Sarà Israele a fornire gas al Libano, ma non si deve sapere

Leviathan
Per aggiungere un ulteriore livello di assurdità, tutto ciò avverrà mentre la leadership di Hezbollah minaccia Israele di guerra se estrarrà gas dal vicino giacimento di Karish

Di Jonathan Spyer – Il 21 giugno, presso il Ministero dell’Energia libanese a Beirut, Libano, Siria ed Egitto hanno firmato un accordo per la fornitura di gas naturale egiziano al Libano, attraverso la Siria. Secondo l’accordo, l’Egitto esporterà 650 milioni di metri cubi di gas naturale all’anno alla centrale elettrica di Deir Ammar in Libano. Il gas arriverà in Libano attraverso l’Arab Gas Pipeline (AGP), che attraversa la Giordania e la Siria.

Questo accordo, che richiede l’approvazione definitiva della Banca Mondiale, che lo finanzierà parzialmente, e degli Stati Uniti, è significativo da diversi punti di vista.

In primo luogo, se attuato, contribuirà ad alleviare la situazione dei cittadini libanesi, per i quali le interruzioni di corrente e le lunghe ore senza elettricità sono diventate parte della vita quotidiana. Secondo un rapporto del Center for Strategic and International Studies, l’accordo promette di generare altri 450 megawatt di elettricità. Ciò dovrebbe garantire alle case libanesi quattro ore di elettricità in più al giorno. Negli ultimi mesi il generatore statale in Libano ha funzionato a malapena, lasciando i cittadini dipendenti da generatori privati alimentati a gasolio.

In secondo luogo, l’accordo rappresenta un risultato significativo per il regime di Assad in Siria. È ancora necessaria l’approvazione degli Stati Uniti, perché l’accordo è in contrasto con il Caesar Act statunitense, che mantiene le sanzioni finanziarie sul regime siriano, a causa delle uccisioni di massa di civili che ha compiuto nel periodo della guerra civile siriana.

Prima della guerra, il gas veniva pompato dall’Egitto al Libano, ma questo processo è stato interrotto nel 2011 a causa dell’instabilità e degli attacchi al gasdotto in Siria. L’accordo consentirà quindi al regime siriano di aggirare le sanzioni e di proiettare un’immagine di ritorno alla normalità, oltre a ottenere una modesta iniezione di reddito dal trasferimento del gas.

L’accordo ha anche implicazioni geopolitiche. Se gli Stati Uniti daranno il via libera definitivo, sarà almeno in parte per contrastare gli sforzi dell’Iran e del suo proxy locale Hezbollah di utilizzare la fornitura di carburante dall’Iran come un modo per cementare ulteriormente la presa di Teheran sul Paese.

Da settembre, tre petroliere iraniane che trasportavano gasolio si sono dirette dall’Iran al porto siriano di Baniyas. Da lì, il gasolio è stato trasportato su camion attraverso un passaggio di frontiera informale a Qusayr. Sebbene le quantità finora portate dall’Iran siano ben lontane da quelle necessarie per affrontare la crisi energetica, hanno rappresentato una sorta di vittoria propagandistica per gli interessi iraniani in Libano. L’accordo di giugno serve a ribaltare la situazione, legando la fornitura di energia elettrica a livello strategico agli Stati allineati all’Occidente, piuttosto che all’Iran.

Il gas arriverà da Israele?

A questo proposito, e forse in modo più significativo di tutti, sembra che una parte o tutto il gas che raggiungerà la centrale di Deir Ammar attraverso il gasdotto sarà israeliano, estratto dal giacimento di gas Leviathan nel Mediterraneo orientale.

La probabilità che il gas da trasferire attraverso l’AGP provenga dal giacimento Leviathan è stata indegnamente smentita dal governo libanese, dopo un servizio di Channel 12 pubblicato a gennaio.

Il Ministero dell’Energia libanese ha rilasciato una dichiarazione in seguito al servizio di Channel 12, in cui si affermava che il resoconto era “totalmente e completamente falso” e che “l’accordo di fornitura di gas che è in corso di elaborazione tra il governo libanese e il governo egiziano stabilisce chiaramente ed esplicitamente che il gas dovrebbe provenire dall’Egitto”.

