Ora la Russia minaccia la NATO. La Lituania nel mirino di Mosca

russia minaccia lituania

E adesso la Russia minaccia direttamente la NATO dopo che la Lituania ha deciso (giustamente) di applicare le sanzioni europee formulate contro la Russia e quindi di sospendere il traffico di determinate merci verso l’enclave russa di Kaliningrad.

Le minacce del Cremlino: «Qualora non venisse ripristinato il transito delle merci tra la regione di Kaliningrad e il resto del territorio russo attraverso la Lituania, la Russia si riserva il diritto di agire in difesa degli interessi nazionali» hanno tuonato da Mosca.

Una minaccia quindi, ma questa volta diretta verso un paese della NATO e membro dell’Unione Europea che giustamente ha applicato le sanzioni imposte alla Russia dopo l’aggressione all’Ucraina.

Anche la potente macchina della propaganda del regime russo si è messa immediatamente in moto attaccando in ogni modo la Lituania e arrivando addirittura a proporre la creazione di un corridoio tra la Bielorussia e Kaliningrad, corridoio che chiaramente andrebbe creato con la forza.

Le minacce del Cremlino alla Lituania sono una sfida per NATO e UE

Andriy Yermak, capo dell’ufficio di Zelensky

«I tentativi del Cremlino di minacciare la Lituania sono una sfida per l’UE e per la NATO. Ora è importante mantenere una posizione stabile e non fare concessioni alla Russia su sanzioni e restrizioni al transito delle merci dalla Russia a Kaliningrad. Qualsiasi concessione sarà percepita da Mosca come una debolezza». A dirlo è Andriy Yermak, capo dell’ufficio del Presidente ucraino.

La risposta della Lituania alle minacce russe: Vilnius ha risposo alle accuse russe attraverso una dichiarazione affermando che «il transito di passeggeri e merci non soggette a sanzioni dell’UE nella regione di Kaliningrad attraverso il territorio della Lituania continua ininterrotto». Il ministero degli Affari esteri ha chiarito che la Lituania «non ha imposto restrizioni unilaterali, individuali o aggiuntive al transito e sta agendo in piena conformità con il diritto dell’UE».

Alta tensione: la tensione è alta poiché molti diplomatici occidentali ed esperti militari hanno avvertito che la Russia potrebbe utilizzare Kaliningrad, che si trova tra Polonia e Lituania ed è rifornita dalla Russia tramite ferrovie e gasdotti, per dividere la NATO e testare la determinazione dell’Occidente. I commenti di lunedì da parte di Mosca sembravano confermare quei timori.