Medio Oriente

Su Biden mi ero sbagliato. Sta cominciando peggio di Obama

Ieri Biden ha nominato due anti-israeliani in posti chiave. Uno come inviato speciale in Iran, l’altro per gli affari palestinesi. E ancora non ha nemmeno fatto una telefonata a Netanyahu. Brutti segnali...

Gen 29, 2021

Su Biden mi ero sbagliato. Sta cominciando peggio di Obama

792 Condivisioni

Io credo che quando uno fa in qualche modo “informazione” sia tenuto ad essere imparziale e se sbaglia sia tenuto a correggersi. Ecco, su Biden e sulla sua politica in Medio Oriente mi ero sbagliato. Più passano i giorni e più me ne rendo conto.

Prima la notizia che Biden portasse avanti colloqui con Teheran per riattivare il JCPOA (l’accordo sul nucleare iraniano). Poi quella che il nuovo Presidente americano intendeva riattivare gli aiuti ai palestinesi che con molta probabilità finiranno anche in tasca alle famiglie dei terroristi palestinesi.

Ora la notizia, non ancora ufficialmente confermata, che il Presidente Biden intende nominare Robert Malley inviato speciale in Iran con la facoltà di trattare con gli Ayatollah il ripristino del JCPOA.

Ora, per chi non lo conoscesse, Robert Malley è colui che insieme ad Obama ha curato tutti i dettagli dell’accordo sul nucleare iraniano e, se non bastasse, è stato uno dei maggiori consiglieri della politica obamiana in Medio Oriente.

Capite che questa mossa del Presidente Biden non può passare inosservata, almeno non tra gli addetti ai lavori. Non può perché vuol dire che Biden in Medio Oriente intende ripercorrere passo per passo la disastrosa politica di Obama.

Poi, considerando che Robert Malley non è propriamente considerato un filo-israeliano e che proprio ieri un altro “poco amico” di Israele, Hady Amr, è stato nominato vice segretario aggiunto per Israele e gli affari palestinesi nell’Ufficio per gli affari del Vicino Oriente del Dipartimento di Stato, non c’è proprio da stare allegri.

Sempre per chi non lo sapesse, Hady Amr è stato inviato speciale per i negoziati israelo-palestinesi nell’amministrazione Obama e non è che sia stato proprio dalla parte di Gerusalemme.

Dunque, voi capite che se in pochi giorni il Presidente Biden mette insieme tutti questi segnali, senza nemmeno aver telefonato una sola volta a Netanyahu, viene da pensare che la sua politica verso Israele non sarò poi tanto amichevole come il sottoscritto andava dicendo (e difendendo a spada tratta).

Sinceramente a questo punto non so nemmeno più cos’altro aspettarmi dalla nuova Amministrazione americana. I primi senali verso Israele sono pessimi, disastrosi. Speriamo che si fermino qui e che non vadano a toccare Gerusalemme, il Golan e la Valle del Giordano perché a questo punto mi aspetto veramente di tutto.

792 Condivisioni

Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia