo I della Convenzione sul genocidio.

Questo è il primo rapporto di questo tipo, ma non l’ultima parola sull’argomento. Ci auguriamo che ne seguano altri.

Sintesi del rapporto

Il presente rapporto comprende un’indagine indipendente per stabilire se la Federazione Russa sia responsabile di violazioni della Convenzione sul genocidio nell’invasione dell’Ucraina e conclude che ci sono:

1) ragionevoli motivi per concludere che la Russia è responsabile di (i) incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio e (ii) una serie di atrocità da cui si può dedurre l’intento di distruggere in parte il gruppo nazionale ucraino; e

2) l’esistenza di un grave rischio di genocidio in Ucraina, che fa scattare l’obbligo legale di tutti gli Stati di prevenire il genocidio.

I. Il Gruppo Protetto.

Il gruppo nazionale ucraino è riconosciuto a livello nazionale, internazionale ed espressamente dalla Russia nelle relazioni interstatali formali ed è quindi protetto dalla Convenzione sul genocidio.

II. Istigazione al genocidio.

Ai sensi dell’art. III (c) della Convenzione sul genocidio, l’istigazione pubblica e diretta a commettere genocidio è un crimine distinto indipendentemente dal fatto che il genocidio segua o meno.

III. L’incitamento al genocidio orchestrato dallo Stato russo.

a) Negazione dell’esistenza di un’identità ucraina. Funzionari russi di alto livello e commentatori dei media statali negano ripetutamente e pubblicamente l’esistenza di un’identità ucraina distinta, insinuando che coloro che si auto-identificano come ucraini minacciano l’unità della Russia o sono nazisti, e sono quindi meritevoli di punizione. La negazione dell’esistenza di gruppi protetti è un indicatore specifico di genocidio secondo la guida delle Nazioni Unite per valutare il rischio di atrocità di massa.

b) Accusa allo specchio. La cosiddetta “accusa allo specchio” è una forma potente e storicamente ricorrente di incitamento al genocidio. Un perpetratore accusa il gruppo preso di mira di pianificare, o di aver commesso, atrocità come quelle che l’oratore immagina contro di lui, inquadrando le presunte vittime come una minaccia esistenziale e facendo sembrare la violenza contro di loro difensiva e necessaria. Il Presidente russo Vladimir Putin e i funzionari russi hanno fatto esattamente questo, sostenendo, come pretesto per invadere l’Ucraina, che l’Ucraina aveva commesso un genocidio o sterminato la popolazione civile nelle aree controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia.

c) “Denazificazione” e disumanizzazione. Funzionari russi e media statali invocano ripetutamente la “denazificazione” come uno degli obiettivi principali dell’invasione e hanno ampiamente descritto gli ucraini come subumani (“zombificati”, “bestiali” o “subordinati”), malati o contaminati (“feccia”, ” sporcizia”, ​​”disordine”) o minacce esistenziali e l’epitome del male (“Nazismo”, “Gioventù hitleriana”, “Terzo Reich”). Questa retorica viene utilizzata per ritrarre un segmento sostanziale o un’intera generazione di ucraini come nazisti e nemici mortali, rendendoli obiettivi legittimi o meritevoli di distruzione.

d) Costruzione degli ucraini come minaccia esistenziale. Nel contesto russo, la campagna di incitamento orchestrata dallo Stato collega apertamente l’attuale invasione alle battaglie esistenziali dell’Unione Sovietica contro la Germania nazista nella Seconda Guerra Mondiale, amplificando l’impatto della propaganda sull’opinione pubblica russa affinché commetta o approvi atrocità di massa. Il 5 aprile 2022, Dmitry Medvedev, attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha scritto: “dopo essersi trasformata nel Terzo Reich… l’Ucraina subirà lo stesso destino… quello che si merita! Questi compiti non possono essere completati all’istante. E non saranno decisi solo sui campi di battaglia”. Il giorno prima della celebratissima Giornata della Vittoria, che segna la vittoria sovietica sulla Germania nazista, il Presidente Putin ha inviato un telegramma ai separatisti sostenuti dalla Russia, affermando che i russi stanno combattendo “per la liberazione della loro terra natia dalla sporcizia nazista”, giurando che “la vittoria sarà nostra, come nel 1945”. La Chiesa ortodossa russa ha pubblicamente rafforzato questo parallelo storico e ha lodato la lotta della Russia contro i nazisti.

