chi è dietro alle proteste in egitto