Tracciare le attività degli affiliati alla Fratellanza Musulmana in Europa è sempre stato un compito difficile.

La loro affiliazione è raramente chiara e visibile a tutti. È nascosta sotto strati di opere di beneficenza e attività legate a numerose ONG.

È spesso velato dalla solidarietà con il popolo palestinese, una frase accattivante che non manca mai di catturare le menti, i cuori e i libretti degli assegni dei donatori in tutta l’Europa musulmana.

Alcune di queste figure sono facili da identificare, come lo sceicco Abdul-Aziz al-Khodri, un popolare predicatore della moschea azerita a Berlino. Ha un canale su YouTube e una pagina ufficiale su Facebook sia in arabo e in tedesco con i quali raggiunge milioni di seguaci.

In bella vista abbiamo anche lo sceicco Khodr Abdul Moti, un’altra celebrità di Facebook che carica i suoi sermoni, risponde alle domande dei credenti e funge da coordinatore del Consiglio europeo degli imam.

Sia Khodri che Moti sono membri del ramo egiziano (cioè della madre) dei Fratelli Musulmani, attivi con il Consiglio centrale dei musulmani in Germania. Nel 2012, Abdul Moti ha ricevuto l’alto onore di essere nominato agente (wakil) della Fratellanza da Mohammad Morsi.

Khodr Abdul Moti ha supervisionato le elezioni degli egiziani residenti in Germania per le presidenziali di quell’anno che hanno portato alla vittoria di Morsi.

Moti controlla una vasta e impressionante rete all’interno della comunità musulmana tedesca, diffusa in 511 moschee, 1.091 scuole coraniche e trenta ONG attive.

Nel 2016, Moti ha convertito all’Islam un importante giornalista tedesco, Martin Legeune, il primo giorno dell’Eid al-Fitr musulmano, un evento che è stato molto pubblicizzato dai media della Fratellanza Musulmana come un modo per dimostrare l’influenza di Sheikh Moti anche tra i non credenti.

La connessione con il Libano

Khodri e Moti sono comunque chierici con il turbante, che predicano dai pulpiti delle moschee. Non cercano nemmeno di nascondere le loro affiliazioni e obiettivi politici. Diventa più complicato quando si ha a che fare con figure come Khaled al-Daher, che indossa giacca e cravatta, appare regolarmente sui canali televisivi laici, e si diletta con figure occidentalizzate come il primo ministro libanese Saad al-Hariri.

Ma sotto questa facciata, Daher è un islamista fino al midollo, affiliato al Gruppo Islamico (al-Jama’a al-Islamiyya), una ramificazione libanese della Fratellanza Musulmana egiziana. Secondo la sua stessa testimonianza, si è unito al gruppo nel 1975, undici anni dopo la sua fondazione in Libano. Daher ha scalato la scala gerarchica, diventando membro del suo ufficio politico e del suo Consiglio della Shura.

Entrò nel parlamento libanese nel 1996, si definì indipendente nel 2000 (un’elezione che non vinse), e tornò al potere come protetto di Hariri nel 2009.

Daher era attivo nei campi palestinesi in Libano, attraverso i quali inviava denaro a gruppi di beneficenza musulmani in Europa. Nell’era precedente all’11 settembre, questo non era troppo difficile, specialmente per un parlamentare arabo ben collegato sia a livello regionale che internazionale.

Anche se attualmente non è più in carica, Daher rimane attivo nella politica libanese e si dice che stia cercando di stabilire un punto d’appoggio turco nel nord del Libano, dove la militanza sunnita è più forte nel paese – un ambiente perfetto per il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan per stabilire un altro feudo in Medio Oriente.

Figure più ben nascoste

La traccia diventa ancora più difficile da seguire con figure come Mohammad Mishinch, capo dell’Associazione turca per la solidarietà con la Palestina, che non è né un chierico con il turbante come Moti, né un predicatore come Khodri, né un politico come Daher. È piuttosto un lobbista e un raccoglitore di fondi.

Nato in Iraq nel 1972, Mishinch non è nemmeno basato in Europa, ma è attivo nel canalizzare il denaro di figure come Moti e Khodri verso Hamas, nella Striscia di Gaza. Nelle ultime due settimane Mishinch ha sostenuto a gran voce le prossime elezioni parlamentari palestinesi, indette dal presidente dell’Autorità Palestinese Mahmud Abbas lo scorso gennaio. Mishinch avrà probabilmente un ruolo più attivo nel raccogliere fondi e incanalarli verso la leadership di Hamas, che sta progettando di candidarsi quando sarà fissata una data, sperando di superare Al-Fatah, i suoi avversari di lunga data.

Per quanto riguarda i grandi nomi, essi sono Majed al-Zeer, Adel Abdullah e Amin Abu Rashed, tre pesi massimi in Europa.

