Libia: il figlio di Haftar chiede aiuto a Israele

Secondo quanto riferito dal quotidiano israeliano Haaretz, il figlio del signore della guerra libico Khalifa Haftar sarebbe atterrato segretamente in Israele per chiedere aiuto diplomatico e forse militare a Israele.

Scrive Haaretz che lunedì scorso un jet privato – un Dassault Falcon di fabbricazione francese, targa P4-RMA – è decollato da Dubai ed è atterrato all’aeroporto Ben-Gurion.

L’aereo è rimasto a terra per circa 90 minuti, per poi proseguire verso la sua destinazione finale in Libia. Il jet appartiene al signore della guerra libico Gen. Khalifa Haftar ed è usato per far volare la sua famiglia e i suoi aiutanti.

Sempre secondo il quotidiano israeliano a bordo dell’aereo c’era il figlio del generale, Saddam Haftar.

Padre e figlio cercano assistenza militare e diplomatica da Israele e in cambio promettono che se guideranno il governo di unità nazionale e di riconciliazione che sarà istituito in Libia dopo le elezioni presidenziali del 24 dicembre, avvieranno legami diplomatici con Gerusalemme.

Saddam Haftar è assistito da società di pubbliche relazioni e da consulenti strategici francesi ed emiratini.

Secondo rapporti non confermati, i dipendenti che rappresentano la famiglia Haftar lavorano in una società registrata negli Emirati Arabi e tra questi vi sarebbero compresi anche alcuni israeliani.

Saddam Haftar è considerato il braccio destro di suo padre e siccome dopo che tre anni fa il generale è stato colto da infarto la salute dell’uomo forte della Libia è considerata quantomeno fragile, Haftar ha fatto di Saddam un ufficiale e lo ha nominato comandante di brigata nel suo esercito, concedendogli una crescente autorità.

Non è chiaro chi abbia incontrato Saddam Haftar durante il suo breve soggiorno all’aeroporto Ben-Gurion . In passato, tuttavia, è stato riferito che Haftar Sr. abbia avuto contatti segreti con Israele, in particolare attraverso il dipartimento Tevel del Mossad, i cui rappresentanti lo hanno incontrato in diverse occasioni.

Il dipartimento Tevel è responsabile del mantenimento di relazioni clandestine con le controparti dell’intelligence israeliana all’estero, organizzazioni non statali e governi che non hanno relazioni diplomatiche ufficiali con Israele. Ad oggi, ha stabilito contatti con quasi 200 entità.

Aumenta la qualità degli attacchi israeliani contro obiettivi iraniani in Siria

Tre attacchi israeliani contro obiettivi iraniani in Siria in meno di dieci giorni, uno dei quali in pieno…

You May Also Like