Tag

repressione in siria

Browsing

Parliamoci chiaro, il video diffuso ieri dove si vedono donne e bambini sgozzati nella città di Homs è solo la punta dell’iceberg di quello che è avvenuto e sta avvenendo in Siria. Secondo Protocollo denuncia la situazione in Siria da oltre un anno e sette mesi fa pubblicò un video (questo) dove si vedono scene raccapriccianti sulla repressione violentissima dei macellai di Assad.

«Noi siriani non odiamo Israele. Ci viene inculcato l’odio verso gli israeliani per distogliere la nostra attenzione dalle porcate del regime». A dirlo è un importante membro dell’opposizione siriana fuggito negli Stati Uniti in una intervista al quotidiano israeliano Ynet. «Il mondo dovrebbe bombardare Assad così come ha fatto con Gheddafi» ha detto tra le altre cose il giovane siriano al suo intervistatore (qui trovate l’intervista).

Se qualcuno si aspettava di più dalle Nazioni Unite sulla vicenda che riguarda la Siria, si sbagliava di brutto. La dichiarazione uscita ieri sera dal Consiglio di Sicurezza nella quale l’Onu esprime “condanna per la repressione del regime siriano sui manifestanti disarmati e in particolare condannale violenze avvenute nella città di Hama”, è il massimo che ci si potesse aspettare.

Confesso che sono lontanissimo dalle idee dei “pacifisti ad oltranza”, di quelli cioè che non vorrebbero mai interferire nel normale svolgimento di una normale dittatura tipo quella iraniana o quella dei talebani in Afghanistan. Tuttavia non mi ritengo prettamente un interventista “al primo colpo”, anzi ritengo che qualsiasi intervento armato, anche fatto nel nome della democrazia, debba essere attentamente valutato.