Iran: hacker bloccano servizio ferroviario e danno il numero di Khamanei per protestare

Se siete iraniani e siete arrabbiati perché il vostro treno è in ritardo o è stato addirittura soppresso, state calmi e protestate direttamente con Khamenei.

Un attacco hacker contro il sistema ferroviario iraniano ha gettato letteralmente nel caos milioni di viaggiatori.

Gli hacker hanno pubblicato messaggi falsi su ritardi o cancellazioni dei treni sui tabelloni delle stazioni di tutto il paese provocando caos e proteste.

Sui tabelloni delle stazioni sono comparsi messaggi come “lungo ritardo a causa di un attacco informatico” oppure semplicemente “cancellato”.

Ma la cosa più incredibile è stata che i viaggiatori sono stati invitati a protestare chiamando il “servizio clienti” ma il numero fornito era quello che Grande Ayatollah Ali Khamenei.

L’agenzia di stampa semiufficiale Fars ha riferito che l’attacco hacker ha portato a un “caos senza precedenti” nelle stazioni ferroviarie.

Sempre la Fars ha affermato che i treni in tutto l’Iran hanno perso il loro sistema di tracciamento elettronico.

La Fars ha poi rimosso il suo articolo e ne ha postato un altro dove il responsabile della compagnia ferroviaria statale, Sadegh Sekri, affermava che “l’interruzione” non aveva causato alcun problema per i servizi ferroviari.

Non è chiaro chi abbia portato questo attacco informatico all’Iran, reso per altro più difficile dal fatto che l’Iran ha disconnesso gran parte della sua infrastruttura da Internet.

Franco Londei
Politicamente non schierato. Voto chi mi convince di più e questo mi permette di essere critico con chiunque senza alcun condizionamento ideologico. Sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia