Islam: cos’è la polizia morale, dove e come opera

polizia morale islamica
Non solo in Iran, la polizia morale è attiva in molte altre aree islamiche. Chi sono, dove e come agiscono

Il 16 settembre Mahsa Amini, una donna iraniana di 22 anni, è morta dopo essere stata picchiata dalla polizia morale del Paese. Le proteste scoppiate in tutto l’Iran nei giorni successivi alla sua morte hanno imperversato.

La Repubblica islamica ha regole severe sull’abbigliamento, il comportamento e la mescolanza tra i sessi in pubblico. La libertà delle donne è particolarmente limitata, come dimostra il caso di Amini: il suo reato è stato quello di indossare un hijab largo.

La polizia morale è l’esecutore del governo. Chi sono e riflettono veramente l’insegnamento islamico?

Il Corano impone ai musulmani di “comandare il bene e proibire il male”, un dovere personale noto come hisbah. Ma all’inizio dell’Islam non esisteva una polizia morale.

Dall’epoca del Profeta Maometto la morale pubblica era invece sorvegliata da un muhtasib o ispettore del mercato, nominato dal governo per prevenire le frodi e proteggere i commercianti itineranti. (Uno dei primi incaricati scelti da Maometto a Medina era una donna).

Nel corso dei secoli, hanno assunto una maggiore responsabilità per quanto riguarda le norme morali, compreso l’abbigliamento femminile. Ci sono alcune testimonianze di muhtasib che emettono multe a sorpresa e persino frustate, ma non avevano la stessa portata delle moderne forze di polizia.

Poiché i sistemi giuridici islamici tradizionali sono stati stravolti dal cambiamento dei regni e, in alcuni casi, dalla colonizzazione da parte dei Paesi occidentali, all’inizio del XX secolo il muhtasib era scomparso nella maggior parte dei luoghi.

Ma in Arabia Saudita, la polizia morale ha acquisito nuova importanza sotto l’influenza del wahhabismo, un movimento puritano all’interno dell’Islam sunnita, emerso a metà del XVIII secolo e diventato l’ideologia religiosa dominante nel regno.

La prima forza di polizia morale moderna, un comitato che comanda il bene e proibisce il male, fu costituita nel 1926. Gli agenti impedivano la mescolanza tra i sessi e si assicuravano che i cittadini partecipassero regolarmente alla preghiera.

Nel 2012 un terzo dei Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente aveva una qualche forma di polizia religiosa. Esistono forze anche altrove, tra cui la Malesia e Aceh, una provincia dell’Indonesia.

I loro poteri variano, ma molti promuovono una visione ristretta dell’Islam: la polizia hisbah nel nord della Nigeria ha rasato con la forza le teste degli uomini per strada e ha vietato i manichini femminili.

In Iran, la polizia morale è arrivata più tardi, dopo la rivoluzione del 1979. L’ayatollah Khomeini, il chierico sciita che salì al potere, cercò di controllare il comportamento dei cittadini dopo un periodo di secolarismo.

L’attuale forza morale del Paese è stata istituita nel 2005 e conta molte migliaia di ufficiali, di cui una minoranza sono donne. Alcuni giovani completano il servizio militare obbligatorio nei suoi ranghi.

A marzo 2014, la polizia morale ha denunciato quasi 3 milioni di donne per non aver indossato correttamente l’hijab.

Con la morte di Amini, la polizia morale iraniana ha suscitato l’ira dei cittadini del Paese.

Anche altrove lo zelo dei tutori della morale ha avuto gravi conseguenze. Nel 2002, 15 ragazze saudite sono state bruciate a morte nella loro scuola, dopo che la polizia morale aveva impedito loro di sfuggire a un incendio perché non indossavano l’abaya, un abito largo indossato per la modestia. Questo fatto, insieme alla morte di diversi giovani sauditi in inseguimenti ad alta velocità con le forze religiose, ha spinto a chiedere un cambiamento. Nel 2016, la polizia religiosa del regno è stata privata dei poteri di arresto. Ora possono solo rimproverare “educatamente” chi esce dalle righe.

Con il protrarsi delle proteste in Iran, la polizia morale potrebbe trovarsi ad affrontare una prova simile. Ma il governo della repubblica ha mostrato scarsa propensione alle riforme.

isolamento russia

Cosa sta succedendo intorno alla Russia indebolita

Intorno a una Russia indebolita dalla guerra, c'è un gigantesco vortice geopolitico

You May Also Like