Iran: drammatica repressione della minoranza Baha’i. «Sono spie di Israele»

La durissima repressione arriva dopo che Teheran ha arrestato diversi leader della comunità con l’accusa inventata di spionaggio per conto di Israele

La minoranza religiosa Baha’i in Iran sta affrontando la peggiore repressione degli ultimi decenni, dopo che Teheran ha effettuato una raffica di demolizioni di case e ha arrestato i principali leader.

Questa settimana diverse centinaia di agenti iraniani sono scesi nella vulnerabile Roushankouh, nella provincia di Mazandaran, dove hanno confiscato 20 ettari di terreno e demolito almeno sei case.

L’Iran ha arrestato anche diversi leader della comunità Baha’i, i quali vengono accusati di spiare per Israele, un’accusa che il regime ha spesso rivolto alla minoranza con scarse prove.

Nel frattempo, i leader della comunità affermano che negli ultimi giorni l’Iran ha chiuso decine di attività commerciali Baha’i in tutto il Paese, mentre non ha fornito alcuna prova che le persone coinvolte nella repressione abbiano infranto qualche legge.

La religione Baha’i, fondata nell’Iran del XIX secolo, non è nuova alle persecuzioni ed è stata spesso usata come capro espiatorio quando il Paese si trova ad affrontare disordini interni o pressioni internazionali.

Sebbene siano la più grande minoranza religiosa in Iran, il regime considera il loro credo eretico. La sede della religione si trova nella città israeliana settentrionale di Haifa, un fatto che il regime utilizza per denunciare la fede.

L’ultima serie di arresti con l’accusa di spionaggio potrebbe essere legata all’imbarazzo di Teheran per una serie di operazioni israeliane di alto profilo che quest’anno hanno rivelato aspetti chiave del programma nucleare del regime e hanno portato al licenziamento del suo capo dell’intelligence.

Parlando alla stampa, il principale rappresentante della Baha’i International Commmunity [BIC] presso le Nazioni Unite ha affermato che c’è il timore che l’Iran possa intraprendere il suo più grande ciclo di persecuzioni dai tempi della Rivoluzione islamica.

“I Baha’i conoscono bene le persecuzioni e gli attacchi da parte del governo [iraniano], ma la natura basata solo su voci e senza alcuna prova dell’attuale ondata di attacchi è quasi senza precedenti”, ha dichiarato Bani Dugal.

“È difficile dire perché ci sia stata questa impennata [nelle persecuzioni], ma sta assumendo proporzioni molto allarmanti”.

Durante le persecuzioni degli anni ’80, i membri della fede Baha’i sono stati attaccati dalle folle, torturati e giustiziati, mentre i sopravvissuti sono rimasti senza casa a causa degli attacchi incendiari alle loro comunità.

La signora Dugal ha detto che il BIC scriverà presto ad Antonio Guterres, il segretario generale delle Nazioni Unite, esortandolo a sollevare la questione con i leader internazionali.

“Ogni giorno arrivano nuove notizie sulla persecuzione dei Baha’i in Iran, a dimostrazione che le autorità iraniane hanno un piano graduale che stanno attuando per sradicare la pacifica comunità Bahá’í dall’Iran”, ha aggiunto Padideh Sabeti, portavoce del BIC con sede a Londra.

“Prima le palesi menzogne e i discorsi d’odio, poi le incursioni e gli arresti, e oggi l’accaparramento di terre, le occupazioni e la distruzione delle case. Ci appelliamo ai difensori dei diritti umani affinché sostengano i Bahá’í e chiedano al governo iraniano di fermare questi attacchi crudeli e ingiusti”, ha aggiunto.

La causa esatta dell’ultima ondata di arresti e demolizioni non è chiara, ma potrebbe essere collegata a un più ampio giro di vite lanciato dopo la nomina del nuovo capo dell’intelligence iraniana, che ha visto l’arresto di registi cinematografici, diversi stranieri e politici riformisti di spicco.

Fondato a metà del 1800, il movimento Baha’i è una delle religioni più giovani del mondo e ha una sede religiosa nella città israeliana settentrionale di Haifa.

I suoi seguaci credono che i fondatori delle grandi religioni mondiali siano tutti manifestazioni dello stesso Dio che indicano la stessa verità fondamentale.

In tutto il mondo si contano circa cinque-otto milioni di fedeli Baha’i, le cui comunità più numerose si trovano in India, Stati Uniti e Kenya, oltre che in Iran, dove vivono circa 300.000 membri.

È arrivato il momento di mettere in dubbio Amnesty International?

Il Premio Nobel per la Pace del 1977 conferisce lo status di "indiscutibile affidabilità" che ha permesso ad Amnesty International di vivere di rendita senza dover quasi mai provare quello che afferma

You May Also Like