Gli islamici amano Hitler: “un angelo trasformato in demonio”

hitler-nazi-islam

Che l’islam fosse vicino all’ideologia nazista lo sapevamo già. Sapevamo pure che durante il periodo nazista molti leader islamici si schierarono apertamente al fianco di Hitler. Ma che i cosiddetti “palestinesi” onorassero ufficialmente Hitler come un “angelo” e che nessuno osi dire nulla è davvero scandaloso.

Non dico “ufficialmente” a caso. Pochi giorni prima della recente visita di Obama in Medio Oriente l’organo di stampa ufficiale della Autorità Nazionale Palestinese (ANP) ha scritto alcune cosucce che la stampa nostrana si è ben guardata di riportare e che fanno passare i brividi.

La più clamorosa è un vero e proprio elogio ad Adolf Hitler. In un editoriale uscito su Al-Hayat Al-Jadida (organo di stampa ufficiale della ANP) appena due giorni prima della visita di Obama in Medio Oriente, firmato da Hassan Abu Ouda Zaher e intitolato significativamente “Se Hitler avesse vinto il nazismo sarebbe un onore” veniva scritto:

Churchill e Roosevelt erano alcolizzati e nella loro giovinezza sono stati interrogati più di una volta per aver dato origine a risse nei bar, mentre Hitler odiava l’alcol e non era dipendente da esso. Aveva l’abitudine di andare a dormire presto e svegliarsi presto, ed era molto ben organizzato . Questi fatti sono stati capovolti dagli occidentali e Satana è stato vestito con le ali degli angeli mentre l’angelo è stato trasformato in Satana.

E ancora:

Se Hitler avesse vinto l’appartenenza al nazismo sarebbe stata un onore per il quale la gente sarebbe in competizione pur di appartenervi e non una vergogna punita dalla legge.

Naturalmente e come sempre Al-Hayat Al-Jadida si guarda bene di pubblicare queste cose in inglese ma le pubblica solo in arabo e così sappiamo queste cose solo grazie al lavoro di Palestinian Media Watch. Reazioni sui media europei? Pochissime e nascoste nelle ultime pagine. Non sia mai che emerga la verità su come la pensano gli arabi sul nazismo e su Adolf Hitler.

Ma quello che più sconcerta di tutta questa vicenda è il plauso tributato alle parole di Hassan Abu Ouda Zaher dalle comunità islamiche europee, concordi con le parole dell’editorialista arabo. Lo fa notare Cal Thomas su Fox News il quale chiede al Presidente Obama cosa ne pensi di questa presa di posizione araba.  Non solo, molti analisti mettono in evidenza che “il nazismo è ben radicato nella comunità musulmana in Europa” mettendo in guardia l’occidente sul fatto che “con la crescente infiltrazione islamica in Europa e negli USA, ben presto ci ritroveremo di nuovo le croci uncinate nelle strade e nelle piazze”.

Due fatti quindi mi sembrano evidenti:

  1. I palestinesi scrivono e dicono in arabo quello che non hanno il coraggio di scrivere e dire in inglese, cioè che il loro modello è Adolf Hitler.
  2. I musulmani in Europa e nel mondo amano l’ideologia nazista specie quella legata alla “soluzione finale” anche se , in questo caso, la discriminazione razziale è verso gli ebrei  mentre per il resto la discriminazione è di tipo religioso (eliminazione di tutto quello che non è islamico).

Adesso qualcuno mi dirà che sono “islamofobo” e che “non tutti gli islamici sono nazisti”. Bene, è possibile che non tutti gli islamici siano nazisti, ma vorrei sentire una voce islamica alzarsi e contestare apertamente queste affermazioni. Diversamente, mi spiace, l’evidenza dei fatti parla da sola: il silenzio è assenso.