Guerra Russia – Ucraina: come arrivare veramente ai negoziati

Gli Stati Uniti dovrebbero impegnarsi a fornire all’Ucraina armi all’avanguardia fin da ora con un memorandum simile a quello che hanno con Israele

Di Ambasciatore William B. Taylor – Il Presidente Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato che l’Ucraina negozierà con la Russia quando le forze ucraine avranno respinto l’esercito russo sulle posizioni del 24 febbraio, giorno in cui il Presidente Vladimir Putin ha iniziato la sua ultima guerra di aggressione contro l’Ucraina. La decisione su quando e come negoziare spetta interamente all’Ucraina. Ma gli Stati Uniti e gli altri alleati possono fornire il sostegno necessario agli ucraini in questo processo. Come potrebbe essere questo sostegno?

Il sostegno degli Stati Uniti dovrebbe essere militare, finanziario e politico

Militare. Per consentire all’Ucraina di respingere le forze russe fino alle linee del 24 febbraio e per metterla nella posizione migliore per negoziare, gli Stati Uniti, gli alleati della NATO e altri devono accelerare drasticamente il flusso di armi sofisticate verso l’Ucraina. Queste devono includere sistemi missilistici a medio e a lungo raggio, armi antiaeree e antimissile in grado di colpire ad alta quota e massicce quantità di munizioni per queste e per i nuovi pezzi di artiglieria ora in prima linea. Deve includere carburante per i carri armati e gli aerei. Devono essere inclusi i giubbotti antiproiettile e i kit di pronto soccorso per i soldati. Deve includere l’addestramento e l’intelligence. Gli Stati Uniti e i governi alleati della NATO stanno fornendo questo supporto, ma deve arrivare più velocemente. Ciò consentirebbe all’esercito ucraino di fermare l’avanzata russa e di organizzare una controffensiva quest’estate.

Finanziario. Importante quanto le armi sarà il sostegno finanziario. Per mettersi in una posizione forte per negoziare con i russi, l’Ucraina deve mantenere un governo efficiente, che paga i soldati e i lavoratori statali. Ma la Russia, con l’obiettivo di eliminare l’Ucraina come nazione, sta distruggendo città, ferrovie, ponti, ospedali, scuole, uffici governativi, industrie, fattorie, porti – la linfa vitale dell’economia ucraina. Questi attacchi stanno quasi dimezzando la produzione economica ucraina. Le persone sono disoccupate, le loro case distrutte. Le entrate fiscali sono diminuite drasticamente. Per mantenere in funzione scuole, ospedali, polizia ed esercito, il governo di Kiev ha bisogno di un sostegno finanziario che Zelenskyy ha stimato in 5 miliardi di dollari al mese. Gli Stati Uniti hanno impegnato complessivamente 54 miliardi di dollari per gli aiuti all’Ucraina. A questo finanziamento immediato deve seguire un massiccio sforzo di ricostruzione. Un grosso anticipo su questo finanziamento – sia il sostegno al bilancio a breve termine che il finanziamento della ricostruzione a lungo termine – dovrebbe provenire dai 300 miliardi di dollari di riserve della banca centrale russa che sono congelati nelle banche dei Paesi del Gruppo dei Sette (G-7).

Politico. Per negoziare con i russi, gli ucraini avranno bisogno di diverse forme di sostegno politico. In primo luogo, devono affrontare i negoziati fiduciosi di poter vivere in futuro in sicurezza, senza la minaccia di un’ulteriore invasione russa. Gli ucraini hanno imparato a loro spese che le promesse scritte dei russi di rispettare la sovranità e l’integrità territoriale non valgono nulla. Nel 1994 gli ucraini hanno rinunciato al terzo arsenale di armi nucleari più grande del mondo dietro la promessa della Russia (e di Stati Uniti e Gran Bretagna) di garantire la sicurezza dell’Ucraina. Nel 2014 e di nuovo nel 2022 i russi hanno invaso il territorio.

Per essere sicura di essere al sicuro in futuro, l’Ucraina deve essere accettata nella NATO o deve essere pienamente in grado di difendersi da sola. I russi non se ne andranno e non rinunceranno al loro obiettivo di eliminare l’Ucraina dalla carta geografica. Mentre il dibattito sull’adesione alla NATO si trascina (nel 2008 la NATO ha promesso che un giorno l’Ucraina sarebbe diventata membro), gli Stati Uniti dovrebbero impegnarsi a fornire all’Ucraina armi all’avanguardia, fin da ora. Questo impegno non deve necessariamente essere un trattato. Potrebbe assumere la forma di un impegno costante da parte del governo americano – Congresso e amministrazione – che verrebbe elaborato bilateralmente, specificando i tipi e le date di consegna delle armi. Gli Stati Uniti e Israele hanno un accordo simile, codificato in un memorandum d’intesa firmato da entrambe le parti. (La versione più recente di questo memorandum impegna gli Stati Uniti a fornire a Israele, in 10 anni, 38 miliardi di dollari in capacità militari avanzate).

