Blog, Sociale

Caro Renzi, non abbiamo più la salute, lasciateci il Diritto di star male

Confesso che avevo (e in parte ho ancora) molta fiducia in questo Governo Renzi, mi piace il modo spedito di proseguire, mi piace che finalmente abbia messo in discussione lo strapotere dei sindacati, mi piace che non dia tanta corda alla sinistra estrema. Ci sono cose che non mi vanno ancora giù ma penso che occorra dargli tempo. C’è però una cosa che secondo me il Governo Renzi deve fare assolutamente e velocemente e che ancora non ha fatto: garantire non solo il Diritto alla salute, ma anche il Diritto di star male a chi la salute non ce l’ha più.

Parlo delle centinaia di migliaia di malati cronici affetti anche da gravissime malattie (chi scrive ha la Sclerosi Multipla) che ogni volta che devono accedere a un servizio, ottenere un ausilio (non solo medico, ma anche materiale come può essere una sedia a rotelle, un tutore ecc.ecc.) o devono accedere a visite o a trattamenti di tipo specialistico si trovano di fronte a mille ostacoli burocratici, mille richieste da fare, spesso costretti a lunghi e difficili spostamenti. Non parliamo poi di tutto quello che la burocrazia fiscale e assistenziale (inteso come INPS) chiede quasi continuamente. E ogni volta si è costretti a rivolgersi a professionisti o ai patronati che il lavoro lo fanno gratuito solo a parole. Il tutto con una pensione di meno di 300 euro e per i più fortunati una indennità di accompagnamento che non arriva a 500 euro, che bastano a malapena a pagare meno di due settimane di una badante.

Il Governo Renzi ha promesso e spergiurato solennemente di non praticare tagli alla Sanità. Non è vero. Non avrà fatto tagli eclatanti, di quelli che finiscono sui giornali, ma ha tagliato eccome. Prendiamo per esempio i servizi di accompagnamento presso i centri di cura. Tagliati in maniera incredibile. Per fare un esempio oggi a un malato di cancro che deve andare a fare radioterapia non viene più garantito l’accompagnamento alla cura o, nel migliori dei casi, gli viene chiesto un contributo. Uno che come unica risorsa ha solo la pensione di invalidità non se lo può permettere e quindi è costretto a rinunciare a curarsi. I malati di Sclerosi Multipla (per fare un esempio che mi tocca personalmente) che devono fare fisioterapia in maniera quasi continuativa per ottenere di essere accompagnati presso il centro di cura devono fare una lunga trafila burocratica e non sempre l’accompagnamento gli viene garantito. Nessuno parla dei tagli alle ambulanze e ai mezzi di accompagnamento degli invalidi perché è una cosa che non fa notizia. Nessuno parla dei paletti messi alla Croce Rossa Italiana per garantire tali servizi e dei tagli (massicci) effettuati in tal senso perché non interessa a nessuno delle difficoltà che deve affrontare chi sta male per andare a curarsi. E vogliamo parlare delle trafile burocratiche richieste a chi fa domanda per ottenere uno di questi servizi? Visite mediche che si ottengono dopo mesi e mesi, certificati medici che costano da 60 a 80 euro, visite specialistiche alle quali è impossibile accedere attraverso un CUP senza passare per una attesa che arriva a 12 mesi e che quindi conviene fare a pagamento.

Certo, di questo (ed è solo una minima parte del problema) non se ne parla, non si parla del fatto che oggi un malato cronico diventa un peso per la sua famiglia non solo a livello finanziario ma anche a livello assistenziale, un peso che sempre più spesso getta intere famiglie sul lastrico. Ed è questo il taglio alla Sanità che Renzi diceva di non fare? Togliere servizi essenziali ai malati non è forse un taglio? Imporre lunghe trafile burocratiche, pretendere documenti a pagamento, mortificare un malato costringendolo a elemosinare un po’ di assistenza non è un taglio alla Sanità? E cos’è allora?

Adesso arriverà il solito genio che mi dirà che la colpa di tutto questo è dei falsi invalidi, degli sprechi nella Sanità, di chi ha goduto di quei servizi senza averne bisogno e tante altre menate del genere, tipo che la burocrazia serve proprio a scoprire questi personaggi. E no, non è così che funziona in un Paese civile. In un Paese civile degno di questo nome è lo Stato a vigilare affinché tali abusi non si verifichino, non si tolgono servizi e si impongono costrizioni a chi sta male veramente per coprire le proprie mancanze.

Persone come me la salute non ce l’hanno più, lasciateci almeno il Diritto di star male.

