Ucraina: trovata fossa comune con 440 corpi a Izyum

ucraina unione europea
Ennesimo crimine di guerra perpetrato dalle forze di occupazione russe, ennesima insensata strage di innocenti che prova le barbarie di cui sono capaci gli uomini di Putin

Una fossa comune è stata rinvenuta nella città di Izyum, nel nord-est dell’Ucraina, dopo essere stata riconquistata dalle forze ucraine pochi giorni fa, ha dichiarato giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

«È stato trovato un sito di sepoltura di massa a Izyum, nella regione di Kharkiv. Le azioni procedurali necessarie sono già iniziate. Domani dovrebbero arrivare ulteriori informazioni, chiare e verificate», ha detto Zelensky nel suo discorso serale.

I media ucraini hanno riferito di aver trovato più di 440 corpi in una foresta.

«Vogliamo che il mondo sappia cosa sta realmente accadendo e a cosa ha portato l’occupazione russa», ha detto il leader ucraino. «Bucha, Mariupol, ora, purtroppo, Izyum… La Russia lascia morte ovunque. E di questo deve rispondere».

Centinaia di corpi sono stati trovati a Bucha, un sobborgo di Kiev, dopo il ritiro delle truppe russe all’inizio di aprile. I soldati russi sono stati accusati di aver commesso crimini di guerra contro i civili.

Izyum è stata riconquistata solo pochi giorni fa, mentre le truppe di Kiev hanno riconquistato sempre più territorio nell’ambito di un’importante controffensiva. Importante nodo di trasporto, è considerata la porta d’accesso alla regione industriale del Donbass e contava più di 40.000 abitanti prima della guerra.

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è congratulata con l’Ucraina per i recenti risultati militari ottenuti nella guerra con la Russia.

«So che c’è bisogno di consolidamento, ma è comunque impressionante vedere il coraggio delle forze armate ucraine», ha detto von der Leyen in una conferenza stampa congiunta con Zelensky durante la sua ultima visita a Kiev.

La von der Leyen ha detto di raccomandare ai Paesi dell’UE di continuare a fornire armi all’Ucraina.

«È assolutamente vitale e necessario sostenere l’Ucraina con l’equipaggiamento militare di cui ha bisogno per difendersi e ha dimostrato di essere in grado di farlo se ben equipaggiata», ha dichiarato.

L’Unione Europea in quanto tale non possiede equipaggiamenti militari, ma gli Stati membri hanno finora messo a disposizione 2,5 miliardi di euro per sostenere l’esercito ucraino.

Nel frattempo gli Stati Uniti hanno annunciato di aver autorizzato un’ulteriore assistenza militare all’Ucraina per 600 milioni di dollari, tra cui «armi, munizioni ed equipaggiamenti aggiuntivi provenienti dagli inventari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti», ha dichiarato il Segretario di Stato americano Antony Blinken, senza entrare nello specifico degli armamenti.

«Questa spedizione porterà il totale dell’assistenza militare degli Stati Uniti all’Ucraina a circa 15,8 miliardi di dollari dall’inizio di questa amministrazione».

Molte nazioni occidentali che sostengono l’Ucraina stanno valutando attentamente i limiti del loro sostegno militare a Kiev.

La portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, giovedì ha dichiarato che le forniture di armi pesanti all’Ucraina stavano trascinando il conflitto e «portano alla linea di uno scontro militare diretto tra la Russia e gli Stati della NATO».

Ha messo in guardia gli Stati Uniti dal fornire missili a più lunga gittata all’Ucraina.

«Se Washington decidesse di fornire a Kiev missili di maggiore gittata, supererebbe una linea rossa», ha detto Zakharova. «In un caso del genere, saremo costretti a reagire di conseguenza», ha aggiunto, facendo riferimento alla difesa con «tutti i mezzi possibili».

L’Ucraina ha richiesto missili con una gittata di 300 chilometri che, a suo dire, potrebbe utilizzare per colpire un ponte di recente costruzione che collega la penisola di Crimea alla Russia attraverso lo stretto di Kerch.

Nel frattempo, il Parlamento europeo di Strasburgo ha approvato altri 5 miliardi di euro di aiuti per l’Ucraina, dopo che mercoledì la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha erogato la prima parte di un pacchetto di prestiti del valore di quasi 1,6 miliardi di euro.

Durante la sua visita – la terza a Kiev da quando la Russia ha iniziato l’invasione a febbraio e la prima da quando l’Ucraina è stata nominata candidato ufficiale all’adesione all’UE – la Von der Leyen ha affermato che il processo di adesione dell’Ucraina al blocco «è ben avviato».

«È impressionante vedere la velocità, la determinazione e la precisione con cui state procedendo», ha dichiarato la von der Leyen.

Il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha dichiarato la scorsa settimana a Bruxelles che il suo Paese vuole soddisfare i requisiti dell’UE per l’apertura dei negoziati di adesione entro la fine dell’anno.

Von der Leyen ha citato la riduzione delle barriere commerciali non tariffarie e l’inclusione dell’Ucraina nella zona di roaming gratuito dell’UE come esempi di sforzi per assicurare all’Ucraina una transizione senza soluzione di continuità verso il mercato unico europeo.

ebrahim raisi macellaio di teheran

Il Macellaio di Teheran, Ebrahim Raisi, nega ancora l’olocausto ebraico

Israele ha chiesto al segretario Generale dell’ONU, Antonio Guterres, di negare al boia di Teheran un palcoscenico mondiale per diffondere l'antisemitismo e l'odio

You May Also Like