e) Condizionamento del pubblico russo a commettere o tollerare atrocità. Le autorità della Federazione Russa hanno negato le atrocità commesse dalle proprie forze e hanno premiato i soldati sospettati di aver commesso uccisioni di massa in Ucraina, consentendo ai soldati di commettere ulteriori atrocità e al pubblico russo di condonarle. Queste autorità sono in grado di incitare direttamente il pubblico incanalando e amplificando la loro propaganda attraverso un panorama mediatico controllato e una censura estrema intorno alla guerra. I promotori della propaganda di incitamento sono tutti personaggi politici, religiosi e mediatici di Stato molto influenti, compreso il Presidente Putin. Ci sono prove sempre più evidenti che i soldati russi hanno interiorizzato e rispondono alla campagna di propaganda di Stato facendone eco e commettendo atrocità. Le dichiarazioni riportate dai soldati includono: minacce di stuprare “ogni puttana nazista”, “cacciare i nazisti”, “vi libereremo dai nazisti”, “siamo qui per pulirvi dalla sporcizia” (a seguito di un’esecuzione pubblica), tra le altre.

IV. Intento genocida.

Ciò che distingue il genocidio dagli altri crimini internazionali è “l’intento di distruggere, in tutto o in parte, [un gruppo protetto], in quanto tale”. Questo intento può essere attribuito a uno Stato attraverso la prova di un piano generale (derivato da dichiarazioni ufficiali, documenti o politiche) o può essere dedotto da uno schema sistematico di atrocità che hanno come obiettivo il gruppo protetto. Anche i cinque atti di genocidio – uccidere, causare gravi danni, infliggere deliberatamente condizioni di vita fisicamente distruttive, imporre misure di prevenzione delle nascite e trasferire forzatamente i bambini a un altro gruppo – possono far pensare a un intento di genocidio, se considerati nella loro totalità.

a) Un piano genocida. Un “piano generale” per distruggere il gruppo nazionale ucraino in parte può essere dimostrato dall’incitamento al genocidio che guida l’invasione in corso o dai sorprendenti modelli o metodi di atrocità che suggeriscono la politica militare.

V. Schema di distruzione genocida contro gli ucraini.

a) Uccisioni di massa. Le indagini hanno stabilito che le forze russe hanno radunato civili ucraini per esecuzioni di massa in tutto il territorio occupato, caratterizzate da uno schema di metodi di uccisione comuni – mani legate, torture e colpi alla testa a distanza ravvicinata. Il ben documentato massacro di Bucha potrebbe indicare tattiche coerenti impiegate dalle forze russe nelle aree occupate attualmente inaccessibili. Il numero di fosse comuni nelle aree controllate dai russi si sta rapidamente espandendo, come documentato dagli investigatori e dalle immagini satellitari, anche se la piena portata delle uccisioni non sarà nota finché non sarà garantito l’accesso ai siti controllati dalle forze russe.

b) Attacchi deliberati a rifugi, vie di evacuazione e corridoi umanitari.

Le forze russe attaccano sistematicamente e con precisione rifugi e vie di evacuazione, come da politica militare, uccidendo e intrappolando i civili nelle aree assediate o in conflitto.

c) Bombardamento indiscriminato di aree residenziali. Le forze russe hanno fatto ampio uso di armi intrinsecamente indiscriminate con effetto ad ampio raggio, o di munizioni a grappolo, prendendo di mira aree densamente popolate in almeno otto oblast (province) dell’Ucraina.

d) Assedi militari russi. Inflizione deliberata e sistematica di condizioni di pericolo di vita. Mentre bombardavano gli ucraini nelle aree assediate dall’interno e dall’esterno, le forze russe hanno simultaneamente e deliberatamente inflitto loro condizioni di pericolo di vita.

i. Distruzione di infrastrutture vitali. Le forze russe seguono uno schema simile nell’assediare le città ucraine, colpendo prima l’acqua, l’energia elettrica e le fonti di comunicazione, e poi colpendo le strutture mediche, i magazzini di grano e i centri di distribuzione degli aiuti, suggerendo una strategia e una politica militare di infliggere deliberatamente condizioni mortali agli ucraini. Queste azioni coordinate da parte dell’esercito russo per privare gli ucraini dei beni di prima necessità e intrappolarli in queste condizioni distruttive tendono a dimostrare che gli assedi sono calcolati per portare alla loro distruzione fisica.

ii. Attacchi all’assistenza sanitaria. Al 25 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha documentato 248 attacchi al sistema sanitario ucraino.

iii. Distruzione e sequestro di beni di prima necessità, aiuti umanitari e grano. Le forze russe hanno distrutto e sequestrato vaste scorte di grano, anche espropriandone centinaia di migliaia di tonnellate trasferite in Russia, e hanno ripetutamente bloccato o sequestrato gli aiuti umanitari o gli operatori che cercavano di evacuare i civili, usando la fame come arma di guerra.

iv. Altri siti in condizioni di pericolo di vita. Le forze russe hanno trattenuto i civili ucraini in altri siti dove sono stati privati dei beni di prima necessità, a volte causando morti più immediate per soffocamento o fame.

e) Stupri e violenze sessuali. I resoconti di violenze sessuali e stupri nelle aree ucraine occupate dai russi suggeriscono un modello diffuso e sistematico, tra cui stupri di gruppo, stupri nelle case o nei rifugi, stupri di genitori di fronte ai figli e viceversa.

f) Trasferimento forzato di ucraini. La Russia ha riferito di aver trasferito oltre un milione di persone dall’Ucraina alla Russia dall’inizio dell’invasione, tra cui oltre 180.000 bambini.

Rifugiati e funzionari hanno riferito di essere stati trasferiti con la forza o la minaccia della forza. Secondo i funzionari ucraini, la legislazione russa viene riformata per accelerare l’adozione dei bambini del Donbas, mentre i bambini ucraini inviati con la forza in Russia sono costretti a seguire corsi di russo. Il trasferimento forzato di bambini ucraini in Russia è un atto di genocidio ai sensi dell’art. II (e) della Convenzione sul genocidio. II (e) della Convenzione sul genocidio.

VI. Intento di distruggere il gruppo nazionale ucraino “in parte”.

L’intento di distruggere un gruppo “in parte” è stato inteso come la necessità di colpire una parte sostanziale o importante del gruppo. Per valutare questa soglia, tuttavia, la portata delle atrocità contro gli ucraini deve essere considerata in relazione all’area di attività o di controllo della Russia. Le forze russe hanno lasciato una scia di distruzione fisica concentrata al momento della ritirata dalle aree occupate, tra cui esecuzioni di massa a distanza ravvicinata, torture, distruzione di infrastrutture vitali, stupri e violenze sessuali. La scelta selettiva di leader o attivisti ucraini per la sparizione forzata o l’omicidio è un’ulteriore prova dell’intento di distruggere in parte il gruppo nazionale ucraino, in quanto tali figure sono emblematiche del gruppo o essenziali per la sua sopravvivenza.

VII. Il dovere di prevenire il genocidio.

Gli Stati hanno l’obbligo legale di prevenire il genocidio al di fuori dei loro confini, una volta che sono venuti a conoscenza del grave rischio di genocidio, una soglia che questo rapporto stabilisce chiaramente essere stata raggiunta e di cui gli Stati non possono ora negare la conoscenza. La Convenzione sul genocidio impone agli Stati un obbligo legale minimo di intraprendere azioni ragionevoli per contribuire a prevenire il genocidio e proteggere i civili ucraini vulnerabili dal rischio imminente di genocidio.

guerra iran israele

Guerra ombra tra Iran e Israele: si va verso escalation?

Rischio particolarmente alto per i viaggiatori israeliani e/o ebrei in Turchia ribadito ancora una volta ieri sera. Possibile escalation da Gaza

You May Also Like