Biden in Israele tra le polemiche. Iran ma non solo

Polemiche per la visita di Biden a Gerusalemme Est. Ma si parlerà anche di Iran, Ucraina e nuove tecnologie

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Primo Ministro israeliano Yair Lapid firmeranno oggi una nuova dichiarazione congiunta per ampliare le relazioni di sicurezza tra Stati Uniti e Israele.

Un alto funzionario della Casa Bianca ha dichiarato ai giornalisti in teleconferenza che la dichiarazione includerà la riaffermazione dell’impegno a bloccare l’Iran dall’acquisizione di armi nucleari.

«Questa dichiarazione è piuttosto significativa e include l’impegno a non permettere mai all’Iran di acquisire un’arma nucleare e ad affrontare le attività destabilizzanti dell’Iran, in particolare le minacce a Israele», ha detto l’alto funzionario della Casa Bianca.

L’impegno congiunto sottolineerà anche il continuo sostegno degli Stati Uniti e di Israele a un memorandum d’intesa che è stato finalizzato quando Biden era vicepresidente sotto l’ex presidente Barack Obama.

«La dichiarazione sottolineerà anche il sostegno agli Accordi di Abramo e l’espansione dell’integrazione di Israele nella regione, che naturalmente è un tema di questo viaggio», ha detto l’alto funzionario della Casa Bianca.

«E ribadirà le nostre preoccupazioni condivise su una serie di sfide globali, dalla sicurezza alimentare alla situazione in Ucraina, e naturalmente il sostegno alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina», ha aggiunto il funzionario.

Accordo sul nucleare iraniano

In un’intervista con i media israeliani, registrata martedì prima di lasciare Washington ma trasmessa mercoledì, Biden ha dichiarato che manterrà il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) nella lista delle organizzazioni terroristiche straniere (Foreign Terrorist Organizations, FTO) degli Stati Uniti anche se ciò dovesse far saltare l’accordo sul nucleare iraniano del 2015 e i nuovi colloqui a Vienna.

Alla domanda se le sue passate dichiarazioni di voler impedire a Teheran di ottenere un’arma nucleare significassero che avrebbe usato la forza contro l’Iran, Biden ha risposto: «Se fosse l’ultima opzione, sì».

«L’unica cosa peggiore dell’Iran è un Iran con armi nucleari», ha detto il presidente.

La prima visita di Biden in Medio Oriente da presidente

Biden è arrivato in Israele mercoledì per il suo primo viaggio in Medio Oriente da presidente, ma il decimo in assoluto.

All’aeroporto, Biden è stato informato dal Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz sul sistema di difesa israeliano Iron Dome e su una nuova tecnologia chiamata Iron Beam, che utilizza laser ed è in fase di sviluppo in collaborazione con l’Agenzia statunitense per la difesa missilistica.

Gli Stati Uniti hanno fornito a Israele 4,8 miliardi di dollari per la sua sicurezza, tra cui 1 miliardo di dollari per rifornire Iron Dome dopo il conflitto del maggio 2021 con Hamas.

Il presidente ha poi deposto una corona di fiori al memoriale dell’Olocausto di Yad Vashem e ha incontrato i sopravvissuti all’Olocausto.

Oggi Biden incontrerà Lapid per un bilaterale prima dell’annuncio della dichiarazione congiunta. Successivamente è previsto un incontro con il presidente israeliano Isaac Herzog nella sua residenza per discutere delle recenti visite di Herzog in Giordania, Turchia ed Emirati Arabi Uniti (EAU).

I due Paesi avvieranno anche un nuovo dialogo strategico di alto livello sulla tecnologia, nel tentativo di incrementare la cooperazione in quattro settori chiave. I quattro campi sono la tecnologia per aiutare la preparazione alle future pandemie, l’uso della tecnologia per influenzare il clima, la “tecnologia artificiale” e “altri ecosistemi tecnologici di fiducia”.

«Vogliamo che il loro settore tecnologico sia collegato al nostro e che guardi a occidente mentre cerchiamo di costruire l’apparato tecnologico per il futuro», ha dichiarato l’alto funzionario della Casa Bianca.

Biden parteciperà anche al primo vertice virtuale con i leader di Israele, India ed Emirati Arabi Uniti, incentrato sulla sicurezza alimentare e sulla promozione dell’energia pulita, e visiterà gli atleti che partecipano ai Giochi Maccabiah.

Polemica su Gerusalemme Est

Venerdì il Presidente visiterà la Cisgiordania e Gerusalemme Est e annuncerà le opportunità economiche palestinesi, compreso lo sviluppo delle capacità 4G, sia a Gaza che in Cisgiordania.

Si tratterebbe della prima visita di un presidente americano in carica a Gerusalemme Est, una mossa che ha suscitato qualche preoccupazione, anche da parte di sei repubblicani e dell’ex ambasciatore di Israele alle Nazioni Unite, Danny Danon, che ha esortato Biden a non andare.

«L’affermazione servirà solo a incoraggiare l’incrollabile rifiuto di Israele da parte dell’Autorità palestinese, che continua a rifiutarsi di accettare l’esistenza dello Stato ebraico di Israele», ha scritto Danon. «Considerando il fragile stato delle cose in Israele e in Medio Oriente e le recenti tensioni, una visita a Gerusalemme Est senza dubbio danneggerà le prospettive di pace piuttosto che incoraggiarle. La invito quindi, Presidente Biden, ad astenersi gentilmente da questa visita senza precedenti a Gerusalemme est».

Mercoledì, il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha dovuto ritrattare le osservazioni fatte dal consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan ai giornalisti sull’Air Force One, dopo aver detto che l’amministrazione Biden vuole che i palestinesi abbiano un consolato a Gerusalemme Est.

Dopo Israele, sabato Biden si recherà in Arabia Saudita per discutere della crisi energetica e tenere colloqui con altri alleati del Golfo a Gedda.

normalizzazione israele arabia saudita

Cosa vuol dire se l’Arabia Saudita normalizza i rapporti con Israele

La normalizzazione dei rapporti tra Israele e Arabia Saudita sarebbe una catastrofe per Teheran

You May Also Like