PRESENTAZIONE DEI CANDIDATI CAPOLISTA DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA'

Laura Boldrini, ex portavoce dell’Alto Commissariato dei Rifugiati dell’Onu (UNHCR) è stata eletta Presidente della Camera dei deputati, un ruolo che in teoria dovrebbe essere affidato a una personalità “al di sopra delle parti” e comunque a una persona di alto profilo.

Ma chi è Laura Boldrini? Già detto che era portavoce del UNHCR è una ferma sostenitrice dell’apertura incondizionata delle frontiere alle immigrazioni, un pensiero che non sempre coincide con il rispetto dei Diritti Umani come invece ci vogliono far credere. Promuove la cittadinanza per i figli degli extracomunitari nati in Italia. E’ sostanzialmente filo-araba (e quindi anti-israeliana).

Come tutti i burocrati dell’Onu è una ferma sostenitrice dell’assistenzialismo a 360°, un pensiero che va a discapito dello sviluppo, specie di quei Paesi che sono fonte di immigrazione. Insomma, preferiscono accoglierli e sfamarli invece che convincerli a rimanere nella loro terra imparando loro come vivere bene anche nel loro Paese d’origine. Ecco perché dico che l’accoglienza incondizionata che vorrebbe la Boldrini non sempre coincide con la difesa dei Diritti Umani. Sostenere i Diritti Umani significa soprattutto fare il possibile affinché tali Diritti vengano recepiti nelle terre di origine dei flussi migratori. Mandare il segnale che in Europa si può entrare ed essere accolti senza problemi non fa altro che favorire i mercanti di esseri umani che con queste “notizie” ci vanno a nozze.

Quindi, perlomeno per quanto mi riguarda, la Boldrini è una nemica dello sviluppo e già questo la qualifica come poco vicina alla difesa (vera) dei Diritti Umani.

Dice di essere “una ferma sostenitrice dei Diritti delle donne” ma, per esempio, sulla proposta di legge per vietare alle donne islamiche di indossare il burqa è palesemente fumosa se non contraria. Ha parlato di allarme criminalità da immigrazione clandestina come di un “allarme montato ad arte” (in quel caso accusò Maroni) ma non ha detto una sola parola per gli stupri di donne italiane da parte di extracomunitari e sulle violenze a cui sono sottoposte le donne sposate con extracomunitari.

Insomma, siamo di fronte a una buonista a tutto tondo, una persona che tende a sminuire il rischio che comporta una immigrazione sregolata e che difende i Diritti solo se si parla di extracomunitari ma non quando a essere violati dagli stessi extracomunitari sono i nostri Diritti.

Non c’è che dire, un bell’esempio per la terza carica dello Stato.

10 Comments

  1. Abdoulaye Bah

    Per fortuna che l’Italia non è popolata solo da gente con delle vedute così ristrette. L’argomentazione che presenta qui rende ancora più grande la mia collega Laura Boldrini (sì, perché sono stato anch’io funzionario dell’ONU) Sono fieramente marito, padre e nonno di italiani tutti nati a Roma e italianissimi. E vivo a Roma.

  2. sono fieramente amico di molti stranieri e di molti “nuovi italiani”. Ma la soluzione non è quella proposta dalla Boldrini o da Bersani. Così si invitano a nozze i trafficanti di esseri umani. Se lei è stato o è ne UNHCR sa benissimo che da dove partono i migranti i trafficanti di esseri umani usano ogni tipo di menzogna per convincere la gente a partire. Figuriamoci se alle donne dicono che i loro figli, se nasceranno in Italia, avranno la cittadinanza. E’ una mentalità sbagliata. Le leggi per ottenere la cittadinanza ci sono e non hanno bisogno di essere cambiate tantomeno se sono a favore dei trafficanti di esseri umani

  3. Nel suo caso allora, devo pensare che Lei prende una tale posizione verso i nostri figli per insufficienza d’informazione perché quello ci distingue noi Radicali è il fatto di essere aperti verso gli altri.

    Che ci sia un traffico di esseri umani alimentato dall’immigrazione clandestina, non si può negare purtroppo. Crede veramente che questa sia l’unica fonte d’immigrazione in Italia? Vogliamo gettare il bambino con l’acqua del bagnetto? Tutti quelli che arrivano in Italia non ci arrivano con i barconi;). Perché punire chi è nato in Italia solo per il fatto che eventi indipendenti dalla sua volontà si sono verificati prima della sua nascita?

    Oltre a tutto, l’Italia è in un disperato bisogno di immigrazione, considerando quello che il Cardinale Bagnasco ha definito con un termine molto azzeccato “suicidio demografico”, ossia una natalità che non è più in grado di assicurare il rinnovo demografico. Da una ricerca del governo Berlusconi si è arrivati alla conclusione che l’Italia aveva bisogno di oltre 100 000 immigrato all’anno:

    “L’ITALIA ha bisogno di nuovi immigrati? Certo: “Nel periodo 2011-2015 il fabbisogno medio annuo dovrebbe essere pari a circa 100mila, mentre nel periodo 2016-2020 dovrebbe portarsi a 260mila”. Tradotto: nei prossimi dieci anni avremo bisogno di “importare” un milione e 800mila lavoratori.”

    Queste previsioni sono state fatte prima che il numero di persone che lasciano l’Italia fossero quasi 2 volte superiore a quello di quanti vi entrano, come in questo periodo.

  4. che l’Italia abbia bisogno di nuovi immigrati è la più grossa fandonia che si possa raccontare. Con una disoccpazione al 30% (quella giovanile) è davvero grossa. E non mi venga a racontare la solita stupidata che gli immigrati fanno i lavori che gli italiani non fanno. Gli imigrati accettano di farli per pochi euro togliendo così il lavoro agli italiani favorendo il lavoro in nero. Insomma gli italiani quei lavori non li fanno perché estrememente sottopagati.
    In merito alla natalità, fino a quando il sistema assisterà gli immigrati favorendo così un sistema (tipico da UNHCR) di puro assistenzialismo ci credo che faranno figli. Esca da casa e si faccia un giro per vedere inche condizioni vivono le famiglie italiane. Lei parla di fanatascienza o di fantapolitica clericale.
    Guardi, facciamo come da altre parti: se abbiamo bisogno di immigrati li facciamo entrare con tanto di permesso di soggiorno. Tutti gli altri stanno fuori. Che ne dice?

  5. Vedo che perdo il mio tempo con qualcuno che ha delle vedute troppo limitate. Non vale la pena perdere ulteriore tempo con Lei, siamo su sponde troppo lontane;)

    Mi scusi di averLa disturbata nel Suo blog.

  6. nessun disturbo, mi creda. Siamo solo di idee contrapposte

  7. disgustavo

    La Boldrini ‘è sostanzialmente filo araba (e qui di anti israeliana)’.
    Vuol dire che essere filoisraeliani significa essere anti arabi? Perfetto.
    Ma bisognerebbe dirlo chiaramente, spesso e a voce alta, in modo che tutti lo sappiano.

    • non posso parlare per gli altri, Io sono fortemente e convintamente anti-arabo e non l’ho mai nascosto

  8. disgustavo

    Ma deve aggiungere di essere anche antiiraniano,anti pakistano,anti afgano,anti turco, un po’ anche antindiano. Altrimenti il suo profilo sarebbe incompleto.

  9. anti-iraniano non è corretto. Rispetto molto il popolo iraniano che, non so se lo sa, arabo proprio non è. Anti-regime iraniano decisamente si. Anti-Ayatollah senza dubbio. Pakistam, Afghanistan e Turchia sono regimi islamici estremisti (compresa la Turchia anche se un po’ più mascherata) e come sa io non amo gli islamici fanatici. Il mio profilo è chiarissimo