La Russia di oggi è lo specchio dell’Iran di domani

Opinioni di Reza Parchizadeh pubblicato sul Jerusalem Post – Nel corso della storia moderna, l’Iran ha sempre seguito le orme del suo potente vicino, la Russia, adottando approcci quasi identici alla politica. Non è quindi irragionevole supporre che si possa intravedere un’immagine del domani dell’Iran nello specchio della Russia di oggi.

La Persia – nota come Iran dalla metà del XX secolo – e la Russia sono nazioni antiche con strutture sociali rigide e forti tradizioni autoritarie di governo, che Wittfogel una volta chiamò notoriamente dispotismo orientale. Entrambe hanno mantenuto il loro autoritarismo medievale fino agli inizi del XX secolo. Nessuna delle due ha avuto un Rinascimento o un Illuminismo come l’Europa occidentale.

Entrambe assorbirono l’industria e la tecnologia occidentali, sfidando al contempo gli sviluppi politici democratici che ne derivarono. La Russia iniziò questo processo all’epoca di Pietro il Grande, all’inizio del XVIII secolo, e la Persia all’epoca di Naser al-Din Shah, nella seconda metà del XIX secolo.

All’inizio del XX secolo, l’intellighenzia e il popolo di entrambe le nazioni hanno inscenato rivoluzioni quasi liberali e laiche contro regimi autoritari che basavano la loro pretesa di autorità politica prevalentemente sulla religione: L’Islam sciita per la monarchia Qajar e il cristianesimo ortodosso per l’Impero Romanov.

I governi pseudo-democratici che queste rivoluzioni produssero e le loro conseguenti conquiste liberali, tuttavia, non sarebbero durati a lungo. In Persia, il celebre sistema costituzionale fu smantellato nel giro di due decenni, con l’ascesa della monarchia assolutista dei Pahlavi. In Russia, i bolscevichi rovesciarono la Repubblica socialdemocratica di Kerensky in pochi mesi.

Entrambi i Paesi hanno poi attraversato violente rivoluzioni ideologiche anti-occidentali che hanno portato all’instaurazione di regimi totalitari ed espansionistici. In Russia, dato lo status di superpotenza e la vicinanza ai centri di pensiero europei, la trasformazione comunista è avvenuta relativamente presto nella prima metà del XX secolo. L’Iran, a causa del suo status marginale e della forte influenza americana sul Paese per gran parte della Guerra Fredda, ha sperimentato la trasformazione islamista solo alla fine del XX secolo.

Dopo oltre sette decenni di comunismo, una Russia frustrata e penitente è tornata al nazionalismo neo-zarista. Gli Stati Uniti e il resto dell’Occidente si crogiolavano compiaciuti nel fatto di aver sconfitto l’Unione Sovietica, di aver posto fine alla Guerra Fredda e, nelle parole di Francis Fukuyama, di aver istigato la “fine della storia” che avrebbe dovuto inaugurare un’era di liberalismo universale. Un contingente dell’apparato militare e di sicurezza dell’ex regime comunista riuscì a riorganizzarsi come movimento nazionalista con intenzioni puramente patriottiche e apparentemente privo di ostilità verso l’Occidente.

Tuttavia, nell’arco di due decenni, con la piena affermazione di questo movimento nazionalista sotto la guida di Vladimir Putin, l’inimicizia russa nei confronti dell’Occidente e la sua offensiva militare e di sicurezza contro il mondo democratico sono diventate ancora più profonde, più grandi e più pericolose che durante l’era comunista.

Nazionalismo russo e società iraniana

Non sarebbe sbagliato dire che il nazionalismo russo oggi equivale al fascismo. Radicato in una lettura sempre più retrograda del cristianesimo ortodosso, il nazionalismo russo contemporaneo è un fenomeno fortemente omogeneizzante, fondamentalmente incompatibile con la democrazia e che limita attivamente molti diritti umani e civili moderni, compresi i diritti delle minoranze etniche, religiose e sessuali.

Allo stesso tempo, l’apparato di Putin è fortemente orientato verso l’esterno. È un complesso militare-industriale revanscista e imperialista che intende restituire alla Russia i territori storici dell’Impero zarista attraverso la coercizione, la propaganda e la conquista. I campioni del regime di Putin non sono gli isolazionisti Lenin o Stalin, ma i grandi conquistatori di un tempo, Pietro il Grande e Potemkin.

