Visita di Salvini in Israele: sunto delle reazioni scomposte

C’era curiosità da parte mia sulla visita del Ministro degli Interni Matteo Salvini in Israele, soprattutto per la reazione che avrebbe generato. Tutto come previsto o quasi.

Sono saltati fuori in maniera isterica e scomposta gli anti-semiti che lo hanno votato (la stupidità è trasversale), i radical chic che dall’alto della loro competenza consigliavano o ordinavano al ministro di condannare l’anti-semitismo in conferenza stampa, qualche deputato di FdI che prendeva il Libano come unico esempio in Medio Oriente in cui convivono le differenze religiose, riviste della destra nostalgica che difendevano Hezbollah e consigliavano a Salvini di leggere più libri (però vai a spiegare a quelli che ci sono libri buoni e libri meno buoni), la parte “gialla” del governo che ironizzava sul ruolo da Ministro degli Esteri del vice-premier e via discorrendo.

Tutto normale (anche se non dovrebbe esserlo) visto che riguarda un paese sotto la lente d’ingrandimento di un’organizzazione inutile come l’ONU e che è oggetto di tentativi di boicottaggio sia industriale (BDS) che mediatico (vedi attentato ad Ofra nell’indifferenza generale dei media nell’articolo Nuovo grave attentato in Israele) per il solo fatto di difendersi e conservare la sua millenaria identità, rispettando allo stesso tempo le minoranze come solo i paesi più evoluti fanno.

Tutto nella norma fino a quando il Ministero della Difesa, sempre in maniera serenamente isterica e scomposta, ci ha ricordato che esiste il contingente italiano UNIFIL in Libano e ha espresso “preoccupazione e imbarazzo” per le parole che il vice-premier ha rivolto nei riguardi di Hezbollah (gente talmente pacifica che ha un kalashnikov nella bandiera), e che in questo modo rischierebbe di mettere in pericolo la missione a guida italiana (vedi Cosa doveva dire Salvini di Hezbollah? Che sono boy scout?).

A cosa serve UNIFIL se Hezbollah gli scava i tunnel sotto i piedi e a cosa l’ONU che non condanna la costruzione dei tunnel in violazione della risoluzione da lei stessa fatta? Abbiamo la conferma che due o più cose inutili favoriscono i terroristi.

Il Partito di Dio, Hezbollah, spiegato a D’Alema e soci

Sembrerebbe che Massimo D’Alema non sia d’accordo con la definizione usata da Matteo Salvini per definire Hezbollah, il…

You May Also Like