5 Replies to Caro Renzi, non abbiamo più la salute, lasciateci il Diritto di star male

  1. Renzi taglia rosicchiando per passare inosservato, ma lo scopo finale di Renzi è lo stessso di monti, la fornero, letta (minuscolo per disprezzo): sanità come in America (chi può pagare paga, chi non può si arrangia). Per risolvere il problema di chi ha paura di essere considerato un peso inutile, hanno introdotto l’eutanasia -anche per i bambini-spacciandola per “libertà di scelta”. Ogni servizio sarà a pagamento. In più, stanno per regalare alle multinazionali un potere inimmaginabile: nessuno Stato potrà, con leggi proprie, impedire la venditadi prodotti ottenuti senza alcun controllo di tipo ambientale, controlli su come viene attuata una coltivazione, un allevamento… Ogni indicazione sui prodotti che che “potrebbe discriminare” una multinazionale ( ma a garanzia dei consumatori), sarà vietata, pena l’accusa contro lo stato di concorrenza sleale. Renzi sta lavorando per questo accordo che segnerà la fine del mercato per tutti le nostre produzioni locali. Renzi non è stato eletto da nessuno, quindi non rappresenta nessuno, tanto meno il popolo italiano. Fa parte di un governo non legittimo, ma necessario per completare il perverso disegno europeo che prevede la fine dell’Italia e del popolo italiano. Se mi permette, vorrei consigliarLe l’ascolto dei video del prof. Nando Ioppolo-è uno dei pochi con la dote della sintesi e della chiarezza (forse perchè ha insegnato queste cose per tanti anni) e i video di Paolo Barnard, arrivato alle stesse conclusioni, ma per altre strade. La soluzione c’è e non è quella di renzi.

  2. beh, non è che io adesso la veda così catastrofica. Di certo fino adesso Renzi o non Renzi sulla Sanità hanno tagliato tutti come matti

  3. In realtà,da quanto intuito su tale considerazione deduco solamente che quell’individuo di Renzi non è altro che uno dei soliti (CLASSICI LADRI IMPOSTORI) ambigui,sanguisughe e raccattapalle,essendo già stato filogovernativo (exdemocristiano) passando poi dalla parte di un ancor sempre spietatatissima sinistra capitalista conservatrice e materialista, sebbene sono comunque certa che verrà distrutta molto presto,anche se nella eterna ambiguità, finirà ancor più di avvelenare ed affamare le classi precarie del popolo italiano in genere,cioè contribuire a distruggere completamente l’Italia,(UN CLASSICO).
    In particolare molto verosimilmente a quelle grandi.anaglie,aguzzine,ciniche e crudeli di Monti e Fornero (ex dirigente del settore pensionistico compreso quello dell’Invalidità civile),costringendo gli invalidi civili che pur avendo una diagnosi del 100% con accompagnamento, come nel caso di mio figlio, che purtroppo soffre di gravissime patologie di handicap mentale e fisico come: ipotrofia muscolare generalizzata con perdita totale di lucidità e sensi,i cui dottori dopo l’ultima visita di revisione dello scorso mese,hanno completamente affermato che il suo caso è permanentemente irrecuperabile,affermando che l’esonero da future visite di revisione è obbligatorio ma, ciò nonostante, purtroppo per grave colpa di tali leggi è costretto a ritornare a revisione tra cinque anni con un’età di ben 38 anni circa avendone ora quasi 33,se così si continuasse,cosa devo pensare? Potrà mai continuare cosi.revisionandosi ogni cinque anni,anche dopo l’età pensionabile,o addirittura fino alla morte?Quando ciò accadrà inevitabilmente a me prima di lui essendo la madre? Avendo già io una certa età,vedova da quasi tre anni vivendo in una condizione alquanto precaria lavorando nel settore (L.S.U.) con uno stipendio irrisorio di appena cinquecento euro mensili con l’aggiunta di un minimo di integrazione? Come si può pretendere se pure volessi attuare un ricorso legale tramite un avvocato penalista in tale stato di precarietà? Sebbene pur avendo parenti ,è come se non li avessi, perché la mia è una “famiglia”particolare dalle altre.Comunque venendo al sodo della cosa,se Renzi nonostante la sua spietata ambiguità coperta da una falsa ambizione dall’aria del classico presuntuoso spavaldo com’è nella loro natura politica autoproclamandosi presidente del consiglio,in un clima di(FALSA DEMOCRAZIA),si direbbe ,essendo contemporaneamente un atto completamente antidemocratico ed illegittimo ma soprattutto (PARADITTATORIALE)come per lo stesso Monti nei riguardi del popolo precario e medio tranne per i parassiti da loro tanto favoriti,sebbene purtroppo è neo-capo del governo,se da qui a fra cinque anni si “degnasse”di smantellare completamente queste leggi-killer sulla sanità dell’ex governo Monti e Fornero,cosa di cui so che giammai avverrà,giacché la natura della vostra politica sarà per sempre basata sul capitalismo cinico dei vostri interessi,a differenza invece di un grande ex Cavaliere:Silvio Berlusconi,il quale ha pur sempre reso una politica di equalitarismo e mediazione generale tra ceti medi,precari soprattutto sul settore sanitario e pensionistico,specie sull’invalidità civile,purché ritornino i suoi vecchi decreti sull’esonero totale di coloro che possiedono il 100% d’Invalidità Civile con accompagnamento,sia di mio figlio che di casi simili. La giustizia rimarrà comunque quella autentica e pura del solo unico Cristo in questo mondo sempre più corrotto.(È ORA DI DIRE BASTA!!)

Comments are closed.