La difesa del Ministero dell’Energia libanese è comprensibile. La legge libanese vieta qualsiasi contatto con Israele e gli israeliani. Hezbollah, che è rappresentato nel gabinetto provvisorio che attualmente governa ufficialmente il Libano, vuole la distruzione di Israele. Se si scoprisse che il fabbisogno energetico del Paese è soddisfatto in larga misura dall’importazione di gas israeliano, queste posizioni potrebbero essere oggetto di scherno. Tuttavia, numerose prove vanno in questa direzione.

Amit Mor, amministratore delegato di EcoEnergy Financial Strategic Consulting e docente senior all’Università di Reichman, è inequivocabile nella sua valutazione.

“L’accordo commerciale è con la compagnia del gas egiziana”, ha dichiarato Mor al Jerusalem Post. Ma “il gas stesso sarà proveniente dal giacimento Leviathan, come il gas israeliano sta scorrendo in questi giorni nel gasdotto arabo attraverso la Giordania verso l’Egitto”.

Un’osservazione più attenta dell’andamento del consumo di gas egiziano e dell’infrastruttura del gasdotto che fornirà il gas al Libano sembra avvalorare questa tesi.

L’Egitto utilizza quasi tutto il gas estratto localmente per il consumo interno. Secondo un recente rapporto del sito web egiziano Mada Masr (associato all’opposizione egiziana), l’attuale produzione locale giornaliera di gas è compresa tra i 7 e i 7,5 miliardi di piedi cubi. Il consumo locale è attualmente di 6 miliardi di piedi cubi al giorno. Il governo egiziano prende 5 miliardi, mentre la società di scavo partner prende il resto; il governo egiziano acquista poi un miliardo dalla società per coprire il fabbisogno interno. Al momento, quindi, l’Egitto non possiede un grande stock di riserve estratte a livello nazionale e disponibili per l’esportazione. L’Egitto esporta parte del gas in Europa, dai due impianti di liquefazione di Idku e Damietta. Parte di questo gas esportato viene a sua volta importato da Israele.

Più nello specifico, la struttura dei gasdotti attualmente in uso non consentirebbe di convogliare il gas estratto localmente dall’Egitto verso la Giordania e poi verso la Siria e il Libano utilizzando l’AGP. Questo gasdotto si interseca con quelli israeliani in due punti: ad Arish, in Egitto, e con un gasdotto israeliano proveniente dal giacimento Leviathan, che incontra l’AGP in un punto della città di Mafraq, in Giordania. Affinché l’Egitto possa convogliare il gas verso la Giordania utilizzando l’AGP, dovrebbe interrompere l’importazione di gas israeliano o costruire un nuovo gasdotto per trasportare il gas estratto localmente da Port Said ad Arish, che verrebbe poi trasferito all’AGP. Nessuna delle due azioni sarebbe praticabile, e nessuna sembra essere in corso.

Appare quindi chiaro che il gas che raggiungerà il Libano attraverso la Giordania e la Siria, se e quando l’accordo del 21 giugno riceverà l’approvazione finale, sarà effettivamente estratto da Israele dal giacimento Leviathan.

Quindi l’accordo, se attuato, rappresenterà un notevole risultato per il regime di Assad nei suoi sforzi per porre fine al suo isolamento. Inoltre, introdurrà una situazione in cui la leadership di Hezbollah sarà in grado di illuminare e riscaldare (o raffreddare) i propri bunker a sud di Beirut (dove presumibilmente stanno pianificando la prossima guerra contro Israele) il tutto grazie all’estrazione israeliana di gas dal Mediterraneo orientale.

Per aggiungere un ulteriore livello di assurdità, tutto ciò avverrà mentre la leadership di Hezbollah minaccia Israele di guerra se estrarrà gas dal vicino giacimento di Karish. Il Medio Oriente non manca mai di ricordare “l’uomo del sottosuolo” di Dostoevskij, che definiva l’essere umano come una “creatura che cammina su due gambe e non ha il senso della gratitudine”.

Redazione e Jerusalem Post

putin ricatti grano ucraino

Dal gas al grano fino all’Agenzia Ebraica, i ricatti mafiosi di Putin

Oggi più che mai la Russia di Vladimir Putin è governata come se fosse un vero e proprio…

You May Also Like