Lo chiamano “equilibrio del terrore” ed è una strana teoria ampiamente pubblicizzata nei numerosi think tank anti-israeliani dove non mancano, purtroppo, anche importanti nomi ebraici, per lo più residenti all’estero e fiancheggiatori della sinistra “pacivendola”. ...