articolo di carter sul washington post