Siria: il peccato originale si chiama Obama

La Siria non è diventata un enorme campo di battaglia per caso ma perché proprio sulla Siria Barack Obama aveva riposto tutte le sue speranze di veder trionfare la Fratellanza Musulmana in Medio Oriente. Solo che ha clamorosamente sbagliato i suoi calcoli e se oggi la Siria è quel campo di battaglia che vediamo, se oggi in Siria ci sono Putin e gli Ayatollah iraniani la colpa è solo di Obama.

Cialtroni e terrorismo islamico

E dopo lo Stato Islamico arrivano anche le minacce di Boko Haram e i media ci sguazzano subito. Sui social media gli allarmi per i possibili attacchi all’Italia sono più numerosi degli allerta meteo che ormai arrivano a scadenza oraria (salvo poi essere puntualmente smentiti dai fatti, lo chiamo terrorismo meteorologico).