La Russia ordina all’Agenzia Ebraica di interrompere tutte le operazioni nel paese (Jerusalem Post)

Una esclusiva del Jerusalem Post rivela la terribile decisione russa. Gli ebrei in Russia temono per la loro vita. Ma i russi non confermano

Il governo russo ha ordinato all’Agenzia Ebraica di cessare tutte le operazioni all’interno del Paese, secondo quanto appreso dal Jerusalem Post.

L’ordine è stato impartito in una lettera inviata dal Ministero della Giustizia russo all’inizio della settimana.

I funzionari dell’Agenzia Ebraica hanno confermato di aver ricevuto la lettera. Tuttavia, non hanno voluto commentare la risposta che è attualmente allo studio negli uffici dell’organizzazione a Gerusalemme, in consultazione con il Ministero degli Esteri e l’Ufficio del Primo Ministro.

«Come parte del lavoro della delegazione dell’Agenzia Ebraica in Russia, occasionalmente ci viene chiesto di fare alcuni aggiustamenti, come richiesto dalle autorità», ha detto l’agenzia in risposta a una domanda del JP. «I contatti con le autorità avvengono continuamente, con l’obiettivo di continuare le nostre attività in conformità con le regole stabilite dagli organi competenti. Questo dialogo ha luogo anche oggi».

Un alto funzionario diplomatico ha dichiarato martedì che «la Russia sta dicendo che l’Agenzia Ebraica ha raccolto illegalmente informazioni su cittadini russi… Risponderemo alle autorità russe e affronteremo la questione in modo organizzato. La questione sarà affrontata a livello di ambasciata. Non comprendiamo del tutto il ragionamento [in merito alla richiesta di fermare le attività dell’Agenzia ebraica in Russia]».

Tensione Russia – Israele

L’ordine giunge in un momento di crescente tensione tra Israele e Russia per la posizione di Gerusalemme sulla guerra in Ucraina e la sua politica di sostegno a Kiev e al suo leader, Volodymyr Zelensky. Lunedì il Ministero degli Esteri russo ha definito inaccettabili gli attacchi in Siria che sono stati imputati a Israele e ha chiesto la cessazione incondizionata degli attacchi.

Un ordine che costringa l’Agenzia Ebraica a interrompere il suo lavoro in Russia è drammatico e potrebbe minare direttamente la capacità degli ebrei russi di immigrare in Israele. Migliaia di loro hanno completato le pratiche burocratiche e attendono che si rendano disponibili voli per Israele. Tuttavia, le sanzioni contro la Russia hanno fatto sì che la maggior parte delle compagnie aeree internazionali smettesse di volare verso il Paese, e quindi i futuri immigrati sono “bloccati” in Russia, secondo i funzionari israeliani.

Problemi per gli ebrei in Russia

«Le persone della comunità ebraica sentono la cortina di ferro calare su di loro e temono di non essere in grado di fuggire dal Paese», ha dichiarato al Jerusalem Post una fonte senior della comunità ebraica russa. Secondo una fonte, «alcuni ebrei hanno detto che le autorità russe stanno cercando di arrestarli e che temono per la loro vita».

Uno degli obiettivi principali dell’Agenzia Ebraica è quello di promuovere e facilitare l’aliyah delle comunità ebraiche di tutto il mondo. Se non potrà essere attiva in Russia, sarà la prima volta negli ultimi 30 anni che le iniziative di aliyah saranno vietate nel Paese.

La risposta di Israele

In risposta al rapporto, il Ministro dell’Aliyah e dell’Integrazione Pnina Tamano-Shata ha dichiarato: «Sono stata aggiornata questa mattina in merito alla decisione del Ministero della Giustizia russo. Come è noto, l’Agenzia Ebraica è un braccio centrale del governo e del Ministero [dell’Aliyah e dell’Integrazione] per l’assistenza all’immigrazione di ebrei da tutto il mondo nello Stato di Israele».

Dobbiamo fare in modo che il loro ambito operativo venga mantenuto come è stato nel corso degli anni. Ho fatto appello al Primo Ministro affinché collabori con l’amministrazione di Mosca per risolvere il problema e voglio rassicurare la comunità ebraica in Russia, che in questo momento deve essere preoccupata per le conseguenze della decisione. L’aliyah è un diritto fondamentale per gli ebrei russi e faremo in modo che venga mantenuto come tale», ha dichiarato Tamano-Shata.

La risposta russa

Secondo il media russo RBC, «l’Agenzia Ebraica per Israele continuerà a lavorare in Russia in conformità con la legge». In risposta alla notizia data in esclusiva dal Jerusalem Post su una richiesta ufficiale del governo russo di cancellare le attività nel Paese, il sito web di RBC ha dichiarato: «Non ci sono state richieste di interrompere il [suo] lavoro».

Le notizie sulla possibilità di chiusura del JAFI erano “speculazioni”, ha detto RBC citando il presidente del Congresso ebraico russo Yuri Kanner.

«Quali documenti ci sono al riguardo?», ha chiesto. «Non ce ne sono. Sono speculazioni di qualcuno. Non credo che accadrà. L’Agenzia Ebraica opera in tutto il mondo».

La Russia e Israele hanno buone relazioni e la Russia ha molti interessi in Israele, ha detto Kanner, secondo il rapporto.

«Non credo che ci possano essere problemi in questo senso in questo momento», ha dichiarato il giornalista alla RBC.

Secondo il sito d’informazione statale Gazeta.Ru, martedì il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato: «L’articolo è una provocazione».

In un’ulteriore risposta martedì sera, l’Agenzia Ebraica ha dichiarato che: «L’Agenzia Ebraica desidera chiarire che, contrariamente ad alcune pubblicazioni, non è stata ricevuta alcuna direttiva dal governo russo per porre fine alle nostre attività. Pertanto tutti i piani dell’Agenzia e tutte le attività previste continuano normalmente».

«Nell’ambito delle procedure di controllo e ispezione condotte dalle autorità competenti in Russia per diversi anni e a seguito di una procedura di ispezione amministrativa durata più di un anno, gli uffici dell’Agenzia a Mosca hanno recentemente ricevuto una lettera dalle autorità [russe]», si legge.

«La lettera menziona principalmente questioni amministrative e indica problemi che, secondo i suoi autori, sono stati contestati e che possono avere possibili conseguenze legali», ha aggiunto.

«La lettera invita l’Agenzia a rispondere per iscritto in merito ai fatti in essa riportati. Pertanto, l’Agenzia intende studiare a fondo il significato delle questioni sollevate e le loro implicazioni e affrontarle di conseguenza nelle conversazioni in corso con le autorità», ha dichiarato l’Agenzia ebraica. (articolo originale in inglese)

apartheid palestina

Apartheid in Israele nei confronti dei palestinesi? Portate una prova

I palestinesi in Israele hanno addirittura il loro partito al Governo del Paese e godono degli stessi Diritti degli ebrei. Per i regimi di Ramallah e di Gaza rivolgersi alla Autorità Palestinese e ad Hamas

You May Also Like