Cosa cambia a livello globale se l’Iran fornisce droni alla Russia

Droni iraniani
Se l’Iran fornirà i suoi droni alla Russia destinati ad essere utilizzati in Ucraina, sarà una chiara dichiarazione del fatto che Teheran si schiera contro la NATO e l’occidente, decisione che non potrà non avere ripercussioni globali

Di Ron Ben-Yishai – Gli UAV iraniani destinati alla Russia sono, secondo le valutazioni degli Stati Uniti, quasi una dichiarazione di guerra alla NATO, e l’Iran potrebbe finire per pentirsene.

Dubito che il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan avrebbe parlato della valutazione che Teheran si stava preparando a fornire droni, anche da combattimento, per il conflitto in Ucraina se non fosse stato sicuro che le informazioni fornite ai giornalisti fossero affidabili.

Solo quattro anni fa, quando l’ex presidente americano Donald Trump si ritirò dall’accordo nucleare, gli iraniani cercarono l’aiuto degli europei. Ora si sono rivoltati completamente contro di loro.

Anche se l’accordo sugli UAV tra Iran e Russia non dovesse andare in porto, questo segna un cambiamento drammatico nella posizione dell’Iran, che si trasforma in una minaccia diretta ai Paesi della NATO e all’UE.

Inoltre, l’annuncio del pacchetto di droni militari e il previsto incontro a tre tra il presidente russo Vladimir Putin e le sue controparti iraniane e turche segna la prima volta che l’Iran si schiera dalla parte della Russia nella battaglia tra le superpotenze. Ergo, Teheran ha preso parte attiva al confronto globale a favore del blocco Russia-Cina.

Da questo momento in poi, l’Iran non è più solo una potenziale minaccia per la pace e la stabilità in Medio Oriente a causa del suo programma nucleare e dei suoi proxy in tutta la regione, ma è anche un importante attore nella guerra contro l’ordine mondiale liberale guidato dagli Stati Uniti in Europa e altrove.

Non è la prima volta che l’Iran si schiera con il blocco anti-occidentale. L’Iran ha già firmato un accordo a lungo termine e multimiliardario che garantisce alla Cina un punto d’appoggio in Medio Oriente, ma questa è la prima volta che l’Iran scende dalla barricata e aiuta attivamente la Russia nel sanguinoso conflitto contro l’Ucraina e gli alleati della NATO (compresi Turchia e Canada).

Ciò conferma quanto Israele sostiene da anni: L’Iran non aspira solo all’egemonia regionale, ma anche a diventare un attore significativo sulla scena mondiale. Per questo motivo sviluppa missili a lungo raggio e droni che possono raggiungere Israele, l’Europa e forse anche il Nord America. Fornendo alla Russia i droni, l’Iran dichiara da che parte sta e inizia a perseguire i suoi obiettivi sulla scena internazionale.

Questa mossa comporta molte conseguenze. Potrebbe indurire la posizione degli Stati Uniti sulla prospettiva dello sviluppo e della produzione di armi nucleari da parte dell’Iran, poiché d’ora in poi quest’arma non rappresenterà una minaccia solo per i suoi vicini mediorientali, ma anche per l’Europa e gli Stati Uniti.

Biden dovrebbe riconsiderare se firmare un nuovo accordo nucleare o seguire il consiglio di Israele e dare un giro di vite all’Iran, presentando anche un’opzione militare credibile se la Repubblica islamica continuerà a dotarsi di armi nucleari o di sistemi d’arma convenzionali che minacciano l’Occidente.

L’uso di droni iraniani da parte dei russi in Ucraina consentirebbe agli iraniani di acquisire esperienza e perfezionare il loro già robusto apparato di droni che può funzionare efficacemente per migliaia di chilometri.

È lecito supporre che i consiglieri iraniani resteranno in territorio russo, ma saranno dislocati vicino alla linea del fronte con l’Ucraina per aiutare i loro apprendisti russi a far funzionare i sistemi che forniranno loro.

Ciò obbligherà gli Stati Uniti, e forse anche Israele, a sviluppare metodi e mezzi per aiutare l’esercito ucraino a neutralizzare i droni iraniani.

Israele potrebbe anche dover abbandonare la sua neutralità nel conflitto ucraino perché qualsiasi miglioramento dei droni iraniani ci metterebbe direttamente in pericolo.

Inoltre, Israele dovrebbe rivalutare se la disponibilità della Russia a utilizzare droni iraniani per missioni di ricognizione e per attaccare obiettivi ucraini rappresenti una minaccia diretta per noi e per gli Stati Uniti.

L’accettazione dell’aiuto iraniano da parte dei russi potrebbe anche influenzare il loro approccio alle attività israeliane in Siria contro il radicamento iraniano. Potrebbe anche trattarsi di una dichiarazione russa volta a dichiarare il loro schierarsi dalla parte dell’Iran, che potrebbe limitare la libertà d’azione di Israele nello spazio aereo siriano e libanese.

Il Primo Ministro Yair Lapid e il Ministro della Difesa Benny Gants hanno ora un’ottima ragione per chiedere a Biden sistemi d’arma offensivi che possano aiutare Israele e i suoi alleati in Medio Oriente a proteggersi da un Iran nucleare e da droni, missili da crociera e missili balistici che la Repubblica Islamica sta sfornando a rotta di collo. (articolo originale in inglese)

Guerra Russia – Ucraina: come arrivare veramente ai negoziati

Gli Stati Uniti dovrebbero impegnarsi a fornire all'Ucraina armi all'avanguardia fin da ora con un memorandum simile a quello che hanno con Israele

You May Also Like