Bombe intelligenti e informazioni precise, così Israele ha colpito la Jihad islamica a Gaza

L’operazione Breaking Dawn ha aumentato la deterrenza, cambiato il volto del movimento della Jihad islamica palestinese e ripristinato la stabilità

RR Staff + Jerusalem Post staff – Otto bombe, tra cui una che è esplosa nell’appartamento al piano superiore a quello in cui si nascondeva, sono state lanciate dall’aviazione israeliana e utilizzate per uccidere l’alto comandante della Jihad islamica Tayseer al-Jabari nel nord della Striscia di Gaza durante l’operazione Breaking Dawn, venerdì scorso.

Durante i tre giorni di combattimenti, l’IDF è riuscito a uccidere più di una dozzina di alti comandanti terroristici della Jihad islamica nella Striscia di Gaza e ha distrutto le infrastrutture chiave dei terroristi che venivano utilizzate per fabbricare armi. Le batterie missilistiche Iron Dome hanno intercettato il 97% dei razzi ritenuti pericolosi.

Alti funzionari dell’establishment della difesa hanno dichiarato che l’IDF ha raggiunto tutti gli obiettivi fissati all’inizio dell’operazione, tra cui concentrare gli attacchi solo sulla Jihad islamica, degradare le capacità del gruppo, assassinare alti funzionari e prevenire attacchi contro Israele.

Secondo gli ufficiali, l’operazione ha aumentato la deterrenza, ha cambiato il volto del movimento della Jihad islamica e ha riportato la stabilità nell’area.

Come è iniziata l’operazione Breaking Dawn

L’IDF ha chiarito che poco dopo l’arresto del leader della Jihad islamica Bassam al-Saadi a Jenin, la settimana scorsa, il gruppo ha minacciato di compiere attacchi con cecchini e anticarro contro gli israeliani; per questo l’OC Southern Command Magg.-Gen. Eliezer Toledano ha innalzato il livello di allerta nella regione e ha aggiornato un piano operativo noto come “Black Sash“, formulato per colpire la Jihad islamica.

All’inizio di mercoledì, l’establishment della difesa ha ricevuto un allarme secondo il quale il gruppo progettava di lanciare un missile anticarro contro un autobus civile israeliano, portando alla decisione di imporre severe restrizioni di movimento ai residenti del Negev occidentale.

Il capo di stato maggiore dell’IDF, Aviv Kohavi, ha chiesto fin dall’inizio la creazione di una forte linea difensiva lungo il confine per prevenire un attacco e ha ordinato al Comando meridionale di iniziare i preparativi per un attacco che avrebbe incluso omicidi mirati contro membri di alto livello della Jihad islamica.

Due alti funzionari della Jihad islamica eliminati nell’attacco iniziale

L’IDF aveva originariamente pianificato di iniziare l’attacco sabato mattina, ma alla fine ha deciso di lanciarlo venerdì alle 16:15, con l’attacco aereo contro Jabari insieme a un attacco separato con un drone contro Abdallah Kadum, un alto comandante delle unità missilistiche anticarro del gruppo. I droni e i carri armati dell’IDF hanno effettuato attacchi contro le posizioni e i punti di osservazione del movimento nello stesso momento.

Il comandante delle forze aeree, il Magg. Tomer Bar ha scelto un modo innovativo per colpire Jabari, poiché si trovava in un edificio di 14 piani con 28 appartamenti e Israele voleva ridurre al minimo i danni ai civili innocenti negli appartamenti vicini. Il risultato fu la decisione di utilizzare una bomba Spice-250 sviluppata da Rafael, penetrata in una stanza vuota dell’appartamento al settimo piano. La bomba è esplosa, distruggendo solo il pavimento, e ha fatto crollare il soffitto su Jabari, che si trovava nell’appartamento sottostante, uccidendolo.

Pochi secondi dopo, i jet dell’IAF hanno sparato altri sette missili contro le stanze dell’appartamento da diverse angolazioni per uccidere eventuali altri terroristi all’interno.

Durante l’operazione l’IDF ha ucciso anche Khaled Mansour, il comandante della Jihad islamica nel sud di Gaza. Mansour aveva supervisionato per anni gli attacchi terroristici contro Israele, compreso un attacco nel 2010, in cui furono uccisi i soldati dell’IDF Eliraz Peretz e Ilan Sviatkovsky.

Mansour è stato anche a capo dell’unità missilistica della Jihad islamica e ha guidato centinaia di lanci di razzi contro Israele.

Mansour era responsabile degli sforzi della Jihad islamica per costruire tunnel terroristici in Israele. Uno dei tunnel costruiti sotto il suo comando, che doveva essere usato per infiltrarsi in Israele, è stato distrutto durante l’operazione Breaking Dawn.

L’IDF aveva inizialmente pianificato di colpire Mansour in un appartamento in cui si nascondeva, ma ha annullato il bombardamento dopo che lo Shin Bet (Agenzia per la sicurezza di Israele) ha scoperto che si trovava proprio sopra un asilo. In seguito si è trasferito in un altro appartamento e l’attacco è stato approvato.

Gli obiettivi colpiti durante l’operazione sono stati 17 punti di osservazione – tra cui sei presidiati in quel momento – 45 obiettivi missilistici a lungo raggio, otto postazioni, otto depositi di armi, sei siti di produzione di armi e tre obiettivi legati agli sforzi navali del movimento.

Durante l’operazione, 1.175 razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele, anche se circa 200 sono caduti all’interno della Striscia; alcuni dei lanci falliti hanno causato vittime tra i civili.

Martedì è stato anche rivelato che durante l’operazione, la Jihad islamica aveva intenzione di lanciare un drone verso l’impianto di gas Tamar al largo della costa di Ashdod, ma il tentativo è fallito e il drone non è stato lanciato, secondo la Radio dell’Esercito. (RR Staff + Jerusalem Post Staff)

versetti satanici fatwa

Da Salman Rushdie a Charlie Hebdo, chi critica l’islam muore

Come sempre nella “condanna musulmana” dell’attentato a Salman Rushdie ci sarà la regola del «si, ma…», quella regolina che lega i cosiddetti “musulmani moderati” ai fanatici

You May Also Like