Medio Oriente

Le fazioni palestinesi unite per difendere i due terroristi ancora in fuga

Set 17, 2021

Le fazioni palestinesi unite per difendere i due terroristi ancora in fuga

Le fazioni palestinesi hanno annunciato ieri la formazione di “una sala operativa congiunta” a Jenin. Le ali militari di Fatah, Hamas e Jihad islamica sono tutte coinvolte, è la prima volta che i tre movimenti uniscono le forze in una simile azione congiunta.

Alcune fonti hanno citato un combattente delle Brigate dei martiri di Al-Aqsa, un gruppo affiliato a Fatah, che ha affermato: “non c’è spazio per parlare [con Israele] se non con i proiettili. Siamo pronti a combattere e non ci ritireremo”.

La fonte ha precisato che erano presenti anche uomini armati mascherati che indossavano le insegne delle Brigate Izz Al-Din Al-Qassam, il braccio armato di Hamas.

Secondo un combattente delle Brigate Al-Quds della Jihad islamica, “Nel campo è stata annunciata una mobilitazione generale e tutte le fazioni sono pronte a combattere. L’esercito israeliano vedrà quello che non si aspetta se pensa di entrare nel campo”. Ha spiegato che “combattenti della resistenza” da diverse parti della Cisgiordania sono arrivati ​​nel campo di Jenin “in preparazione di qualsiasi battaglia”.

La sala delle operazioni congiunte sembra essere una risposta al fatto che si ritiene che due dei fuggitivi dalla prigione di Gilboa in Israele stiano cercando di raggiungere il campo profughi di Jenin. Il capo di stato maggiore israeliano, Aviv Kochavi, ha detto mercoledì che se i due raggiungeranno davvero Jenin, l’esercito israeliano attaccherà la città in forze per arrestarli, anche se l’operazione colpisce il resto della Cisgiordania.

“Il campo spera che i prigionieri fuggitivi, Mujahid Yaqoub Nafi’at e Ayham Fouad Kammaji, arrivino qui”, ha detto il combattente delle Brigate Al-Quds. “Li proteggeremo con i nostri corpi e tutto ciò che abbiamo”.

La redazione di Rights Reporter che scrive volontariamente non appena possibile per proseguire il progetto di RR