D’altra parte, sebbene la società iraniana sia ancora alle prese con la Repubblica islamica, la sua frustrazione nei confronti dell’ideologia religiosa e la nostalgia per un passato glorioso e prospero, per lo più immaginario, l’hanno preparata a una transizione insidiosa verso un tipo di nazionalismo estremista quasi simile a quello che sta vivendo oggi la Russia.

Ora che gli islamisti hanno un’apparente ascesa, per molti è difficile immaginare un simile scenario. Ma negli ultimi dieci anni il regime ha affrontato sempre più spesso crisi fondamentali che, con ogni probabilità, non sarà in grado di sopportare nel lungo periodo.

Una manifestazione significativa di questo fenomeno sono le continue manifestazioni popolari contro il regime, negli ultimi anni. Questo, oltre a un possibile declino delle fortune dei suoi finanziatori internazionali, finirà per costringere il regime islamista a prendere in considerazione una metamorfosi, non dissimile da quella che il sistema comunista ex sovietico ha dovuto subire per sopravvivere in parte.

In base alle evidenze, si suppone che tale metamorfosi si svolga in modo tale che il nucleo militare e di sicurezza del regime scarti alcuni degli aspetti più insostenibili del regime, rimuova chirurgicamente alcuni degli addetti ai lavori e coopti parte dell’opposizione.

Cercherà poi di mascherare l’attuale autoritarismo e imperialismo islamista con l’abito del patriottismo per legittimarlo agli occhi della popolazione stanca. L’espansionismo islamista si trasformerà poi nell’irredentismo dei nazionalisti che desiderano la rinascita dell’antico Impero persiano.

Questi nazionalisti dimostrano già un intenso sciovinismo e antisemitismo simile a quello del regime islamico e molto probabilmente cercheranno di mantenere l’atteggiamento aggressivo dell’attuale regime nei confronti della regione, mantenendo il potere nucleare, la tecnologia missilistica e le reti di influenza per procura che la Repubblica islamica ha creato.

Inoltre, non mostrano alcun rispetto per la diversità etnica e religiosa del Paese. A tutti gli effetti, uno sciismo politicamente carico, questa volta come elemento consolidante del nazionalismo iraniano, rimarrà il mattone del nuovo regime.

La verità è che la Repubblica islamica è stata a lungo in grado di allineare una parte considerevole della sua opposizione che ha molto in comune con il regime in termini di approccio antidemocratico alla politica. Invece dei diritti umani e della democrazia, l’atteggiamento prevalente tra questi, che è palesemente in mostra nella maggior parte dei media in lingua persiana all’estero, è un atteggiamento di assecondamento delle manifestazioni del nazionalismo autoritario, dagli antichi achemenidi ai Pahlavis contemporanei.

L’infinito flusso di contenuti sulle reti televisive in farsi ben seguite sui giorni di gloria del dominio imperiale ripropone e ripete in modo inquietante le parole chiave preferite delle Guardie Rivoluzionarie, ovvero autorità e sicurezza. Per una nazione che già soffre di un evidente eccesso di autorità, è piuttosto strano che la maggior parte delle idee che l’opposizione pubblicizza alla società iraniana sia di natura autoritaria. Questo non può essere casuale e molto probabilmente ha a che fare con il tentativo del regime di incanalare le rimostranze del popolo verso un futuro specifico.

Considerato questo assetto, se non accade nulla di straordinario e se si lascia che l’attuale narrazione nazionalista faccia il suo corso, è probabile che, a differenza della Germania e del Giappone del secondo dopoguerra, che sono stati democratizzati grazie all’intervento degli Stati Uniti, e della Russia post-sovietica, dove gli Stati Uniti hanno scelto di non intervenire, la prossima metamorfosi dell’Iran produrrà un regime fascista.

Questo, ovviamente, dipende dalle dinamiche della scena internazionale. Ad esempio, se la posizione sempre più bellicosa della Russia nei confronti dell’Occidente, che probabilmente attirerà anche la Cina, finirà per scatenare una nuova guerra mondiale o almeno per provocare conflitti regionali più intensi e diffusi in tutto il mondo e in particolare in Medio Oriente, ciò potrà influire in modo fondamentale sui destini del regime iraniano attuale e di quelli futuri.

Qualunque sia la direzione che prenderanno gli eventi, dobbiamo tenere presente che la questione più importante che ha afflitto l’Iran nei tempi moderni, e che a sua volta ha turbato la regione e il mondo intero, non è la mancanza di autorità, ma la totale mancanza di democrazia. Quando arriverà il prossimo momento di cambiamento per il Paese assediato, si dovrà dare una possibilità alla democrazia.

Franco Londei
Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia