Israele: arrestato capo Jihad islamica. Altissima tensione a Gaza. Chiuse autostrade e ferrovie

terrorismo palestinese jihad islamica
Altissima tensione al confine con la Striscia di Gaza dopo l’arresto di Bassem Saadi, capo della Jihad Islamica Palestinese

Questa mattina l’esercito israeliano ha ordinato la chiusura di diverse autostrade principali lungo il confine con Gaza, come misura precauzionale contro possibili attacchi dall’enclave costiera, dopo l’arresto di un membro di spicco del gruppo terroristico palestinese della Jihad islamica in Cisgiordania.

Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno dichiarato in un comunicato che la decisione è stata presa a seguito di una valutazione della situazione durante la quale l’esercito ha identificato un’intensificazione delle attività da parte di combattenti legati alla Jihad islamica che ponevano “una minaccia diretta di un possibile attacco ai civili israeliani”.

Le autostrade chiuse includono la Strada 4 dallo svincolo di Zikim al valico di Erez; la Strada 34 dallo svincolo di Yad Mordechai allo svincolo di Nir Am; e la Strada 232 dallo svincolo di Nir Am al valico di Kerem Shalom; e le strade di accesso per gli agricoltori a ovest della Strada 232.

L’esercito ha anche chiuso la spiaggia di Zikim, vicino al confine con Gaza, e ha iniziato a bloccare il traffico tra Ashkelon e Sderot.

Ha inoltre chiuso diversi siti che si affacciano sulla Striscia, tra cui il belvedere di Sderot e il vicino sito di osservazione di Asaf Siboni, il memoriale della Freccia Nera e il belvedere di Givat Nizmit vicino a Mefalsim e la collina del Cavaliere fuori dal Kibbutz Nir Am. Nel 2018, un autobus dell’esercito è stato colpito da un missile guidato anticarro presso il sito della Freccia Nera.

Inoltre, l’IDF ha chiuso il valico di Erez per i pedoni che entrano ed escono da Gaza. Il checkpoint di confine è utilizzato da migliaia di lavoratori palestinesi ogni giorno.

Le ferrovie israeliane hanno annunciato che i treni cesseranno di circolare tra le città meridionali di Ashkelon e Netivot e che anche la vicina stazione di Sderot sarà temporaneamente chiusa.

L’Ufficio del Primo Ministro ha dichiarato che il Primo Ministro Yair Lapid terrà una valutazione della situazione con il Ministro della Difesa Benny Gantz, il capo dell’IDF Aviv Kohavi, il capo dell’agenzia di sicurezza Shin Bet Ronen Bar, il consigliere per la sicurezza nazionale Eyal Hulata, il vice primo ministro Naftali Bennett e altri funzionari.

Nella tarda serata di lunedì, l’IDF ha condotto un raid nella città di Jenin per arrestare un alto funzionario della Jihad islamica palestinese durante il quale è stato ucciso un adolescente palestinese.

Bassem Saadi, il capo del gruppo terroristico della Jihad islamica palestinese in Cisgiordania, è stato arrestato insieme al genero e aiutante Ashraf al-Jada.

Secondo alcuni rapporti, Saadi sarebbe stato ferito da un colpo d’arma da fuoco durante l’incidente. In seguito è stato riferito che è stato ferito dopo essere stato morso da un cane militare durante il suo arresto, con la pubblicazione di un video dell’evento.

Secondo lo Shin Bet, Saadi, 61 anni, è stato imprigionato e rilasciato da Israele sette volte nel corso degli anni.

Lo Shin Bet ha dichiarato che negli ultimi mesi Saadi “ha lavorato ancora più duramente per ripristinare le attività di PIJ ed è stato l’artefice della creazione di una significativa forza militare dell’organizzazione in Samaria in generale e a Jenin in particolare”, riferendosi alla Cisgiordania settentrionale.

“La sua presenza è stata un fattore significativo nella radicalizzazione degli operatori dell’organizzazione sul campo”, ha aggiunto lo Shin Bet.

In risposta all’arresto, il Jihad islamico, con sede a Gaza, ha annunciato in un comunicato di aver dichiarato lo stato di “allerta” e di aver aumentato la “prontezza” dei suoi combattenti in seguito all’arresto di Saadi.

Il Ministero della Sanità dell’Autorità Palestinese ha identificato la vittima palestinese come Dirar al-Kafrayni, 17 anni. Un secondo palestinese è rimasto moderatamente ferito, ha dichiarato il ministero.

Un’ala locale della Jihad islamica ha rivendicato la responsabilità di aver sparato contro le truppe israeliane che operavano a Jenin, e i funzionari israeliani hanno detto che le truppe hanno risposto al fuoco contro gli uomini armati che hanno aperto il fuoco, colpendo diversi di loro.

L’IDF e la Polizia di frontiera hanno dichiarato che durante l’operazione sono stati sequestrati una pistola, munizioni e denaro a Saadi e al-Jada. Secondo lo Shin Bet, al-Jada, un agente del PIJ, era già stato incarcerato in Israele.

Jenin è considerata un focolaio di attività terroristiche. Gli uomini armati e gli altri attentatori che hanno compiuto diversi attacchi terroristici mortali all’inizio dell’anno provenivano dalla città e dal suo campo profughi.

La tensione è rimasta alta in Cisgiordania, mentre le forze di sicurezza israeliane hanno intensificato le incursioni e le operazioni di arresto in seguito all’ondata di attacchi terroristici contro gli israeliani che hanno causato 19 morti all’inizio dell’anno.

In incursioni separate all’alba in tutta la Cisgiordania, le truppe hanno arrestato 12 palestinesi ricercati, con scontri violenti in alcune aree, ha dichiarato l’IDF.

Nel campo profughi di Far’a, l’IDF ha dichiarato che mentre le truppe arrestavano due sospetti terroristi, decine di palestinesi hanno aperto il fuoco e lanciato pietre, bombe molotov e ordigni esplosivi di fortuna contro le truppe.

L’IDF ha dichiarato che le truppe hanno risposto al fuoco, colpendo alcuni dei rivoltosi e degli uomini armati palestinesi. Secondo i media palestinesi, che citano il servizio medico della Mezzaluna Rossa, i feriti sono cinque, di cui uno in gravi condizioni.

Secondo i funzionari, nessun soldato israeliano è stato ferito durante le operazioni.

La settimana scorsa, due uomini armati palestinesi sono stati uccisi in un raid militare israeliano nella città di Nablus, nel nord della Cisgiordania. (RR Staff + TOI Staff)

La Russia nega ancora l’accesso a Olenivka. Usate armi termobariche per la strage

Secondo i servizi segreti ucraini le esplosioni a Olenivka sono state provocate da mercenari della compagnia militare privata russa Wagner su ordine personale del proprietario, Yevgeny Prigozhin

You May Also Like