Olena Zelenska, «la resilienza di Israele esempio per l’Ucraina» (intervista)

moglie di zelensky
La resilienza israeliana come esempio per l’Ucraina. La moglie di Zelensky in una intervista ringrazia Israele per gli aiuti e chiede interventi umanitari

Olena Zelenska, moglie del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha dichiarato che la sua nazione vede in Israele una fonte di ispirazione per la resilienza, data la sua storia di attacchi da parte dei suoi vicini.

«Non è esagerato dire che l’esperienza passata di Israele ispira i cittadini ucraini», ha dichiarato Zelenska in un’intervista alla TV israeliana Channel 12 news.

«Vediamo la forza e il potere di resilienza degli israeliani nella difficile situazione in cui Israele si è trovato per molti anni. La vostra resilienza è un esempio per noi», ha detto nell’intervista, che è stata condotta attraverso un collegamento video a distanza.

Parlando dell’assistenza israeliana all’Ucraina, che si è limitata prevalentemente agli aiuti umanitari, Zelenska ha detto che il suo Paese apprezza tutto l’aiuto possibile, in particolare l’aiuto di Israele nel curare i feriti ucraini. Alcuni funzionari ucraini hanno chiesto a Israele di fornire aiuti militari, ma Israele si è trattenuto nel tentativo di preservare le sue relazioni con la Russia.

«Come sapete, il sistema sanitario ucraino è sovraccarico. Ecco perché chiedo aiuto per l’Ucraina in ogni modo possibile», ha detto Zelenska.

Un’area in cui Israele ha offerto assistenza è la formazione di professionisti della salute mentale ucraini per il tipo di trauma che probabilmente dovranno affrontare in seguito all’invasione del Paese da parte della Russia, che si stima abbia ucciso migliaia di civili ucraini.

Negli ultimi mesi, due gruppi di professionisti della salute mentale – principalmente psicologi e terapeuti – si sono recati in Israele per imparare dagli esperti israeliani di traumi, il primo dei quali ha lavorato con Metiv: Israel Psychotrauma Center e il secondo con NATAL: Israel Trauma and Resiliency Center. Il workshop NATAL è stato organizzato in parte da Michal Herzog, moglie del presidente Isaac Herzog.

«Secondo le stime del Ministero della Salute ucraino, circa 15 milioni di cittadini ucraini avranno bisogno di aiuto nel campo della salute mentale, quindi non avevamo tempo da perdere, dovevamo iniziare ad agire immediatamente», ha detto Zelenska.

L’intervista di Zelenska a Channel 12 è stata una delle tante apparizioni pubbliche che ha fatto nelle ultime settimane, dopo aver trascorso settimane in clandestinità dall’inizio della guerra, quando si è spostata da un rifugio all’altro.

Da allora è tornata sotto i riflettori con un’offensiva di fascino e intelligenza a livello internazionale, rivolgendosi al Congresso degli Stati Uniti la scorsa settimana come parte dell’appello dell’Ucraina per ottenere il sostegno dell’Occidente nella sua lotta per la sopravvivenza.

«Nuove crisi stanno sorgendo in tutto il mondo, quindi forse la gente si dimenticherà dell’Ucraina come si è dimenticata di altre crisi», ha detto Zelenska.

«Questo è esattamente ciò che gli invasori vogliono ottenere. Stanno aspettando che tutti si stanchino, per inondare il mondo di informazioni sui problemi economici e su altre questioni per mettere a tacere la voce dell’Ucraina», ha detto.

La Russia ha lanciato l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio di quest’anno, dopo mesi di tensioni. Inizialmente la Russia sperava di invadere l’Ucraina rapidamente, ma da allora si è rassegnata a una guerra lunga e prolungata contro il suo vicino. (RR Staff + TOI staff)

terrorismo palestinese jihad islamica

Israele: arrestato capo Jihad islamica. Altissima tensione a Gaza. Chiuse autostrade e ferrovie

Altissima tensione al confine con la Striscia di Gaza dopo l'arresto di Bassem Saadi, capo della Jihad Islamica Palestinese

You May Also Like