Tag

pacifismo

Browsing

Chi sono i pacivendoli? Il termine è mutuato dalla parola “pacifinto” cioè finto pacifista con una aggravante. Riprendendo da un nostro articolo del 2012 possiamo affermare che un pacivendolo e tecnicamente più subdolo di un finto pacifista: «pacivendolo è colui che si autodefinisce “pacifista” ma che, andando ben oltre il termine di “pacifinto”, cerca di vendere il concetto che lo sterminio di un popolo possa portare la pace nel mondo. Insomma, un genocidio mascherato da “atto di pace”».

pacifismo-ricco

Una volta essere pacifisti significava combattere contro le guerre, cioè fare in modo che le guerre non ci fossero attraverso azioni mirate a mettere d’accordo i contendenti. L’Onu aveva creato anche una apposita sezione a tal riguardo, la United Nations Peacemaker, una unità di persone specializzate nella negoziazione tra parti in conflitto che doveva seguire dei rigidi parametri e dei percorsi per raggiungere l’obbiettivo finale che era appunto quello di mettere d’accordo le parti in conflitto.

Il pacifismo è la maschera migliore dietro la quale nascondere i peggiori istinti umani, il grimaldello con il quale aprire le porte dell’inferno dell’odio razziale e religioso. Lo sanno bene gli estremisti islamici che da anni ne fanno un uso persino sfacciato. Ma che la gente europea debba cadere in questo tranello o addirittura diventarne consapevolmente complice è davvero troppo.

pacifisti-manlio-di-stefano

Tutti zitti per quasi tre anni mentre il macellaio Assad massacrava oltre 100.000 persone e ne costringeva qualche milione a fuggire. Quante volte ci siamo chiesti dove fossero i pacifisti, quante volte avremmo voluto vedere le bandiere arcobaleno sventolare per il popolo siriano. Ma loro niente, imperterriti nel loro silenzio. Poi arriva Obama e minaccia un intervento armato e loro, i pacifisti, si scatenano.

israele-siria-comunismo-antisemita

E’ imbarazzante il comportamento che una certa sinistra pacivendola e una certa stampa di sinistra tiene nei confronti della Siria specie se confrontato a quello tenuto nei confronti di Israele. Intendiamoci, quello che seguirà non vuole essere una lamentela, ci siamo abituati a questo comportamento, voglio solo mettere in evidenza alcuni fatti che la sinistra anti-israeliana tende volontariamente ad omettere o distorcere. Insomma , nessuna lagnanza, è solo una elencazione nuda e cruda dei fatti.

Il doppiopesismo pacifista o, più correttamente, pacifinto, raggiungerà il suo culmine durante questo fine settimana quando qualche migliaia di teppisti nascosti dalle bandiere arcobaleno cercherà di sbarcare per via aerea in Israele per quella che viene definita la “flotilla aerea”, ovvero l’iniziativa anti-israeliana chiamata “welcome Palestine 2012”.