Ucraina: abbattuto drone iraniano. Cosa ne sappiamo delle nuove armi russe

Per la prima volta un drone iraniano viene abbattuto in Ucraina. Ecco cosa sono e come funzionano i droni iraniani detti “bombe vaganti” venduti dall’Iran alla Russia

Le immagini provenienti dall’Ucraina forniscono la prima prova fotografica di droni di fabbricazione iraniana utilizzati dalla Russia. Le immagini, scattate da un ufficiale ucraino e pubblicate su Twitter, sembrano mostrare i resti di un Shahed-136 o di un drone kamikaze abbattuto dalle forze ucraine nei pressi di Kupiansk, nell’Oblast di Kharkiv. Da alcuni giorni si vociferava di queste armi, ma questa è la prima prova visiva.

I droni suicidi detti “bombe vaganti” differiscono dai missili da crociera perché sono in grado di volare alla ricerca di bersagli, anziché essere programmate prima del lancio, e viaggiano a velocità relativamente basse – lo Shahed-136 vola a circa 120 miglia orarie. Alcuni sono in grado di tornare alla base se non trovano un bersaglio, ma non questo.

A luglio la Casa Bianca aveva dichiarato che la Russia stava acquistando centinaia di droni militari dall’Iran, che l’addestramento era già in corso e che le consegne potevano essere iniziate.

Negli ultimi quarant’anni l’Iran ha sviluppato una notevole industria di droni militari e sebbene impedito dall’importare tecnologia ha costruito una significativa industria di droni producendone un’enorme varietà di tipi diversi.

In particolare, l’Iran ha esportato i suoi droni per perseguire i propri obiettivi, ad esempio fornendo a Hezbollah droni per attaccare Israele e agli Houthi tecnologia per colpire l’Arabia Saudita.

Lo Shahed-136 è prodotto dalla Shahed Aviation Industries, che ha una lunga storia di sviluppo di droni, tra cui il famoso Shahed-129 – un sosia del Predator – lo Shahed-149, che è la risposta iraniana al più grande Reaper e i droni stealth Shahed-181 e -191, basati sulla tecnologia inversa di un RQ-170 statunitense catturato nel 2011.

I droni iraniani non saranno originali, ma sono abbastanza efficaci da destare grande preoccupazione negli Stati Uniti e in Israele.

Lo Shahed-136 è grande per essere una “bomba vagante”: si parla di circa 200 chili, 12 piedi di lunghezza con un’apertura alare di 8 piedi e un raggio d’azione stimato in più di mille miglia, ma questi dati potrebbero essere già superati.

La bomba vagante offre la possibilità di colpire obiettivi di precisione a lungo raggio, una capacità di cui la Russia ha urgente bisogno. Attualmente la Russia effettua attacchi a lungo raggio con le sue scorte in diminuzione di missili balistici inaffidabili, che hanno un tasso di errore riportato fino al 60%.

L’Iran ha mostrato lo Shahed-136 nel 2021 durante l’esercitazione annuale del Grande Profeta, durante la quale un lanciatore, un container sul retro di un camion, ha lanciato in rapida successione cinque droni con booster a razzo. (Se si tratta di un container da trasporto standard, un’apertura alare di 2,5 metri sarebbe troppo stretta e potrebbe essere leggermente più piccolo).

Secondo gli iraniani, lo Shahed-136 è estremamente preciso; i loro video mostrano che colpisce diversi obiettivi con grande precisione. Tali video sono facilmente falsificabili, ma gli attacchi al centro petrolifero saudita di Abqaiq sono stati notevoli per la loro costante precisione. Il sistema di guida del terminale è sconosciuto, ma potrebbe includere una qualche forma di imager ottico o a infrarossi in grado di riconoscere e agganciare i bersagli piuttosto che una semplice guida GPS.

Sebbene alcuni abbiano parlato della capacità di swarming dello Shahed-136, non ci sono prove di una vera e propria tecnologia di swarming che permetta ai droni di lavorare insieme come una squadra coordinata (anche se si sa che l’Iran sta lavorando in questo settore). L’idea sembra piuttosto quella di effettuare attacchi a saturazione per sommergere le difese aeree con così tanti bersagli che alcuni riescono a passare.

Altri “clienti” iraniani potrebbero aver già utilizzato lo Shahed-136 in operazioni offensive. Gli analisti statunitensi hanno identificato i rottami recuperati dopo che un drone ha colpito la petroliera M/V Mercer Street nel 2021 come provenienti da un drone con ala a delta caricato con esplosivi militari, e i ribelli Houthi hanno usato droni simili nel drammatico attacco che ha incendiato l’impianto di lavorazione del petrolio saudita di Abqaiq nel 2019, portando alcuni a chiamare lo Shahed-136 “Aramco Killer” o “Bestia di Aramco”. Se uno di questi è stato usato per attaccare la M/V Mercer Street – un bersaglio in movimento – allora è chiaro che lo Shahed-136 ha una qualche forma di homing terminale.

I resti in Ucraina avevano marcature in cirillico che identificavano la munizione come “M214 Geran-2” (‘Geranium-2’), quindi le armi potrebbero essere state in qualche modo personalizzate per i russi piuttosto che fornite da scorte esistenti. Questo potrebbe indicare che l’accordo Iran-Russia era in cantiere da tempo.

Le nuove bombe vaganti iraniane rappresentano una potenziale seria minaccia per l’Ucraina in quanto in grado di colpire i centri di comando, l’artiglieria, la difesa aerea, la logistica e altri obiettivi militari, nonché le infrastrutture civili.

Tuttavia, le armi lente e a bassa quota potrebbero essere abbastanza facili da abbattere da un sistema di difesa coordinato, ammesso che riesca a far fronte a più bersagli contemporaneamente. Può essere un segnale incoraggiante che il primo avvistamento di uno Shahed-136 sia stato abbattuto dagli ucraini. Forse è ora di intensificare le esportazioni di quei sistemi di difesa aerea che l’Ucraina ha chiesto agli Stati Uniti fin dall’inizio del conflitto. Articolo scritto da David Hambling su Forbes

Perché un giornalista morto in Israele è diverso da tutti gli altri?

Gli Stati Uniti si sono addirittura permessi di “consigliare” all’IDF di rivedere le regole di ingaggio

You May Also Like