Inoltre, Israele è un importante alleato non NATO degli Stati Uniti. Mentre prosegue il dibattito sull’adesione dell’Ucraina alla NATO, gli Stati Uniti dovrebbero designare anche l’Ucraina come alleato principale. Ciò renderebbe evidente la stretta relazione militare e politica tra gli Stati Uniti e l’Ucraina e aumenterebbe l’influenza di quest’ultima in qualsiasi negoziato con la Russia.

Gli Stati Uniti devono continuare a guidare e rafforzare l’ampia coalizione di democrazie che si è unita per fornire equipaggiamento militare agli ucraini e imporre sanzioni alla Russia…

Ambasciatore William B. Taylor

In secondo luogo, gli Stati Uniti devono continuare a guidare e rafforzare l’ampia coalizione di democrazie che si è unita per fornire equipaggiamento militare agli ucraini e imporre sanzioni alla Russia, in particolare per negarle i componenti ad alta tecnologia necessari per equipaggiare la sua macchina da guerra. I Paesi della NATO, l’Unione Europea, il G-7 e le nazioni dell’Asia orientale si sono uniti in una dimostrazione di determinazione senza precedenti per sostenere l’Ucraina e ritenere la Russia responsabile dei suoi crimini di aggressione e delle atrocità commesse. Questa alleanza è stata la chiave del successo dell’Ucraina fino ad oggi.

I leader di queste nazioni e organizzazioni devono continuare a far capire ai loro cittadini che la difesa di un ordine basato su regole che possa mantenere la pace e consentire la prosperità è fondamentale per il benessere globale. Per ampliare questa coalizione, la politica statunitense deve sostenere due messaggi: che proteggere il diritto all’autodeterminazione degli ucraini significa proteggere tale diritto per tutte le nazioni e che un ordine basato su regole più forte significa anche porre fine alla sottorappresentanza di molte parti del sud del mondo nel governare le nostre istituzioni internazionali.

In terzo luogo, gli Stati Uniti e i loro alleati devono rafforzare la politica secondo cui l’Ucraina dovrebbe partecipare ai negoziati solo quando gli ucraini decidono che hanno senso. Nessuna nazione dovrebbe esercitare pressioni – o anche solo fare proposte – affinché un’altra nazione, specialmente una che lotta per la sua stessa esistenza, rinunci a un territorio sovrano. Saranno gli ucraini a decidere su queste questioni. Loro e il Presidente Zelenskyy sono stati chiari: non lo faranno.

Oltre a questa posizione, gli Stati Uniti dovrebbero rimanere chiari sulla loro disponibilità a negoziare con la Russia sulle armi convenzionali e nucleari in Europa. Se i russi hanno preoccupazioni legittime per la loro sicurezza che possono essere affrontate dalla NATO e dal resto dell’Europa, Washington dovrebbe dirsi disponibile a sedersi per negoziare – separatamente dai negoziati tra Ucraina e Russia, ovviamente, ma forse in parallelo. Ad esempio, se i russi temono che la NATO possa piazzare armi nucleari in Ucraina, la NATO potrebbe accettare di non farlo – se i russi si impegnassero a loro volta a non piazzare armi nucleari vicino ai confini della NATO. Allo stesso modo, se i russi volessero che i bombardieri statunitensi non si avvicinassero più di una certa distanza dai confini russi, gli Stati Uniti potrebbero acconsentire – anche in questo caso, se i russi si impegnassero reciprocamente.

Infine, gli Stati Uniti dovrebbero dichiarare che le sanzioni e i controlli sulle esportazioni imposti ai russi e alla Russia rimarranno a tempo indeterminato e che potrebbero prendere in considerazione l’allentamento di alcune sanzioni solo in stretta consultazione con il governo ucraino e altri alleati occidentali.

Se gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali forniranno un sufficiente sostegno militare, finanziario e politico all’Ucraina, il Presidente Zelenskyy e il popolo ucraino avranno la possibilità di negoziare la fine della guerra, in un momento di loro scelta.

William B. Taylor è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina dal 2006 al 2009 sotto la presidenza Bush e Obama e come ambasciatore ad interim in Ucraina da giugno 2019 a gennaio 2020 sotto il presidente Trump

Biden in Israele tra le polemiche. Iran ma non solo

Polemiche per la visita di Biden a Gerusalemme Est. Ma si parlerà anche di Iran, Ucraina e nuove tecnologie

You May Also Like