Majed al-Zeer

Majed al-Zeer è il volto pubblico della jihad palestinese a Londra, dove serve come presidente del Palestinian Return Center (PRC), un’organizzazione di alto profilo fondata nel 1988. Sulla carta informa regolarmente i parlamentari britannici sugli affari palestinesi, parla contro le azioni israeliane e ospita eventi sul “diritto al ritorno”.

Non c’è nulla di illegale nelle sue attività, e quindi la sua organizzazione ha avuto diritto allo status consultivo presso le Nazioni Unite, uno status per il quale ha lottato dal 2011 e che ha finalmente ottenuto nel 2015.

Un anno dopo, al-Zeer è stato eletto presidente della Palestinians in Europe Foundation attraverso elezioni tenutesi a Vienna. Ha ricevuto il pieno appoggio di 29 organizzazioni palestinesi sparse in tutto il mondo musulmano, aumentando di molto il suo prestigio e la sua influenza.

Nato a Betlemme nel dicembre 1962, Zeer fuggì dalla Palestina con la sua famiglia rifugiandosi in Giordania durante la guerra del 1967.

Ha ottenuto la nazionalità giordana, che detiene ancora, oltre a quella britannica, che ha ottenuto dopo essersi trasferito nel Regno Unito negli anni ’90.

Nell’ottobre 2013, gli è stato negato l’ingresso in Giordania, a quanto pare a causa della sua affiliazione con Hamas, dove aveva intenzione di partecipare a una conferenza sul diritto al ritorno e incontrare il primo ministro Abdullah Ansour.

I suoi sostenitori sostengono che il divieto giordano era dovuto a una segnalazione di sicurezza da Israele, che lo ha sulla sua lista dei “ricercati”.

Nel dicembre 2010, il Ministero della Difesa israeliano ha dichiarato l’organizzazione di Zeer “illegale” a causa della sua affiliazione ad Hamas. Israele ha detto che il PRC era “coinvolto nell’avvio e nell’organizzazione di attività radicali e violente contro Israele”, aggiungendo che Zeer era in contatto con i leader di Hamas con sede all’epoca a Damasco e Gaza.

Questo tuttavia non era un segreto, soprattutto dopo che una foto di Zeer è apparsa online, mostrandolo ad una conferenza a Damasco con Khaled Meshaal, allora capo dell’Ufficio politico di Hamas.

Adel Abdullah

Simili accuse di terrorismo sono state mosse contro l’Associazione Islamica Palestinese di Vienna e il suo capo, Adel Abdullah che è anche segretario generale della Conferenza dei Palestinesi d’Europa. Anch’essi sono stati portati in tribunale per quello che è stato considerato un programma terroristico, tuttavia assolti dalla giustizia austriaca nel 2008. Ad Abdullah, anch’egli considerato un affiliato di Hamas, fu persino concessa un’udienza con il presidente austriaco Heinz Fischer. La foto di lui e Fischer divenne virale sui social network palestinesi, a testimonianza, secondo loro, della sua “innocenza” da qualsiasi collegamento con Hamas.

In effetti, Abdullah sembrava così “innocente” che nel gennaio 2009 la sua organizzazione ha ospitato un evento con il Ministero della Giustizia austriaco, a sostegno dei palestinesi di Gaza che vivevano sotto il dominio di Hamas.

Un anno dopo è stato ospitato a un convegno delle Nazioni Unite a Vienna per discutere della società civile palestinese, e poi ha organizzato una conferenza a Berlino a sostegno dei palestinesi bloccati nel campo Yarmouk in Siria. Molti di loro erano civili, ma altri erano militanti affiliati ad Hamas, armati dal Qatar e dalla Turchia per abbattere l’esercito siriano nel 2011.

Adel Abdullah partecipò all’evento di Vienna come membro del Return Center di Londra e non in qualità di leader del gruppo con sede a Vienna.

Nove anni dopo, tuttavia, Abdullah si è presentato a Gaza, fianco a fianco con Ismail Haniyeh, liquidando qualsiasi assoluzione avesse ottenuto dal sistema giudiziario austriaco.

Amin Abu Rashid

Nato nel 1966, Abu Rashid ha la doppia nazionalità palestinese e olandese ed è diventato famoso per il suo attivismo nel movimento della cosiddetta “flottiglia della libertà” che nel 2011 mirava a rompere le restrizioni alla Striscia di Gaza, un’idea di Erdogan.

Secondo l’intelligence israeliana quella campagna era coordinata pienamente con la leadership di Hamas.

Abu Rashid ha organizzato il finanziamento del viaggio e l’acquisto della flottiglia, oltre all’addestramento del suo equipaggio in Grecia. Il ministro israeliano degli affari pubblici Yuli Edelstein lo ha descritto come un “membro di Hamas”, noto per “la raccolta di fondi per le operazioni terroristiche di Hamas”. Era un membro della Fondazione Al-Aqsa di Rotterdam, poi diventato segretario generale del Forum Popolare nei Paesi Bassi.

Tag:, , , Last modified: 24 Novembre 2021
Close