Medio Oriente

Rapporti Israele-Marocco: il bluff marocchino

Dic 13, 2020

Rapporti Israele-Marocco: il bluff marocchino

117 Condivisioni

I gruppi islamisti marocchini hanno rigettato l’accordo di normalizzazione con Israele raggiunto con la mediazione degli Stati Uniti.

Agli islamisti marocchini, tra i quali Unity and Reform Movement (MUR), il secondo più grande movimento islamico in Marocco, dopo al-Adl wa al-Ihsan (Giustizia e Benevolenza), non è andato giù l’accordo di normalizzazione con Israele anche se in cambio hanno ottenuto il riconoscimento americano della sovranità marocchina sul Sahara Occidentale.

Secondo il MUR la decisione del Marocco è stata “deplorevole” e ha annunciato lotta dura contro “tutti i tentativi di infiltrazione sionista”.

Altri gruppi isamisti, alcuni fuorilegge, hanno denunciato “la pugnalata alle spalle della causa palestinese” da parte di Re Mohammed VI.

Più defilato è apparso il Justice and Development Party (PJD), partito che governa insieme MUR. Il suo ramo religioso ha criticato l’accordo di normalizzazione con Israele e ha detto che continueranno a sostenere con ogni mezzo la causa palestinese conto “l’occupazione israeliana”.

La contropartita, cioè la sovranità del Marocco sul Sahara Occidentale, vale un “simil-accordo” per accontentare gli americaniClick To Tweet

Tuttavia, fanno notare gli islamisti del PJD, che la contropartita, cioè la sovranità del Marocco sul Sahara Occidentale, vale un “simil-accordo” per accontentare gli americani.

Gli Stati Uniti hanno fatto un importante proclama che sottolinea la sovranità del Marocco sulle province meridionali e apre nuovi orizzonti per rafforzare la posizione del Marocco negli ambienti internazionali. Inoltre isola ulteriormente gli avversari della nostra integrità territoriale” hanno detto i vertici del PJD in una nota dove riaffermano anche “il fermo sostegno alla causa palestinese”.

In sostanza l’accordo di normalizzazione dei rapporti tra Marocco e Israele è un “non accordo”. I marocchini lo hanno fatto non per normalizzare i rapporti con Gerusalemme ma solo per avere il riconoscimento americano della loro sovranità sul Sahara Occidentale. Per il resto rimane praticamente tutto immutato, compreso il sostegno marocchino alla cosiddetta “causa palestinese”

117 Condivisioni

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia