Ucraina: per AIEA la centrale nucleare di Zaporizhzhya è fuori controllo

capo aiea
Per il direttore dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, nella centrale di Zaporizhzhya il rischio di un incidente è molto alto

Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha avvertito che la più grande centrale nucleare europea in Ucraina “è completamente fuori controllo” e ha lanciato un appello urgente alla Russia e all’Ucraina affinché permettano rapidamente agli esperti di visitare il vasto complesso per stabilizzare la situazione ed evitare un incidente nucleare.

Rafael Grossi, direttore generale dell’AIEA, ha dichiarato in un’intervista rilasciata all’Associated Press che la situazione diventa ogni giorno più pericolosa nell’impianto di Zaporizhzhya, nella città sudorientale di Enerhodar, che le truppe russe hanno occupato all’inizio di marzo, subito dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio.

Ogni principio di sicurezza nucleare è stato violato nell’impianto”, ha dichiarato. “La posta in gioco è estremamente seria, grave e pericolosa”.

Grossi ha citato molte violazioni della sicurezza dell’impianto, aggiungendo che si trova “in un luogo dove è in corso una guerra attiva”, vicino al territorio controllato dalla Russia.

L’integrità fisica dell’impianto non è stata rispettata”, ha detto, citando i bombardamenti che dall’inizio della guerra hanno interessato Zaporizhzhya.

“C’è una situazione paradossale in cui l’impianto è controllato dalla Russia, ma il personale ucraino continua a gestire le operazioni nucleari, portando a inevitabili momenti di attrito e presunte violenze” ha detto Grossi. Sebbene l’AIEA abbia alcuni contatti con il personale, questi sono “difettosi” e “discontinui”, ha affermato.

Grossi ha detto che la catena di fornitura di attrezzature e pezzi di ricambio è stata interrotta, “quindi non siamo sicuri che l’impianto stia ricevendo tutto ciò di cui ha bisogno”. L’AIEA deve anche eseguire ispezioni molto importanti per garantire la salvaguardia del materiale nucleare, “e c’è molto materiale nucleare da ispezionare”, ha detto.

“Quando si mette insieme tutto questo, si ha un insieme di cose che non dovrebbero mai accadere in nessun impianto nucleare”, ha detto Grossi. “Per questo ho insistito fin dal primo giorno sul fatto che dobbiamo essere in grado di andare lì per eseguire questa valutazione di sicurezza e protezione, per fare le riparazioni e per assistere come abbiamo già fatto a Chernobyl”.

La conquista di Zaporizhzhya da parte dei russi ha rinnovato il timore che il più grande dei 15 reattori nucleari ucraini possa essere danneggiato, scatenando un’altra emergenza come l’incidente di Chernobyl del 1986, il peggior disastro nucleare del mondo, avvenuto a circa 110 chilometri a nord della capitale Kiev.

Le forze russe hanno occupato il sito pesantemente contaminato subito dopo l’invasione, ma hanno restituito il controllo agli ucraini alla fine di marzo. Grossi ha visitato Chernobyl il 27 aprile e ha twittato che il livello di sicurezza era “come una ‘luce rossa’ che lampeggia”. Ma martedì ha detto che l’AIEA ha istituito “una missione di assistenza” a Chernobyl in quel periodo “che finora ha avuto molto, molto successo”.

L’AIEA deve recarsi a Zaporizhzhya, come ha fatto a Chernobyl, per accertare i fatti di ciò che sta realmente accadendo, per effettuare riparazioni e ispezioni e “per evitare che si verifichi un incidente nucleare“, ha detto Grossi.

Il capo dell’AIEA ha detto che lui e la sua squadra hanno bisogno di protezione per raggiungere l’impianto e della cooperazione urgente di Russia e Ucraina.

Ciascuna delle due parti vuole che la missione internazionale parta da siti diversi, il che è comprensibile alla luce dell’integrità territoriale e delle considerazioni politiche, ha detto Grossi, ma c’è qualcosa di più urgente ed è portare il team dell’AIEA a Zaporizhzhya.

“L’AIEA, con la sua presenza, sarà un deterrente per qualsiasi atto di violenza contro questa centrale nucleare”, ha detto Grossi. “Quindi, come funzionario internazionale, come capo di un’organizzazione internazionale, chiedo a entrambe le parti di lasciare che questa missione proceda”.

Grossi si trovava a New York per tenere un discorso programmatico all’apertura dell’incontro ad alto livello, a lungo rimandato, per la revisione dello storico Trattato di non proliferazione nucleare, risalente a 50 anni fa, volto a prevenire la diffusione delle armi nucleari e a realizzare un mondo libero dal nucleare.

Nell’intervista, il capo dell’AIEA ha parlato anche degli sforzi per rilanciare l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e le principali potenze, che l’amministrazione Trump ha abbandonato nel 2018 e che l’amministrazione Biden sta lavorando per rinnovare.

Grossi ha detto che c’è “uno sforzo in corso per cercare di fare un altro incontro o un altro giro per esplorare le possibilità di arrivare a un accordo”. Ha detto di aver sentito che l’incontro “potrebbe avvenire presto”.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato lunedì alla conferenza di revisione del TNP che l’Iran “non ha voluto o non è stato in grado” di accettare un accordo per tornare all’accordo del 2015 volto a limitare il suo programma nucleare.

Grossi ha detto che “ci sono importanti differenze tra le parti negoziali” e importanti questioni di verifica relative alle attività passate che l’Iran deve affrontare. “Non è impossibile, è complesso”, ha detto.

Se l’accordo nucleare, noto come JCPOA, non verrà prorogato, ha detto che alcune ispezioni dell’AIEA continueranno. Ma il JCPOA prevede trasparenza e ispezioni aggiuntive “che ritengo estremamente importanti, molto necessarie, a causa dell’ampiezza e della profondità del programma nucleare iraniano”, ha dichiarato.

Grossi ha sottolineato che cooperare con l’AIEA, rispondendo alle sue domande e permettendo ai suoi ispettori di andare ovunque sia necessario, è essenziale per l’Iran per costruire fiducia e sicurezza. “Le promesse e le belle parole non bastano”, ha detto. (RR Staff + Agenzie)

Da Schroeder a Sansonetti, quelli che vogliono la pace con il culo degli ucraini

Perché ci sono i pacifisti e poi ci sono i pacivendoli

You May Also Like