Ucraina: ogni giorno muoiono fino a 200 soldati. Nuove armi per fermare i russi

militari ucraini morti
Ogni giorno un numero spaventoso di morti. Senza nuove armi saranno sempre di più e moriranno inutilmente se i russi non verranno fermati

Secondo un consigliere del presidente ucraino, ogni giorno vengono uccisi fino a 200 soldati ucraini nell’assalto militare della Russia e solo un armamento occidentale sempre più avanzato potrà respingere l’offensiva russa, ridurre le perdite e costringere Mosca al tavolo dei negoziati.

Mykhailo Podolyak ha dichiarato alla BBC, in un’intervista andata in onda giovedì, che la perdita giornaliera di 100-200 soldati ucraini è il risultato di una “completa mancanza di parità” tra l’Ucraina e la Russia, che ha “gettato sul fronte praticamente tutto ciò che non è nucleare” nel tentativo di avanzare nella regione orientale ucraina del Donbas e oltre.

Di recente il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha stimato che il numero di morti giornaliero raggiunge i 100, ma Podolyak ha detto che è cresciuto. I funzionari ucraini hanno indicato le perdite crescenti per sottolineare la loro richiesta di più armi occidentali, che sono state fondamentali per l’inaspettato successo del Paese nel tenere a bada le forze russe, più grandi e meglio equipaggiate.

Dopo un tentativo malriuscito di conquistare Kiev nei primi giorni di guerra, la Russia ha spostato la sua attenzione sulla regione del Donbas, ricca di miniere di carbone e fabbriche. Ma i suoi progressi sono stati lenti. Podolyak ha dichiarato che la consegna di sistemi di artiglieria all’avanguardia non solo ridurrà il numero di vittime dell’Ucraina, ma aiuterà le sue forze a recuperare il territorio sequestrato.

“C’è una cosa molto importante che i nostri partner devono capire: finché la Russia non subirà una seria sconfitta militare, non sarà possibile alcuna forma di dialogo e continuerà a cercare di conquistare parti del nostro Paese”, ha dichiarato.

Podolyak ha anche affrontato i timori dell’occidente in merito al fatto i lanciarazzi occidentali nelle mani delle forze ucraine possano essere utilizzati per colpire obiettivi all’interno della Russia e potenzialmente far degenerare il conflitto in una più ampia conflagrazione, affermando che “non accadrà”.

Battaglia strada per strada

La battaglia nel Donbas è continuata venerdì, con un governatore ucraino che ha dichiarato che le forze stanno combattendo “per ogni casa e ogni strada” a Sievierodonetsk, il recente centro degli scontri. Sievierodonetsk si trova nell’ultima sacca della regione di Luhansk che non è ancora stata rivendicata dalla Russia.

Il governatore di Luhansk, Serhiy Haidai, ha dichiarato all’Associated Press che le forze ucraine mantengono il controllo della zona industriale alla periferia della città e di alcune altre sezioni, mentre continuano i minuziosi combattimenti isolato per isolato.

Zelenskyy ha detto giovedì che mentre la situazione nel Donbas è statica, le forze ucraine hanno fatto qualche progresso nella regione di Zaporizhzhia, nel sud, dove le truppe ucraine sono state in grado di “rovinare i piani degli occupanti”. Non ha fornito dettagli.

Perché Israele ha attaccato l’aeroporto di Damasco e perché la Russia è furibonda

Russia furibonda con Israele per l’attacco all’aeroporto di Damasco ma anche perché “deride” gli S-300 che Mosca vende in tutto il mondo e potrebbe aver autorizzato la consegna all’Ucraina dei missili SPIKE di quinta generazione

You May Also Like